Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 20/07/2024, 8:25




Rispondi all’argomento  [ 146 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 15  Prossimo
Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche AICIG 
Autore Messaggio
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
AICIG nel segno della continuità.
Confermate le cariche sociali nel corso del primo incontro del Consiglio Direttivo eletto di recente dall'Assemblea dei Soci.

Giuseppe Liberatore alla Presidenza. Stefano Berni e Stefano Fanti Vice Presidenti

I Consorzi di tutela italiani delle Dop e Igp riuniti in Aicig scelgono di procedere nella direzione finora intrapresa, confermando le cariche sociali all'interno del nuovo Consiglio Direttivo dell'Associazione che si è dato appuntamento, nella giornata di lunedì scorso, per la prima volta a seguito dell'Assemblea dei Soci del 30 marzo 2015.

E' una conferma nel segno della continuità, dunque, la designazione alla carica di Presidente di Giuseppe Liberatore e dei due Vice Presidenti Stefano Fanti e Stefano Berni, quest'ultimo nominato anche Tesoriere della compagine associativa.

Rinnovato altresì l'incarico a tutti i Consiglieri uscenti, che saranno affiancati da due nuovi inserimenti (la composizione del Consiglio è stata portata da 9 a 11 membri).

"Ringrazio per la fiducia - dichiara Giuseppe Liberatore - riposta nuovamente nella mia persona da parte dei Consiglieri Aicig. L'Associazione dimostra ancora una volta rinnovata compattezza e idee chiare sulle iniziative da attuare per la salvaguardia ed il rafforzamento del sistema delle Indicazioni Geografiche in ambito nazionale e ancor più internazionale. Le sfide che ci attendono necessitano di una visione unitaria e condivisa delle principali problematiche avvertite dai Consorzi di tutela. Sono certo che il nuovo Consiglio Direttivo, espressione ampia delle principali filiere della qualità certificata nazionale, saprà raccogliere al meglio tali sfide lavorando con impegno nell'ottica di una partecipazione attiva alla vita associativa."



L'attuale Consiglio di Aicig risulta composto da:

Giuseppe Liberatore - Presidente (Consorzio Olio Dop Chianti Classico)

Stefano Berni - Vice Presidente e Tesoriere (Consorzio per la Tutela del Formaggio Grana Padano Dop)

Stefano Fanti - Vice Presidente (Consorzio del Prosciutto di Parma Dop)

Salvatore Chiaramida - Consigliere (Consorzio di Tutela Igp Pomodoro di Pachino)

Mario Emilio Cichetti - Consigliere (Consorzio del Prosciutto di San Daniele Dop)

Riccardo Deserti - Consigliere (Consorzio del Formaggio Parmigiano-Reggiano Dop)

Federico Desimoni - Consigliere (Consorzio Tutela Aceto Balsamico di Modena Igp)

Stefano Fontana - Consigliere (Consorzio per la Tutela del Formaggio Gorgonzola Dop)

Gianluigi Ligasacchi - Consigliere (Consorzio Mortadella Bologna Igp)

Salvatore Martorana - Consigliere (Consorzio di Tutela e Valorizzazione dell'Olio Extravergine di Oliva Dop Val di Mazara)

Stefano Pavoncelli - Consigliere (Consorzio di Tutela Oliva da Mensa Dop La Bella della Daunia - "Cultivar Bella di Cerignola")


Allegati:
Giuseppe Liberatore rieletto Presidente di AICIG.jpg
Giuseppe Liberatore rieletto Presidente di AICIG.jpg [ 820.74 KiB | Osservato 2313 volte ]

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)
16/04/2015, 12:13
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
SETTIMANA NEGOZIALE SUL TTIP. AICIG E I CONSORZI DI TUTELA IN PRIMA LINEA PER DIFENDERE LE ESIGENZE DELLE PRODUZIONI DOP E IGP

Aicig presente ad una serie di appuntamenti in programma nei prossimi giorni a Washington e a New York in occasione di una settimana cruciale per supportare gli interessi del sistema di protezione delle Indicazioni geografiche nelle trattative bilaterali tra Unione Europea e Stati Uniti.

Fitta l'agenda di eventi nel corso dei quali l'Associazione ribadirà l'importanza di un riconoscimento pieno del sistema delle denominazioni all'interno del negoziato TTIP. Domani 21 aprile si terrà presso l'Ambasciata Italiana a Washington una conferenza stampa organizzata da Aicig ed Origin. Giovedì 23 è fissato un intervento di Aicig durante lo stakeholder meeting; sono inoltre previsti altri vari appuntamenti con importanti soggetti istituzionali interessati a vario titolo all'esito conclusivo dell'accordo.

In rappresentanza di Aicig, il Segretario Generale Pier Maria Saccani avrà modo di illustrare i benefici prodotti dalle Indicazioni Geografiche sull'intero comparto agroalimentare italiano. I volumi della produzione certificata DOP e IGP dal 2004 al 2013 sono cresciuti di oltre il 71 per cento ed il fatturato all'estero, sempre nell'ultimo decennio, sono aumentati di oltre il 180 per cento. Un comparto che continua a dare segnali positivi: è pertanto indispensabile salvaguardare e diffondere sempre più questo patrimonio culturale e difenderne la crescita e valorizzarne le potenzialità.

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


20/04/2015, 16:39
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
DOP E IGP A TUTTOFOOD INSIEME NELLA CASA DI AICIG

CON DEGUSTAZIONI E ATTIVITA' ISTITUZIONALI

Il mondo delle DOP e delle IGP riunito a Tuttofood sotto l'egida di AICIG, l'Associazione Italiana dei Consorzi Indicazioni Geografiche che riunisce i Consorzi di tutela riconosciuti Mipaaf e che rappresenta oltre il 90%, in valore economico, delle produzioni italiane Dop e Igp. Ad oggi le DOP italiane sono 162 (il 27,46% del totale delle denominazioni europee) mentre le IGP sono 109 (17,22% del totale europeo) per un totale di 271 denominazioni su 1.223, ovvero il 22,16% del dato europeo. AICIG attualmente rappresenta 58 soci, ma il dato su cui concentrare l'attenzione è quello che indica come le prime dieci DOP-IGP rappresentate, valgano da sole oltre l'80% del fatturato alla produzione complessivo di tutte le IG italiane che ammonta a circa 6,5 miliardi di euro. Questi dati, fanno di AICIG un unicum nel suo genere, anche nel contesto europeo: rispetto al fatturato alla produzione UE generato nel suo insieme dal comparto della qualità certificata (vini esclusi), la quota di valore economico attribuita alle IG agroalimentari rappresentate in Aicig è stimata attorno al 33%.

Per tutta la durata della kermesse milanese, ampio e ricco è il palinsesto delle attività che animeranno la "casa" delle DOP e IGP con iniziative istituzionali promosse dai vari consorzi presenti, in particolare Aceto Balsamico di Modena IGP, Gorgonzola DOP, Grana Padano DOP, Mozzarella di Bufala Campana DOP, Oliva Bella della Daunia DOP, Pecorino Toscano DOP e Taleggio DOP, cui si aggiungono - con una partecipazione in forma collettiva - 14 Consorzi di Tutela della salumeria DOP IGP aderenti ad ISIT.

Tra gli eventi che caratterizzano il palinsesto di AICIG a Tuttofood ci sarà la conferenza stampa organizzata in collaborazione con Ismea per lunedi 4 maggio alle ore 15 e dedicata all'Anteprima Progetto Olio di Oliva DOP/IGP: un patrimonio italiano tutto da valorizzare", mentre un incontro con la Camera di Commercio Italiana a New York e una delegazione di buyers americani aprirà la giornata di martedì 5. A chiuderla, sarà invece la conferenza stampa di presentazione del Corso di laurea di Scienze Gastronomiche e del Master Comet dell'Università di Parma che si terrà nello spazio di AICIG alle 16.30.

Per ogni giorno di manifestazione, nello stand istituzionale di AICG si alterneranno momenti di degustazione di prodotti DOP e IGP e show cooking, cui si aggiungono ulteriori attività istituzionali e presentazioni curate dai singoli consorzi.

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


30/04/2015, 14:56
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
SAVE THE DATE AICIG TUTTOFOOD 4 MAGGIO ORE 15 - CONFERENZA STAMPA ANTEPRIMA PROGETTO OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA


Allegati:
unnamed.jpg
unnamed.jpg [ 82.01 KiB | Osservato 2217 volte ]

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)
30/04/2015, 15:04
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
GRANDE GIOCO DI SQUADRA DELL'ITALIA: RAGGIUNTA L'INTESA SULLA REVISIONE DELL'ACCORDO DI LISBONA, PASSO AVANTI VERSO UNA TUTELA INTERNAZIONALE PIÙ AMPIA DELLE INDICAZIONI GEOGRAFICHE

Ginevra, 27 maggio 2015. Un grande lavoro di squadra si è svolto nelle scorse due settimane a Ginevra in occasione della revisione dell'Accordo di Lisbona in materia di protezione e registrazione internazionale delle denominazioni d'origine presso la sede dell'Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI/WIPO).
Il testo diramato è il frutto di lunghe trattative multilaterali tra i Governi promotori del suddetto Accordo e sancisce un deciso passo in avanti verso una più efficace tutela internazionale delle IG, con l'auspicio che altri Stati possano aderire al Nuovo atto, mantenendo peraltro un livello di protezione elevato ed uniforme per tutte le IG. Importante è stata la reazione compatta nei confronti di alcuni Paesi, anche non aderenti all'Accordo, intenzionati a sfruttare l'occasione per cercare di indebolire il sistema delle Indicazioni Geografiche.
Indispensabile il lavoro svolto dai Ministeri delle Politiche Agricole, dello Sviluppo Economico e Affari Esteri, che hanno coinvolto anche Aicig, rappresentata a Ginevra dagli avvocati Giorgio Bocedi e Simone Calzi. La delegazione italiana ha lavorato incessantemente durante le due settimane di incontri ed è stata sempre in prima fila nel richiedere le integrazioni al testo dell'Accordo con lo scopo di ottenere una maggior tutela per le denominazioni di origine.
"L'applicazione dell'Accordo di Lisbona - dichiara Pier Maria Saccani, Segretario Generale di Aicig - ha generato importanti risultati in passato ed è uno strumento fondamentale per la tutela delle denominazioni di origine a livello internazionale. L'esito positivo delle complesse trattative multilaterali per la revisione dell'Accordo, conseguito anche grazie all'ottimo lavoro svolto in questi mesi dai Ministeri italiani coinvolti, evidenzia ancora una volta il ruolo fondamentale e l'importanza di una protezione più estesa delle indicazioni geografiche anche fuori dall'Europa."

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


27/05/2015, 15:02
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
REGOLAMENTAZIONE DEI VOLUMI DI PRODUZIONE E TUTELA DEI PRODOTTI DOP E IGP NELL'AMBITO DEI NEGOZIATI TTIP: TANTI ARGOMENTI AFFRONTATI DA AICIG A BRUXELLES

Si consolida l'asse italo-francese per la tutela e lo sviluppo del settore dei prodotti Dop e Igp e per supportare in ambito comunitario le ragioni e gli interessi delle produzioni a indicazione geografica.

Aicig e Cnaol (associazione che rappresenta le produzioni Dop del settore caseario francese) si sono incontrate oggi a Bruxelles per un confronto legato all'applicazione delle disposizioni comunitarie sulla regolamentazione dell'offerta.

Presenti numerosi Consorzi di tutela italiani: i formaggi Asiago, Grana Padano, Parmigiano Reggiano ma anche il Prosciutto di Parma e la Mortadella Bologna.

Le disposizioni sulla regolamentazione dell'offerta dei prodotti a denominazione, fortemente voluta dai Consorzi di tutela ed inserita nella normativa comunitaria, dovrebbero fornire un equilibrio ed una stabilità in ogni fase di produzione. Con i colleghi francesi, dopo i primi anni di applicazione delle norme comunitarie nel settore lattiero-caseario, si è fatto il punto della situazione valutando anche possibili miglioramenti ai diversi sistemi di regolamentazione.

"Questi confronti - dichiara Riccardo Deserti di Aicig - sono indispensabili per una corretta applicazione delle norme comunitarie su temi così specifici. I dialoghi costanti avviati con i colleghi francesi hanno lo scopo di rafforzare l'intero settore anche in ambito extracomunitario".

Grande partecipazione anche all'incontro dei portatori di interesse organizzato nell'ambito dei negoziati tra Unione Europea e Stati Uniti.

Aicig e diversi Consorzi hanno insistito nei confronti dei negoziatori al fine di ottenere, nel futuro accordo, una protezione per le produzioni Dop e Igp comunitarie sul territorio statunitense.

"Le produzioni a denominazione, con tutto il sistema di controllo e certificazione, costituiscono un settore di primaria importanza per un corretto sviluppo dell'intero settore agroalimentare - dichiara Gianluigi Ligasacchi di Aicig a latere dello stakeholder meeting -; è indispensabile ottenere un'adeguata protezione per i prodotti Dop e Igp anche negli Stati Uniti per tutelare i produttori comunitari ma anche per garantire i consumatori americani, spesso non in condizione di compiere una scelta consapevole".


Allegati:
Pier Maria Saccani, segretario AICIG.jpg
Pier Maria Saccani, segretario AICIG.jpg [ 142.64 KiB | Osservato 2099 volte ]

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)
15/07/2015, 14:25
Profilo WWW
Sez. Coltivazioni Forestali
Sez. Coltivazioni Forestali
Avatar utente

Iscritto il: 16/09/2008, 15:33
Messaggi: 3186
Località: Firenze
Formazione: Diploma Perito agrario-Dottore in Scienze e tecnologie dei sistemi forestali
Rispondi citando
AICIG collabora alla redazione della Nuova Guida di ItaliaOggi

"LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE AGROALIMENTARE IN INTERNET"

Organizzazioni, norme, ricerche ed esperienze in Italia a tutela di indicazioni geografiche, marchi e nomi a dominio

Roma, 21 luglio - AICIG ha collaborato ai contenuti della pubblicazione editoriale di ItaliaOggi, su iniziativa del Ministero dello Sviluppo Economico e la società Convey, dedicata quest'anno alla "LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE AGROALIMENTARE IN INTERNET", portando il proprio contributo in termini di esperienza sull'innovativo tema posto in discussione.

La Guida - anche in relazione alla concomitanza di EXPO Milano 2015 - vuole essere uno strumento per incentivare la diffusione della cultura della Proprietà Industriale ed Intellettuale con taglio molto concreto, pensato per le Imprese e le loro Organizzazioni, finalizzata alla tutela del cibo e vino di qualità, privilegiando gli aspetti della protezione dei segni distintivi e, in particolare, la tutela delle Indicazioni Geografiche e delle Denominazioni di Origine anche nella nuova "dimensione Internet" in fase di inarrestabile espansione a livello globale.

Nella prima parte è stata posta l'attenzione sulle Istituzioni pubbliche Italiane che, a livello di governo centrale, sovraintendono, coordinano e controllano gli ambiti agro-industriali che costituiscono le "eccellenze del Made in Italy". Successivamente vengono approfondite le normative di riferimento nazionali ed internazionali sulla P.I. a difesa delle produzioni di qualità e si affrontano gli aspetti più problematici per le eccellenze del cibo e del vino.

"Questo lavoro - dichiara il Presidente Aicig Giuseppe Liberatore - è la conferma che i Consorzi di tutela, adeguatamente supportati dalle Istituzioni, insieme anche ad altri soggetti del settore, possono assolvere un ruolo di primo piano, finalizzato alla trasmissione di concetti essenziali sulle IG, che accrescano sempre più le conoscenze del consumatore agroalimentare italiano".

_________________
"La pagina di Io sono un contadino...e me ne vanto!" su Facebook!


21/07/2015, 14:03
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
Aicig, Ismea e Zowart Creative Agency insieme per studiare potenzialità e criticità del comparto oleario italiano di qualità certificata

L'OLIO ITALIANO SUPERSTAR IN RETE E NELLA GDO, DALL'EUROPA AGLI USA
MA ANCORA POCHI CONSUMATORI RICONOSCONO IL VALORE DI DOP E IGP

Dai risultati di una ricerca collettiva condotta off-line e on-line, una serie di utili suggerimenti per supportare meglio il sistema dei Consorzi nell'attività di valorizzazione

Roma, 8 ottobre 2015. Scarsa percezione del valore della certificazione di qualità e una alta web reputation dell'olio italiano nei media di tutto il mondo: due concetti in apparente antitesi tra loro che mostrano le varie sfaccettature del comparto oleario italiano, evidenziando da una parte la capacità di promuovere l'olio italiano nel mondo e dall'altra la difficoltà a instillare nel consumatore una conoscenza dei marchi DOP e IGP tale da permettere il riconoscimento del valore aggiunto derivante dalla certificazione di qualità. Questo è uno dei risultati della ricerca "L'oro verde italiano. Indagine online e offline sull'olio extravergine DOP/IGP italiano" condotta da Ismea ed Aicig con la collaborazione di Zowart Creative Agency, presentata ieri 7 ottobre nella sede Aicig di Roma alla presenza di Fabio Del Bravo, Direttore Servizi per il Mercato Ismea, Francesco Carnevale, Presidente e Direttore creativo Zowart Creative Agency, Pier Maria Saccani, Segretario Generale AICIG, le cui conclusioni sono state affidate a Luca Bianchi, Capo Dipartimento delle Politiche competitive della qualità agroalimentare, ippica e della pesca MIPAAF. L'incontro è stato moderato da Mauro Rosati, Direttore Generale Fondazione Qualivita e vi hanno partecipato, tra gli altri, anche Luca Sani, Presidente della Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, Massimo Fiorio Vice Presidente della stessa Commissione Agricoltura e Colomba Mongiello, deputato e membro della Commissione.

Tre gli obiettivi in particolare: analizzare la presenza di Olio Extravergine di Oliva DOP/IGP italiano presso un numero selezionato di punti vendita in USA e in Europa, studiare la percezione del prodotto nei social media e blogger italiani e stranieri e analizzare il livello di comunicazione in rete offerto dai Consorzi di oli associati ad Aicig.

L'analisi si è concentrata su come e quanto il concetto di olio extravergine d'oliva in generale - e italiano a denominazione in particolare - venga percepito dal consumatore finale, nel tentativo di individuare quei gap informativi che possono incidere negativamente sulle scelte al momento dell'acquisto.

L'indagine, tra gli altri spunti di riflessione, rivela che la tipologia extravergine, di varia origine, marca nettamente la sua presenza tra gli oli d'oliva in generale negli scaffali della GDO (con un'incidenza costantemente al di sopra del 60%) e nelle discussioni animate sui blog e su altri canali on-line considerati tra i più influenti del web.

In particolare, l'olio extravergine italiano (o individuato/percepito come tale) prevale rispetto a prodotti comparabili di altra provenienza geografica, in termini di presidio dei mercati al consumo (con picchi stimati in taluni casi anche oltre il 60%) e di conversazioni analizzate sulla Rete.

Un dato su tutti: l'extravergine d'oliva italiano è l'argomento più discusso nella blogosfera statunitense (42,7% è la stima del peso delle discussioni riguardanti il prodotto nazionale in rapporto a quelle dedicate all'extravergine in generale). I concetti più richiamati nelle discussioni richiamano legame con il territorio e sistema di controllo… un segnale importante per le produzioni Dop e Igp!


Allegati:
Da sx Luca Bianchi Pier Maria Saccani Colomba Mongiello Fabio Del Bravo Mauro Rosati Francesco Carnevale e Luca Sani.jpg
Da sx Luca Bianchi Pier Maria Saccani Colomba Mongiello Fabio Del Bravo Mauro Rosati Francesco Carnevale e Luca Sani.jpg [ 546.72 KiB | Osservato 1965 volte ]

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)
08/10/2015, 16:41
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
TTIP, Indicazioni Geografiche ma non solo: tanti gli argomenti emersi durante l'incontro che si è tenuto presso l'Ambasciata Italiana a Washington

Protezione delle Indicazioni Geografiche, ma anche food security and food safety e tutela dei consumatori. Questi i principali argomenti emersi durante l'incontro che si è tenuto lo scorso 5 novembre presso l'Ambasciata d'Italia a Washington.

Dopo l'intervento iniziale del Consigliere Andrea Cascone che ha portato i saluti dell'Ambasciatore d'Italia negli Stati Uniti Claudio Bisogniero, Stefano Fanti, direttore del Consorzio del Prosciutto di Parma, e Pier Maria Saccani, segretario di Aicig (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche), hanno descritto il sistema comunitario delle Indicazioni Geografiche evidenziando in particolare le attività di controllo e tutela legate alle singole denominazioni.

Emilio Gatto, Direttore Generale della Qualità del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, ha poi illustrato il ruolo che rappresentano le denominazioni di origine nell'ambito generale dell'agricoltura italiana.

Sharon Mayl, Senior Advisor della Food and Drug Administration, ha poi presentato la grande riforma legislativa che sta interessando il settore agroalimentare negli Stati Uniti. Nello specifico sono state evidenziate le nuove regole relative agli importatori (e di riflesso ai produttori stranieri) per l'introduzione di prodotti agroalimentari sul mercato.

Paolo De Castro, Membro del Parlamento Europeo e relatore permanente sul Ttip si è occupato delle conclusioni.

"Il sistema delle indicazioni geografiche - dichiara Gatto - rappresenta il traino dell'intero settore agroalimentare nazionale con prodotti conosciuti in tutto il mondo. Ma le produzioni Dop e Igp sono anche modelli di sviluppo sostenibile ed una garanzia per il consumatore finale".

"Informazioni chiare sull'origine dei prodotti - sottolinea Pier Maria Saccani - sono fondamentali; è necessario individuare standard comuni in tema di indicazioni geografiche non solo per tutelare i produttori ma anche per salvaguardare i consumatori sempre più interessati e attenti alla tracciabilità."

"E' il momento di accelerare sul Ttip - dichiara De Castro - tanti sono i punti di contatto tra Europa e Stati Uniti, bisogna cercare di superare le divisioni e raggiungere quanto prima l'accordo per permettere e supportare lo sviluppo dei mercati. Sicuramente - prosegue De Castro - per l'Europa non è ipotizzabile un accordo senza Indicazioni Geografiche ma sono convinto che anche dalla sponda americana dell'Atlantico potranno comprendere le nostre ragioni che alla fine sono anche volte a tutelare i consumatori americani in merito alla provenienza geografica dei prodotti".

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


10/11/2015, 15:06
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 68039
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
"IN ONDA" LA CAMPAGNA PROMOZIONALE ISTITUZIONALE DEL MIPAAF SUI PRODOTTI DOP E IGP
GRANDE APPREZZAMENTO DEI CONSORZI DI TUTELA

Roma. Nel corso degli ultimi mesi è stato istituito, presso la Direzione Qualità del Ministero delle Politiche Agricole, un Tavolo operativo con la partecipazione di Associazioni e rappresentanti della Grande Distribuzione Organizzata, per porre in essere attività sinergiche tra diversi attori interessati a valorizzare più efficacemente le produzioni a Indicazione Geografica.
Tra le prime iniziative scaturite dai confronti tra i portatori d'interesse coinvolti al Tavolo, è stata proposta ed elaborata dal Mipaaf una campagna promozionale finalizzata ad informare correttamente il consumatore italiano sulle caratteristiche essenziali e sulle peculiarità dei prodotti DOP e IGP.
Sono oltre 3.000 i punti vendita della GDO che hanno già aderito all'iniziativa e che svilupperanno nell'immediato futuro una serie di attività presso gli esercizi commerciali, con l'obiettivo di favorire maggiore spazio e visibilità ai prodotti di qualità certificata.
Parallelamente il Ministero ha commissionato la realizzazione di spot video e audio, che saranno messi in onda tramite i principali canali televisivi e radiofonici, allo scopo di effettuare un'opera di sensibilizzazione destinata al consumatore finale con l'intento di orientarlo maggiormente verso l'acquisto di prodotti IG.
La campagna promozionale ideata per il territorio nazionale assume particolare rilievo in ragione del prolungato periodo di crisi attraversata dal mercato interno. Iniziative di tale portata possono pertanto contribuire a risollevare le sorti dei consumi italiani di prodotti agroalimentari.
Occorre ricordare che, pur in presenza di risultati confortanti in ambito export, il mercato italiano resta tuttora lo sbocco commerciale di riferimento per le produzioni a IG nazionali, assorbendone attorno all'80% del totale.
"Nell'accogliere positivamente la campagna promossa dal Mipaaf - dichiara Stefano Berni, Vicepresidente di Aicig - auspichiamo altresì continuità nell'opera promozionale intrapresa e nel funzionamento del Tavolo operativo istituito tra Associazioni e rappresentanti della GDO. Dobbiamo fare il possibile per mettere il consumatore finale sempre più nella condizione di saper distinguere in fase d'acquisto i prodotti DOP e IGP rispetto ai similari".

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


03/12/2015, 19:15
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 146 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 ... 15  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy