Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 16/06/2024, 21:28




Rispondi all’argomento  [ 64 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo
Sciroppo miracoloso contro la varroa 
Autore Messaggio

Iscritto il: 17/04/2010, 20:01
Messaggi: 2236
Formazione: perito industriale
Rispondi citando
Ciao xda,
io non scommeterei nemmeno 1 euro sul fatto che il tuo sciame nel tubo è lo stesso da 3 anni.
Ninno


18/09/2015, 15:07
Profilo

Iscritto il: 09/07/2012, 20:51
Messaggi: 296
Località: ROMA
Rispondi citando
x maestrobruno: no non faccio la conta perchè come gia detto mi è difficile mantenere libere le griglie propolizzate dalle api inoltre non ho la possibilità di andare tutti i giorni. io la somministrazione la faccio solo ogni 30 40 gg nel periodo caldo e mi limito a osservarle dall'esterno durante l'inverno. Apro il coprifavo solo se vedo qualcosa che non va. Una pseudo conta la faccio solo sulla covata da fuco nelle zone piu esterne dei favi.
Per il resto seguo le pratiche normali di conduzione e devo dire che le famiglie sono forti (mi sto toccando). Ho avuto in passato annate dove perdevo regine e famiglie con una maggiore incidenza anche inspiegabilmente.
Quest'inverno nessuna perdita e in estate ho rimpiazzato la regina su un paio di famiglie rimaste orfane dopo la sciamatura.
Comunque ci sono troppe variabili che non riesco a monitorare efficacemente che mi fanno essere cauto nel dare un parere positivo, quella dell'andamento stagionale è una delle tante...


18/09/2015, 15:18
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 08/07/2010, 14:44
Messaggi: 1090
Località: Taranto(lavoro), Terlizzi(abitazione)
Formazione: Ingegnere navale
Rispondi citando
Ma che apicoltura fate?
Come conducete le casse?

Prima di parlare di metodo Pagliara...perché non dite cosa fate durante la stagione o cosa non fate?


20/09/2015, 13:22
Profilo

Iscritto il: 09/07/2012, 20:51
Messaggi: 296
Località: ROMA
Rispondi citando
scusa se ce l'hai con me non ho capito.. cosa vuoi sapere sii piu preciso..


22/09/2015, 10:04
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 08/07/2010, 14:44
Messaggi: 1090
Località: Taranto(lavoro), Terlizzi(abitazione)
Formazione: Ingegnere navale
Rispondi citando
Non ce l'ho con nessuno. Si sponsorizza di tutto. Dallo zucchero a velo al metodo Pagliara.
Ma come conduce le arnie Pagliara?

Se io durante l'anno non faccio sciamare la cassa, arriverò a luglio bello carico di varroa.
Se la stessa cassa fino a luglio la faccio sciamare 10 volte, potrei anche saltare il trattamento anti-varroa.

Perché, si sa, la sciamatura abbatte la carica di varroa...
Voi come conducete le casse?
Primo o secondo metodo?

Prendiamo spunto da persone che vendono miele in quantità e che fanno raccogliere i propri sciami ad apicoltori vicini... Occhio...


22/09/2015, 16:15
Profilo

Iscritto il: 09/07/2012, 20:51
Messaggi: 296
Località: ROMA
Rispondi citando
se ti fai un giro in rete troverai tantissimi consigli sul preparato e molti pareri positivi basati sulla propria esperienza, ma nulla di scientificamente provato e monitorato.
io dico solo che ho visto miglioramenti nella conduzione al pari di sciamate (che ci sono sempre a meno che non fai un controllo sistematico) e seguendo quelle riconosciute come buone pratiche. non adotto altri metodi e da quest'anno non faccio alcun trattamento (lo scorso solo timolo).
se c'è qualcosa in particolare che vuoi conoscere sono a disposizione.
ciao


22/09/2015, 16:27
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 08/07/2010, 14:44
Messaggi: 1090
Località: Taranto(lavoro), Terlizzi(abitazione)
Formazione: Ingegnere navale
Rispondi citando
Se hai la certezza che qualcosa funzioni, cerchi in tutti i modi di certificarla per farci soldi. Lui no. Anche dopo richiesta di un'associazione. Questo metodo proponilo a chi ci campa e vedi dove ti manda. Proponilo anche qui in Puglia, terra di origine del buon Pagliara. Che tutti conoscono. Al pari di altri illustri personaggi. 3€ al mese ad arnia per trattare...costi esigui? Senza contare gas e tempo.

Ti ricordo che ho eseguito io stesso esperimenti con zucchero a velo.
Se dovessi pensare di fare una cosa come il metodo Pagliara ogni 15gg, mi verrebbe la febbre.
E per cosa? Per un risultato soggettivo? Col beneficio del dubbio?

Le casse di Pagliara quanti sciami naturali producono all'anno? Quanto miele? E che mortalità invernale?
Altra domanda... Perché non stiamo tutti sul 4.9? Perché non usiamo lo spazio Mussi? Perché usiamo poco il tit3? Se vuoi ti aggiungo altre domande ma la risposta é sempre la stessa: Sono antieconomici(per costi e\o tempo speso).

Se ingabbio in un giorno. Sgabbio e tratta in un altro. Costo di pochi cent. E le api vivono e producono. Che cambio a fare? Sarei un fesso a sobbarcarmi di altro lavoro.
Pensa con varterminator quanto risparmierei in tempo visto che posso fare il trattamento alla levata dei melari. Il costo sarà un leggero problema,a sempre meno costoso dello sciroppo di Lourdes.


22/09/2015, 22:05
Profilo

Iscritto il: 09/07/2012, 20:51
Messaggi: 296
Località: ROMA
Rispondi citando
non fraintendermi io non ho nessuna certezza sulla validità del preparato ma sono in tanti a notarne i benefici (discorso a parte poi i ceppi inclini alla pulizia e piu resistenti alla varroa). il trattamento io non lo faccio ogni 15 gg ma minimo a un mese e non vedo qual'è il problema se lo puoi dare anche sopra i melari (inquinare il miele? di cosa? zucchero e limone?) Io stesso posso dire che le famiglie sono molto piu forti e anche con una buona ripartenza primaverile il fenomeno delle sciamature è rimasto agli stessi livelli degli altri anni (se poi pratichi le operazioni di contenimento come si deve il problema non sussiste). per la prima volta dopo tanti anni ho portato in produzione tutte le famiglie invernate, sarà un caso può essere, anche perchè non ne allevo piu di 10 di media e su una popolazione cosi piccola non puoi far affidamento sulle statistiche. non ho avuto lo sbattimento del blocco di covata e dei trattamenti estivi o invernali come agli inizi e per me questo è una gran cosa.
la mia non è un esortazione a lasciare l'ossalico ognuno si troverà bene col metodo che trova piu congeniale alla propria conduzione, immagino che per chi ci debba campare le scelte debbano essere necessariamente diverse.
ciao


23/09/2015, 9:13
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 08/07/2010, 14:44
Messaggi: 1090
Località: Taranto(lavoro), Terlizzi(abitazione)
Formazione: Ingegnere navale
Rispondi citando
Ben vengano gli esperimenti. Ma sarebbe buono che prima di divulgarli ci siano risultati testati.
Oggettivi e non soggettivi.
E l'oggettività é data da enti di ricerca.
Non da chicchessia.


23/09/2015, 16:27
Profilo

Iscritto il: 26/11/2011, 18:47
Messaggi: 1945
Località: SouthWest Montana
Rispondi citando
Scusate, ragazzi, ma non ha molto senso parlare di "metodi" quando in realta' e' la CONDUZIONE GENERALE che fa la differenza.

Tutti gli apicoltori amatoriali hanno dei sistemi di conduzione diversi che dipendono da:

1) La nostra specifica idea di apiario

2) Le condizione pedoclimatiche

3) La somma di tutte le tecniche/MagiaNera che applichiamo.

Maddmax

_________________
Termopili 480 AC
Poitiers AD 732
Vienna AD 1683


23/09/2015, 17:08
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 64 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1 ... 3, 4, 5, 6, 7  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy