Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 23/04/2019, 13:54




Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
nuova lettiera 
Autore Messaggio

Iscritto il: 01/10/2013, 13:15
Messaggi: 50
Località: vicino lecce
Formazione: scuola
Rispondi citando
Buongiorno gente :) tra qualche giorno avvieremo un allevamento di lombrichi ( solo lettiera per il momento, stiamo vagliando le varie possibilità e convenienza per l'acquisto dei lombrichi on line). Scrivo per chiedere delle informazioni riguardo al concetto di inizio ossia andrebbe bene uno strato base fatto di terriccio , rametti sottili di ulivo , letame maturo di cavallo e fogliame vario?
Si puo stratificare con foglie di eucalipto?
Si puo stratificare con foglie di leccio?

Grazie.

ps: meglio solo il letame sparso per un'altezza di 15 cm ?

_________________
l'asino di tanti padroni morì di sete


24/05/2018, 7:42
Profilo

Iscritto il: 01/10/2013, 13:15
Messaggi: 50
Località: vicino lecce
Formazione: scuola
Rispondi citando
scarti di potatura decomposti da 2 anni ( pino leccio eucalipto) vanno bene da mettere come strato?

_________________
l'asino di tanti padroni morì di sete


25/05/2018, 20:03
Profilo
Sez. Lombricoltura
Sez. Lombricoltura

Iscritto il: 09/03/2011, 14:29
Messaggi: 821
Località: Bella Farnia, Sabaudia
Formazione: Laurea Economia
Rispondi citando
Ciao Jeko, come strato iniziale puoi utilizzare la porzione di lettiera con la quale vengono venduti i lombrichi. In alternativa puoi utilizzare del letame che abbia completato la fase termofila della fermentazione: ph tra 5 e 6,5 e, in questa stagione, una temperatura non oltre i 22/23 gradi. Ne basta uno strato di qualche cm, non di più. Le altre cose che hai citato non hanno alcuna utilità, anzi finirebbero per essere di intralcio durante la gestione ordinaria del tuo allevamento. A presto

_________________
«Dubito ci siano molti altri animali che abbiano giocato un ruolo così importante nella storia del pianeta come i lombrichi», Charles Darwin
LombricolturaBellaFarnia www.lombricolturabellafarnia.it
Twitter:@lombricolturabf
FB: lombricoltura.bellafarnia


29/05/2018, 16:31
Profilo WWW

Iscritto il: 01/10/2013, 13:15
Messaggi: 50
Località: vicino lecce
Formazione: scuola
Rispondi citando
ingenuus ha scritto:
Ciao Jeko, come strato iniziale puoi utilizzare la porzione di lettiera con la quale vengono venduti i lombrichi. In alternativa puoi utilizzare del letame che abbia completato la fase termofila della fermentazione: ph tra 5 e 6,5 e, in questa stagione, una temperatura non oltre i 22/23 gradi. Ne basta uno strato di qualche cm, non di più. Le altre cose che hai citato non hanno alcuna utilità, anzi finirebbero per essere di intralcio durante la gestione ordinaria del tuo allevamento. A presto


buonasera. grazie per la risposta. abbiamo avviato il tutto " seppellendo" i lombrichi sotto uno strato alto una trentina di centimetri formato da letame della loro lettiera, letame di vacca ben maturo ( non avevamo modo di misurare il ph e la temperatura) , carta reciclata senza inchiostro , del fogliame in decomposizione che era stato irrorato con gli E.M. ( quello mensionato da me in precedenza ). Abbiamo bagnato il tutto e cercheremo di mantenere umido. consigli? pareri? accorgimenti particolari? grazie per la disponibilità :)

ps: non appena avrò possibilità magari carico delle foto

_________________
l'asino di tanti padroni morì di sete


29/05/2018, 22:15
Profilo

Iscritto il: 01/10/2013, 13:15
Messaggi: 50
Località: vicino lecce
Formazione: scuola
Rispondi citando
Buona sera. La lettiera va a gonfie vele, riproduzione buona e produzione di lombricompost che utilizziamo per fare il the di compost. Avete provato mai ?

_________________
l'asino di tanti padroni morì di sete


06/04/2019, 16:12
Profilo
Sez. Lombricoltura
Sez. Lombricoltura

Iscritto il: 09/03/2011, 14:29
Messaggi: 821
Località: Bella Farnia, Sabaudia
Formazione: Laurea Economia
Rispondi citando
jeko ha scritto:
Buona sera. La lettiera va a gonfie vele, riproduzione buona e produzione di lombricompost che utilizziamo per fare il the di compost. Avete provato mai ?

Ciao, intendi l’estratto liquido o il percolato?

_________________
«Dubito ci siano molti altri animali che abbiano giocato un ruolo così importante nella storia del pianeta come i lombrichi», Charles Darwin
LombricolturaBellaFarnia www.lombricolturabellafarnia.it
Twitter:@lombricolturabf
FB: lombricoltura.bellafarnia


08/04/2019, 9:52
Profilo WWW

Iscritto il: 01/10/2013, 13:15
Messaggi: 50
Località: vicino lecce
Formazione: scuola
Rispondi citando
ingenuus ha scritto:
jeko ha scritto:
Buona sera. La lettiera va a gonfie vele, riproduzione buona e produzione di lombricompost che utilizziamo per fare il the di compost. Avete provato mai ?

Ciao, intendi l’estratto liquido o il percolato?


L'estratto. ( Mettere a bagno lombricompost con rapporto 1 a 10 )

_________________
l'asino di tanti padroni morì di sete


08/04/2019, 21:01
Profilo
Sez. Lombricoltura
Sez. Lombricoltura

Iscritto il: 09/03/2011, 14:29
Messaggi: 821
Località: Bella Farnia, Sabaudia
Formazione: Laurea Economia
Rispondi citando
Ciao Jeko, per estrarre la massima carica microbica dall'humus solido e trasferirla al liquido (utilizzare solo acqua deionizzata) il metodo passivo che hai indicato non è quello ottimale, certo, lo diventa se non hai un estrattore in grado di garantire un'ossigenazione costante per almeno 24 ore a una temperatura controllata. In ogni caso l'estratto di humus di lombrico è un fertilizzante che va utilizzato subito dopo essere stato prodotto, più passa tempo tra la produzione e il suo impiego e più diminuisce la sua efficacia, a presto

_________________
«Dubito ci siano molti altri animali che abbiano giocato un ruolo così importante nella storia del pianeta come i lombrichi», Charles Darwin
LombricolturaBellaFarnia www.lombricolturabellafarnia.it
Twitter:@lombricolturabf
FB: lombricoltura.bellafarnia


12/04/2019, 11:12
Profilo WWW

Iscritto il: 01/10/2013, 13:15
Messaggi: 50
Località: vicino lecce
Formazione: scuola
Rispondi citando
ingenuus ha scritto:
Ciao Jeko, per estrarre la massima carica microbica dall'humus solido e trasferirla al liquido (utilizzare solo acqua deionizzata) il metodo passivo che hai indicato non è quello ottimale, certo, lo diventa se non hai un estrattore in grado di garantire un'ossigenazione costante per almeno 24 ore a una temperatura controllata. In ogni caso l'estratto di humus di lombrico è un fertilizzante che va utilizzato subito dopo essere stato prodotto, più passa tempo tra la produzione e il suo impiego e più diminuisce la sua efficacia, a presto

Perdonami, dimenticavo di scrivere che il tutto viene aereato da ossigenatore per acquari.

_________________
l'asino di tanti padroni morì di sete


12/04/2019, 17:43
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 9 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy