Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 16/12/2017, 5:28




Rispondi all’argomento  [ 104 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 11  Prossimo
Inizio attività di produzione confetture e marmellate 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 14:48
Messaggi: 269
Località: Bozzano (Lucca)
Rispondi citando
Salute a tutti!
Volevo porre alcuni quesiti in proposito ad una possibile e futura attività di produzione di confetture e marmellate, contigua all'attività agricolo-frutticola odierna, riferendomi in particolar modo a coloro che hanno esperienze in merito
In primis: a quanto ammontano, su per giù, i costi per adibire una cucina a norma, per i vasetti, le attrezzature e tutte le altre cose necessarie a tale attività?
Secondo: come avete commercializzato i vostri prodotti? Vendita diretta-filiera corta? Appoggiandovi alle gastronomie locali? A catene di distribuzione più ampia?
Tenete conto che questa ipotetica e futura attività andrebbe ad inserirsi in un'azienda frutticola con circa 12 ha di Peschi e 2,5 ha di Meli.

Spero di legger presto qualche vostra chiarificante risposti.

Saluti!

_________________
Questa Italia non ci piace e forse neppure ci appartiene, ma è pur sempre la nostra madre e la dobbiamo amare comunque, anche se è diventata una prostituta.

Beppe Niccolai


01/02/2010, 22:17
Profilo
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 51793
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
Una mia collega mi ha parlato di un preventivo che si era fatta fare per sistemare il locale e per l'acquisto dell'attrezzatura. Non vorrei sbagliarmi, ma parlava di 20.000 euro. Per questo ha deciso di rivolgersi a una ditta specializzata di Firenze.
Pensa bene alla commercializzazione.
Se mi ricordo le richiedo la cifra.
Ciao,
Marco

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


01/02/2010, 22:54
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 14:48
Messaggi: 269
Località: Bozzano (Lucca)
Rispondi citando
Ti ringrazio Marco per l'interessamento.
In effetti, al di là dei costi per cucina e attrezzature, è poi la commercializzazione il nodo cruciale.
Comunque per adesso si tratta solo di un'ipotesi, forse realizzabile in un prossimo futuro. Ma intanto è dovere informarsi e prender qualche spunto.

Saluti!

_________________
Questa Italia non ci piace e forse neppure ci appartiene, ma è pur sempre la nostra madre e la dobbiamo amare comunque, anche se è diventata una prostituta.

Beppe Niccolai


02/02/2010, 8:51
Profilo
Sez. Industria Conserviera
Sez. Industria Conserviera
Avatar utente

Iscritto il: 19/08/2009, 10:40
Messaggi: 585
Località: Torella del Sannio (CB)
Formazione: Scienze e Tecnologie Alimentari
Rispondi citando
Ciao SunMyra,
perdona la mia ignoranza, mediamente quante pesche riesci a produrre da 12 ha e quante mele dai 2,5? Solo per capire quale sarà il tempo che dovrai dedicare alla commercializzazione se te ne occuperai tu direttamente.

Ciao, a presto

Michele


02/02/2010, 11:26
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 14:48
Messaggi: 269
Località: Bozzano (Lucca)
Rispondi citando
Oddio... così su due piedi lo sai che non lo so... :oops: :oops:
Domani ti saprò ridire con maggior precisione.

_________________
Questa Italia non ci piace e forse neppure ci appartiene, ma è pur sempre la nostra madre e la dobbiamo amare comunque, anche se è diventata una prostituta.

Beppe Niccolai


02/02/2010, 21:39
Profilo
Sez. Industria Conserviera
Sez. Industria Conserviera
Avatar utente

Iscritto il: 19/08/2009, 10:40
Messaggi: 585
Località: Torella del Sannio (CB)
Formazione: Scienze e Tecnologie Alimentari
Rispondi citando
il volume di produzione ti serve anche per capire qual è la migliore scelta di attrezzature... tipo se va bene una comune cucina da ristorante con pentoloni in acciaio a fondo spesso, oppure un cuocitore (sui 6000 euro) e una riempitrice (10.000 aurozzi).

Nei prossimi giorni sarò fuori casa, spero di avere accesso a internet
a presto
Michele


03/02/2010, 0:24
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 14:48
Messaggi: 269
Località: Bozzano (Lucca)
Rispondi citando
All'incirca la produzione stagionale di pesche è intorno ai 1.500 quintali (e comunque varia di anno in anno.. dunque si tratta di una media molto approssiativa). Diciamo che per la trasformazione in marmellate e/o confetture si parlerebbe di 200/300 quintali di pesche circa. Raccolta che parte dalla fine di maggio e finisce ai primi di settembre.
Per quanto riguarda le mele: produzione media annua di 500 quintali, di cui trasformabili mettiamo ipoteticamente 80-100 quintali. Raccolta dalla seconda/terza settimana di agosto fino al termine di settembre.

_________________
Questa Italia non ci piace e forse neppure ci appartiene, ma è pur sempre la nostra madre e la dobbiamo amare comunque, anche se è diventata una prostituta.

Beppe Niccolai


04/02/2010, 21:53
Profilo
Sez. Industria Conserviera
Sez. Industria Conserviera
Avatar utente

Iscritto il: 19/08/2009, 10:40
Messaggi: 585
Località: Torella del Sannio (CB)
Formazione: Scienze e Tecnologie Alimentari
Rispondi citando
Quindi facendo un calcolo ancora più approssimativo trasformerai circa 100 q.li di pesche al mese per 3 mesi (circa 3 q.li al giorno o 23 q.li a settimana...dipende dai macchinari che avrai) e 100 q.li di mele in un mese e mezzo.

Se posso consigliarti escluderei l'utilizzo di pentoloni e una cucina industriale e proverei a cercare qualche produttore di pentole industriali con bruciatore annesso, o resistenza elettrica (se pensi di aggiungere un impianto fotovoltaico) oppure pentole con intercapedine di vapore, ma in questo caso ti occorrerà pure una caldaia per la produzione di vapore (10.000 €), meglio se munito di sistema di agitazione della massa in cottura.

Inoltre avrai bisogno di un'ulteriore pentola/pastorizzatore nel caso in cui tu decida di sterilizzare i barattoli (in tal caso la userai mentre avvii un altro ciclo e avrai l'altra pentola occupata dalla massa in cottura)

Io un po' di tempo fa feci una ricerca su internet e trovai una ditta di calamandrana (AT), ma ce ne sono anche altre. Ho anche preventivi di un produttore della mia zona.... anch'io ho la tua stessa idea, peccato che non andrò a trasformare i miei prodotti... perché non li ho :( :(
Se hai bisogno chiedi pure
Ciao
Michele


04/02/2010, 23:07
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 02/02/2009, 14:48
Messaggi: 269
Località: Bozzano (Lucca)
Rispondi citando
Grazie Miche75 per l'esaustiva risposta datami e per la tua gentilezza e solerzia.
Come ti ho già detto il calcolo è molto ipotetico. Bisognerebbe inoltre vedere se quei 300 quintali andremmo o meno a trasformarli tutti. Il problema principale resterebbe quello della commercializzazione. E' inutile fare un monte di marmellate se poi non abbiamo a chi venderele..
Secondo te appoggiarsi a supermercati locali (siano essi conad, coop o esselunga) può esser vantaggioso?
O tu punteresti in altre direzioni?

_________________
Questa Italia non ci piace e forse neppure ci appartiene, ma è pur sempre la nostra madre e la dobbiamo amare comunque, anche se è diventata una prostituta.

Beppe Niccolai


05/02/2010, 20:36
Profilo
Sez. Industria Conserviera
Sez. Industria Conserviera
Avatar utente

Iscritto il: 19/08/2009, 10:40
Messaggi: 585
Località: Torella del Sannio (CB)
Formazione: Scienze e Tecnologie Alimentari
Rispondi citando
Ciao Sunmyra
visto che hai un po' di tempo prima di avviare l'attività, chiarisciti prima le idee (magari l'hai già fatto) sul prodotto che andrai a proporre
- tipo di confezione,
- prezzo (che andrai a calcolare sulla base di un buon piano economico e, solo successivamente, andando ad analizzare il prezzo dei concorrenti)
- se è un prodotto di nicchia (penso proprio di si)... in questo caso il prezzo non tenerlo basso
- pensa ad un ventaglio di prodotti che potresti fare con pesche e mele (hai mai pensato al confezionamento del prodotto fresco, magari già affettato, in atmosfera modificata? pare abbiano un buon mercato)
- se mi viene in mente altro te lo dirò

fatto questo dovrai individuare i tuoi potenziali clienti: punti vendita, pasticcerie, fiere e mercatini (decidi tu fin dove spingerti... in base alle quantità che riuscirai a produrre). Devi contattarli direttamente e chiedere se sono interessati ai tuoi prodotti e se hanno particolari esigenze di formato, caratteristiche nutrizionali (es ridotto contenuto in saccarosio), prezzo,....
Oppure, se vuoi spendere un po' di più, contatta qualche buyer che piazzi i prodotti al posto tuo (appena vedi un rappresentante in un negozio, aspettalo e chiedigli se è interessato ai tuoi prodotti)

Alcuni ti deluderanno, ma alla fine riuscirai a piazzarli prima ancora di avviare l'attività

Ti saluto, per qualsiasi dubbio.... a disposizione
Ciao
Michele


05/02/2010, 22:16
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 104 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4, 5 ... 11  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy