Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 29/02/2020, 12:26




Rispondi all’argomento  [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5
IL CACIOFIORE. 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 02/09/2012, 17:49
Messaggi: 1492
Località: L'isola che non c'è
Formazione: 5-5-5...alla Oronzo Cana'!La Bizona è imbattibile!Adottatela anche voi!
Rispondi citando
Mi era avanzato del caglio vegetale dello scorso anno...dopo tanta fatica per prepararlo mi era sembrata un'assurdita' buttarlo...e quindi mi son cimentato nuovamente nella lavorazione del caciofiore... :D
Son partito da 10 L di latte e a distanza di 45 giorni le 2 forme pesano 1530 gr e 1340 gr...totale 2,800 gr...(una resa troppo elevata...credo che la bilancia si sia fatta un cannone! :lol: ).
Dopo 35 giorni di stagionatura in frigo...(seguendo paro-paro tutte le indicazioni del caro amico Gil... ;) sono stato costretto a portarle in ospedale causa lesioni e fratture scomposte...dopo un accurato bendaggio ora stanno meglio ;) ...l'unico problema è rappresentato dale muffe...
E' mia intenzione farle stagionare almeno altri 15 giorni...


Allegati:
090320071116_800x600.jpg
090320071116_800x600.jpg [ 43.66 KiB | Osservato 981 volte ]
090320071124_800x600.jpg
090320071124_800x600.jpg [ 42.58 KiB | Osservato 981 volte ]
090320071102_800x600.jpg
090320071102_800x600.jpg [ 43.02 KiB | Osservato 981 volte ]
090320071117_800x600.jpg
090320071117_800x600.jpg [ 44.16 KiB | Osservato 981 volte ]

_________________
Cerco Gallo Araucana con ciuffi auricolari max 6 mesi[color=#40BF80]Chi nasce Mappina...nun po' muri' Foulard..!
18/05/2015, 12:18
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
Grande L. Stavolta volevi produrre il caciofiore ma mi sa che viene una simil torta del casar....... :D , con quelle bende sta stracchinandoica male dentro....... :D .

Sono contento per te se stracchina, segno che in fondo il caglio di cardo si può produrre con facilità.

Bravo L. Aspetto il taglio..

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"


18/05/2015, 14:20
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 02/09/2012, 17:49
Messaggi: 1492
Località: L'isola che non c'è
Formazione: 5-5-5...alla Oronzo Cana'!La Bizona è imbattibile!Adottatela anche voi!
Rispondi citando
Sapore eccezionale...per gran parte spalmabile...ma ancora non ci siamo... :?


Allegati:
230320071137_800x600.jpg
230320071137_800x600.jpg [ 34.87 KiB | Osservato 947 volte ]
230320071147_800x600.jpg
230320071147_800x600.jpg [ 30.86 KiB | Osservato 947 volte ]
230320071150_800x600.jpg
230320071150_800x600.jpg [ 41.07 KiB | Osservato 947 volte ]
230320071163_800x600.jpg
230320071163_800x600.jpg [ 31.02 KiB | Osservato 947 volte ]

_________________
Cerco Gallo Araucana con ciuffi auricolari max 6 mesi[color=#40BF80]Chi nasce Mappina...nun po' muri' Foulard..!
02/06/2015, 0:14
Profilo
Sez. Industria Lattiero-Casearia
Sez. Industria Lattiero-Casearia
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:14
Messaggi: 7523
Località: Auckland NZ
Formazione: Tecnico Caseario
Rispondi citando
Foto un po sfocate e non riesco a capire l'origine di quegli occhi

_________________
"Ragazzi, ricordatevi che il rugby è un gioco di squadra. Quindi, per cortesia, passate tutti e 14 la palla a Jonah".


03/06/2015, 11:52
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/11/2017, 20:39
Messaggi: 9
Località: Trelew - Patagonia - Argentina
Rispondi citando
Ciao a tutti, provo a spiegare la procedura che ho seguito per produrre il mio primo formaggio, che è ispirato al caciofiore del buon Giliberti (spero che legga ancora questi post!)
Il 14/12/2017 ho usato 19,6 kg di latte di pecora, la metà decongelato, l'altra metà fresca.
11:35 Inizio con temperatura latte 15°
11.50 Arriviamo a 38° e spegniamo il fuoco, incorporando lo yogurt (di vacca, con un poco di zucchero perché qui non si trovano altri yogurt e non avevo ancora i fermenti). Mescoliamo bene.
12: 06 Si mette da parte ½ litro di latte, però per un problema perdiamo tempo per aggiungere il quaglio.
12:14 Si mescolano 30 grammi di quaglio in polvere nel latte messo da parte e si mette nella pentola con il resto del latte, che intanto è a temperatura 38/39°.
13.03 si taglia la cuagliata verticalmente in cubi 5 x 5 cm con coltello lungo.
13.23 Si procede al taglio in cubetti della dimensione di una noce e con un coltello lungo (taglio verticale) e successivamente con la schiumarola (orizzontale).
13:35 dopo un riposo di 10 min. si estrae la quagliata e si colloca in colapasta di distinta forma perché perdano il siero.
Tra le 14:22 e le 16.30 si effettua una stufatura posizionando le forme su una teglia grande, sopra un forno industriale acceso e si girano le forme 5 volte.
Alle 20 collochiamo le forme in frigo riempiendo il cassone del fondo di acqua.
Il giorno successivo si salano ambo i lati. Si ripete l'operazione altre tre volte, aumentando ogni volta la distanza temporale tra una salatura e l'altra.
Apriamo una forma il 3/01/2018 (dopo 20 giorni): il prodotto viene lavato per via di alcune macchie di muffa di colore grigio scuro e arancione/rosso chiaro. Procediamo al taglio: la parte esterna ha un colore giallo paglierino, mentre nel centro la consistenza è morbida-umida con un colore giallo avorio, alveolatura importante, profumo di latte e in bocca consistenza cremosa. Unica nota discordante un lieve sapore di fondo leggermente amaro. Il formaggio sembra aver bisogno di più tempo, calcoliamo tra i 7 e i 10 giorni (come indica la ricetta!).
La seguente forma si apre nei giorni 10-13 di gennaio 2018 (ricordo che qui è estate piena). Avendo girato il formaggio alcune volte, asciugando la pellicola di alluminio che abbiamo posizionato sulle griglie del frigo per evitare che il formaggio prendesse un'eccessiva forma reticolata, e avendo cambiato l'acqua del fondo almeno due volte, notiamo che il formaggio ha perso molto peso e soprattutto spessore, risultando così quasi "piatto". Inoltre dobbiamo lavarlo con accuratezza, per l'abbondanza di muffe. Eliminiamo finalmente anche l'alluminio, per la futura conservazione, dato che quasi non perde più siero.
Il risultato è sorprendente: un formaggio semistagionato in cui le caratteristiche organolettiche citate sopra prendono risalto, il cuore è morbido (però non cremoso) e la parte esterna comincia a assomigliare a un formaggio stagionato (forse per essersi asciugato molto, ricordo che oltre che essere estate qui l'umidità dell'ambiente è sempre inferiore al 40%.. è la Patagonia!).
Sicuramente chi lo ha provato qui non aveva mai mangiato un formaggio di pecora, oltretutto ben riuscito in termini di gusto e profumo. Oggi, che è 20 di gennaio, le muffe non sono più tornate e il formaggio si è rivelato stabile. Ora dovremo provare un nuovo caglio liquido che ci hanno dato in un caseificio bovino, oltre che sperimentare forme più "standard" per ottenere un prodotto regolare in quanto a dimensioni (che non somigli a un ufo, per intenderci! :D)
L'esperienza ci ha dimostrato che si può fare buon formaggio di pecora anche qui, senza strutture o mezzi costosi, e che le ricette tradizionali sono una fonte ineguagliabile di informazioni e procedure per poter creare un prodotto adattato alla situazione e alle risorse disponibili (ovviamente l'uso di caglio in polvere o di yogurt di supermercato sono eresie, però per noi sono state indispensabili per sperimentare!).
Grazie a Giliberti per la dedicazione e la pazienza di spiegare e seguire i vari esperimenti degli altri formaggiari caserecci del forum! :)
provo a pubblicare foto qui di seguito

_________________
Tutte le strade portano... qui ;)


21/01/2018, 1:25
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/11/2017, 20:39
Messaggi: 9
Località: Trelew - Patagonia - Argentina
Rispondi citando
Queste le fasi della lavorazione


Allegati:
Commento file: La nostra pentola d'alluminio con il latte freddo
IMG_20171214_114046860.jpg
IMG_20171214_114046860.jpg [ 35.36 KiB | Osservato 556 volte ]
Commento file: Taglio della quagliata 5x5cm
IMG_20171214_130409770.jpg
IMG_20171214_130409770.jpg [ 21.89 KiB | Osservato 556 volte ]
Commento file: Taglio orizzontale a noce con schiumarola
IMG_20171214_132458438.jpg
IMG_20171214_132458438.jpg [ 33.13 KiB | Osservato 556 volte ]
Commento file: Le nostre fuscelle casarecce (questa immagine ce la ricorderemo con un grande sorriso credo!)
IMG_20171214_135522737_HDR.jpg
IMG_20171214_135522737_HDR.jpg [ 68.78 KiB | Osservato 556 volte ]

_________________
Tutte le strade portano... qui ;)
21/01/2018, 1:35
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/11/2017, 20:39
Messaggi: 9
Località: Trelew - Patagonia - Argentina
Rispondi citando
Conservazione e taglio.


Allegati:
Commento file: Le forme nella nostra "cantina" ;)
IMG_20171214_172630787_HDR.jpg
IMG_20171214_172630787_HDR.jpg [ 39.89 KiB | Osservato 556 volte ]
Commento file: Le forme a "stretto contatto" nel loro ripiano
IMG_20171216_243900278.jpg
IMG_20171216_243900278.jpg [ 38.71 KiB | Osservato 556 volte ]
Commento file: Primo taglio del formaggio (20 giorni di stagionatura)!
IMG_20180103_222554193.jpg
IMG_20180103_222554193.jpg [ 45.13 KiB | Osservato 556 volte ]

_________________
Tutte le strade portano... qui ;)
21/01/2018, 1:41
Profilo

Iscritto il: 29/12/2015, 18:08
Messaggi: 588
Località: Olmedo/Sassari
Formazione: media inferiore
Rispondi citando
Ciao ragazzi, lo zucchero nello yogurt non va bene, non so perché non sono un esperto ma so che non va bene interferisce sulla riuscita del formaggio, la stufatura non deve essere fatta a secco, deve essere fatta a una certa temperatura e con una certa umidita’, forse le forme sono venute basse perche non avete riempito a sufficienza le fuscelle, le muffe che si sono create sul formaggio forse e’ la troppa umidita’ esistente dove lo fate stagionare, comunque tanti complimenti e dateci dentro :D :D


21/01/2018, 16:24
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/11/2017, 20:39
Messaggi: 9
Località: Trelew - Patagonia - Argentina
Rispondi citando
Salve a tutti,
postiamo qui alcune novità sulla seconda produzione di Caciofiore patagonico (con caglio liquido).
Stesso procedimento, le novità invece consistono in:
- quantità di latte 25kg invece di 20;
- uso di caglio liquido (10ml in totale, rapporto 1ml/2,5kg);
- uso di 400g di yoghurt di latte di pecora prodotto con fermento termofilo liofilizzato;
- uso di fuscelle per formaggio: 10 di plastica (da cui abbiamo ottenuto forme di 400g) e 6 di acciaio (risultando forme da 500g);
- produzione dal siero risultante di 1,4kg di ricotta, aggiungendo la quantità di 4g/litro di sale nel liquido (circa 40g);
- salatura effettuata in due sessioni, seguendo la regola del 2,5% del peso della forma;
- il risultato finale in termini di peso di formaggio, considerando una forma di 1kg prodotta con uno scolapasta, è di circa 8kg di formaggio (con l'ottimo rapporto finale formaggio/latte di 1:3) e 1,4kg di ricotta fatta seguendo l'apposita ricetta nel forum.

La ricotta che abbiamo prodotto è fantastica, consistente e delicata nel sapore, mi ha teletrasportato a casa di mia madre ad Anzio, tanto che non ho potuto fare a meno di usarla per condire la pasta (maltagliati fatti da me) con pepe nero, sale e un filo d'olio d'oliva.
Le forme sono finalmente standard, anche se alcune si sono afflosciate un po' su un lato (qualcuno può indicarci perché?). Adesso stanno stagionando in un frigo non ventilato al minimo, con acqua nel cassone della frutta. Quando ho effettuato la seconda salatura ho notato che dalla parte superiore del frigo (che ha un congelatore incorporato tipo 0°) erano cadute delle gocce di condensa, segno che forse l'umidità relativa è eccessiva. Non avendo un igrometro come posso regolarmi?
Infine, sono migliori le fuscelle di plastica o gli stampi di acciaio? Io opterei per le prime, vedendo i primi risultati.
Provo a pubblicare alcune foto degli stampi e delle forme!


Allegati:
Commento file: La cantina al completo (i piattini verranno presto sostituiti da vassoi...)
IMG_20180210_184249074.jpg
IMG_20180210_184249074.jpg [ 31.48 KiB | Osservato 466 volte ]
Commento file: Dettaglio della forma
IMG_20180210_184313962.jpg
IMG_20180210_184313962.jpg [ 32.5 KiB | Osservato 466 volte ]
Commento file: Fuscella di plastica con micro-scanalature interne
IMG_20180210_184500314.jpg
IMG_20180210_184500314.jpg [ 37.98 KiB | Osservato 466 volte ]
Commento file: Stampo di acciaio inossidabile
IMG_20180210_184517803.jpg
IMG_20180210_184517803.jpg [ 49.03 KiB | Osservato 466 volte ]

_________________
Tutte le strade portano... qui ;)
12/02/2018, 17:52
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 49 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy