Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 11/08/2022, 2:03




Rispondi all’argomento  [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
lavoro per laureati in agraria???????????? 
Autore Messaggio

Iscritto il: 12/09/2010, 18:47
Messaggi: 916
Formazione: Dott.Agronomo
Rispondi citando
Cita:
è impegnativa come frequentazione dei corsi e sono essi strettamente indispensabili o è possibile praticare un eventuale lavoro sia esso per esempio part-time?


Dalla mia esperienza posso dirti che un lavoretto estivo o anche durante il resto dell'anno che ti impegni poco si puo' anche fare. Se possibile sarebbe bello e giusto farlo attinente al corso di studi, tuttavia agraria non è da prendere sotto gamba gli esami sono tanti e la maggior parte non sono una passeggiata. E' un pelino sotto ad ingegneria come difficoltà ed impegno ma non di tanto !!

Ciao e buona scelta


10/07/2012, 23:22
Profilo

Iscritto il: 18/06/2012, 14:53
Messaggi: 10
Rispondi citando
No, non è assolutamente difficile; passano tutti a qualsiasi esame e non esiste una vera selezione..( almeno questo a Milano).
Per quanto riguarda Ingegneria siamo su altri pianeti rispetto ad agraria.


25/07/2012, 18:30
Profilo

Iscritto il: 06/01/2022, 16:01
Messaggi: 2
Rispondi citando
Salve sono il dott. Perrone Andrea, uso dottore perchè sono fiero della facoltà che ho scelto sarebbe: Scienze e Tecnologie Agrarie.
quello che vorrei dire è di non perdere le speranze, perché l'agricoltura non può affatto morire e qui in italia hanno bisogno di una figura importante che è il dottore in agraria e il libero professionista che è il dott. Agronomo, quindi per favore evitate di dire ste cose, in quanto avete fatto benissimo nell'aver scelto questo percorso di studi.
la facoltà di Agraria è: uno studio tecnico-scientifico che, comprende discipline che vanno dalle scienze (chimica inorganica e generale ed organica, biologia, botanica biochimica ecc...) fino alle tecniche (economia, statistica ecc...), noi abbiamo percorso uno studio fondamentale per questa terra, purtroppo abbiamo a che fare con una mentalità losca e retrograda con il quale dobbiamo combattere dove ancora oggi pensano che lo studio di agraria è quello di andare a zappare la terra (tecnica molto importante dal quale si è affermato il genere umano).


06/01/2022, 16:10
Profilo

Iscritto il: 06/01/2022, 16:01
Messaggi: 2
Rispondi citando
un'altra cosa, agraria è difficilissima punto non come sento tanti che è una facoltà non pari a medicina, basta con questi stereotipi.


06/01/2022, 16:13
Profilo

Iscritto il: 08/06/2015, 21:07
Messaggi: 121
Località: Gallicano Nel Lazio (RM)
Formazione: Agrotecnico Laureato
Rispondi citando
ciao, io ho conseguito il diploma di istituto tecnico agrario e la laurea triennale sempre in agraria... dopo la laurea ho iniziato a iscrivermi a vari concorsi e a inviare curriculum a diverse aziende ma soltanto un vivaio orticolo mi ha assunto per un breve periodo (scaricavo le cassette con le piantine 11 ore al giorno compreso il sabato mentre la domenica mezza giornata per circa 6 euro l'ora) e di certo non serviva una laurea per questo tipo di mansione. In seguito ho superato l'esame di stato per l'abilitazione alla professione di Agrotecnico e mi sono anche iscritto alla laurea magistrale, non trovando altri lavori. Per fortuna ho ricevuto la convocazione per una supplenza di Assistente tecnico di chimica ad una scuola superiore (GRAZIE AL DIPLOMA, NON ALLA LAUREA) e questa esperienza mi ha portato a mollare la magistrale, ma a iscrivermi ai corsi per ottenere i 24 CFU per diventare insegnante tecnico pratico (anche questo grazie al diploma).
per concludere sono molto soddisfatto dei numerosi sbocchi lavorativi che offre un diploma tecnico in agraria, al pari se non addirittura superiori ad una laurea.


07/01/2022, 12:59
Profilo

Iscritto il: 18/04/2017, 10:46
Messaggi: 11
Località: Teramo
Formazione: LM in Progettazione e gestione degli ecosistemi agroterritoriali, forestali e del paesaggio
Rispondi citando
Ahimé devo darti ragione. Nonostante dopo due lauree, l'abilitazione, tirocini su tirocini, iscizioni all'albo ed esercizio della professione; mi sono ritrovato in un associazione di categoria dove la formazione svolta conta meno di niente. La maggior parte delle persone che lavorano all'interno provengono da aggangi politici e hanno conoscienza dell'agricoltura quasi nulla. La retribuzione non è neanche pari a quella di un operaio in fabbrica. Se dovessi tornare indietro, piuttosto che buttare anni di studi e sacrifici per la laurea in agraria avrei scelto facoltà di gran lunga più semplici e con risvolti lavorativi più immediati. La crisi del mondo agricolo è legata alla mentalità retrograda e dall'incapacità di investire sui giovani, degli operanti di settore. Dò questo consiglio a tutti i ragazzi che pensano di seguire la propria passione e cimentarsi con la facoltà di agraria: Meglio studiare qualcosa che non è propriamente gradito che ritrovarsi dopo anni e anni senza un lavoro o con lavori che non ti portano alcuna gratificazione.


13/01/2022, 19:22
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 16 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy