Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 28/02/2020, 7:42




Rispondi all’argomento  [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo
Gestione minuzie su impianto tartufaia 
Autore Messaggio

Iscritto il: 02/10/2012, 12:16
Messaggi: 3368
Località: abruzzo
Formazione: Maestro di musica
Rispondi citando
Addirittura l impianto cosi fitto e Melano? Potresti sicuramente incappare in un cambio di specie tipo brumale o in forma moscatum. Non puoi apportare tecniche energiche nei noccioli non e' pianta che si presta e difficilmente potrai eliminarle puoi ovviamente tagliarle ma avrai sempre dei grossi problemi. Si l erba va trinciata. In tartuficoltura non si usano comare perché hai la possibilità di irrigare....in natura quando non piove per forza di cose i tartufi si creano dove c e più ombra quindi piu umidita e sfrutta ovviamente una ginestra un cisto ecc....ovviamente il migliore e l ulivo. Ma ho trovato tartufi anche sotto degli olmi pianta assolutamente non comare....quindi come puoi capire in natura le cose cambiano! Saluti

_________________
Azienda Agricola MicoVivai
Produzione piante da tartufo certificate.
www.micovivai.it
@micovivai


02/12/2016, 8:22
Profilo

Iscritto il: 30/11/2016, 15:53
Messaggi: 200
Località: Roma e vicinanze
Formazione: Bi-Laureato
Rispondi citando
come potrebbe avvenire questo naturale cambiamento verso il brumale, ad esempio? Adesso siamo al secondo anno, poniamo che fra 5 la tartufaia vada in produzione.
Farà qualche stagione di Melanosporum e poi potrebbe verificarsi la "voltura"? Oppure ammessa l'entrata in produzione avrò direttamente questo cambiamento (poniamo) in Brumale?

La micorizzazione di Brumale da dove nasce spontaneamente?????? Io ho piante di Melanosporum!

Potrei capire una perdita di micorizzazione di Melanosporum per errori o qualsivoglia altra variabile (troppa ombra esempio) ma la nuova micorizzazione come si crea?


02/12/2016, 16:08
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/04/2012, 23:20
Messaggi: 2578
Località: valle sabbia
Rispondi citando
Tarty81 ha scritto:
Addirittura l impianto cosi fitto e Melano? Potresti sicuramente incappare in un cambio di specie tipo brumale o in forma moscatum. Non puoi apportare tecniche energiche nei noccioli non e' pianta che si presta e difficilmente potrai eliminarle puoi ovviamente tagliarle ma avrai sempre dei grossi problemi. Si l erba va trinciata. In tartuficoltura non si usano comare perché hai la possibilità di irrigare....in natura quando non piove per forza di cose i tartufi si creano dove c e più ombra quindi piu umidita e sfrutta ovviamente una ginestra un cisto ecc....ovviamente il migliore e l ulivo. Ma ho trovato tartufi anche sotto degli olmi pianta assolutamente non comare....quindi come puoi capire in natura le cose cambiano! Saluti

interessante il ritrovamento di tartufi sotto degli olmi. mi puoi dire che speci e se la cosa è successa più volte, perché mi hanno sempre detto che l'olmo in quanto piante simbionte di altri funghi può essere deleteria in tartufaia

le tartufaie di nero pregiato possono degenerare col brumale quando le caratteristiche del melanosporum vengono a calare. aumento ombreggiamento, aumento umidità,ecc. non si sa di preciso come, ma capita in ambienti non idonei al melanosporum o dove si crea troppa umidità e ombra. il sesto di impianto che hai usato te di solito viene usato per macrosporum o per chi prova per il magnatum.


02/12/2016, 21:21
Profilo

Iscritto il: 30/11/2016, 15:53
Messaggi: 200
Località: Roma e vicinanze
Formazione: Bi-Laureato
Rispondi citando
due Gelsi come specie comare (che ho posto al centro dell'impianto) vanno bene secondo voi? o fanno competizione magari essendo simbionte di altri funghi? chiedo perchè ho letto dell'Olmo e sono "spaventato".......


02/12/2016, 22:20
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/04/2012, 23:20
Messaggi: 2578
Località: valle sabbia
Rispondi citando
ho sentito dire che potrebbero aiutare, ma in un impianto 4x3 di melanosporum non credo. fanno un'ombreggiamento enorme vista la rapida crescita.


03/12/2016, 7:33
Profilo

Iscritto il: 02/10/2012, 12:16
Messaggi: 3368
Località: abruzzo
Formazione: Maestro di musica
Rispondi citando
Ciao Paolo si ho trovato Dell estivo nel ombra di diversi olmi. Riguardo alla pericolosità sinceramente non lo so, pero vado a intuito....non penso che sia pericolosa di piu di quanto puo essere. una pianta simbionte di tartufo tipo quercia noccioli ecc. Se queste ovviamente sono inquinate! Riguardo al cambio di tuber si molte volte le condizioni ambientali e culturali portano ad un mutamento o sostituzione della spora perche già presenti nel terreno . Le cause principali sono abbassamento ph / troppa umidità. So di altri esempi di sostituzione in melanosporum/ estivo.., ma in quel caso sicuramente dovuto alla presenza di estivo nella zona . Ale il gelso portalo via e vedi falle crescere e vedi che succede non andare oltre il 60% di ombra! Saluti

_________________
Azienda Agricola MicoVivai
Produzione piante da tartufo certificate.
www.micovivai.it
@micovivai


03/12/2016, 8:30
Profilo

Iscritto il: 30/11/2016, 15:53
Messaggi: 200
Località: Roma e vicinanze
Formazione: Bi-Laureato
Rispondi citando
si sono ancora a tempo a rimuovere il Gelso con un bello scasso tutt'intorno e spostarlo.. Ma su un impianto più largo invece non avrebbe dato problemi giusto? L'unica cosa è l'ombra che produrrà....sbaglio?

Una caduta del Ph a cosa potrebbe essere dovuta se si verificasse?

Ed interventi tipo spargere cenere di legna si potrebbero fare? sono cose che abitualmente faccio nella fioriera di casa per ospitare questa o quella pianta, ma in tartufaia non so se si potrebbe fare...

Ma cmq ogni tanto dopo l'impianto vanno rifatte le analisi? voi le rifate?


03/12/2016, 15:56
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/04/2012, 23:20
Messaggi: 2578
Località: valle sabbia
Rispondi citando
toglilo. se avessi fatto un impianto più ampio magari potevi provare a vedere se aveva una funzione a comare, ma non so se sia confermata la cosa. l'erba sfalciata e tenuta in loco, e foglie ecc creano la lettiera che porta ad un abbassamento del ph. per mantenere il ph a certi livelli si usa il carbonato di calcio(ghiaia o sabbia di marmo).


04/12/2016, 7:10
Profilo

Iscritto il: 30/11/2016, 15:53
Messaggi: 200
Località: Roma e vicinanze
Formazione: Bi-Laureato
Rispondi citando
e dove si trova il carbonato di calcio? si compra e si spande (a mano/trattorino)?

La cenere ha la stessa funzione credo....bruciando legna si potrebbe tenere Ph alto.


04/12/2016, 15:12
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/04/2012, 23:20
Messaggi: 2578
Località: valle sabbia
Rispondi citando
il brecciolino di marmo. lo compri in cava o dove trattano sabbie e materiali per l'edilizia. però devi avere le analisi in mano per sapere quanto darne e se serve distribuirlo.


04/12/2016, 16:55
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 34 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy