Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 25/07/2021, 15:12




Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Blocco di covata 
Autore Messaggio

Iscritto il: 21/05/2021, 20:14
Messaggi: 6
Località: Brianza
Formazione: Ing. dei Materiali
Rispondi citando
Ciao a tutti,
premetto che non mi sono ancora cimentato nel blocco di covata, ma ragionandoci per il prossimo anno mi sono chiesto, facendo blocco di covata per 6-7 arnie contemporaneamente (telaio Inter) sarebbe possibile rimuovere il telaino dopo aver liberato la regina e creare con questi un nuovo nucleo?
In questo caso, utilizzando ad esempio apivar + timolo (o se a disposizione sublimatore) si potrebbe ripulire da varroa per poi inserire regina (oppure unire con un mini-nucleo precedentemente preparato. Pensate possa essere fattibile oppure si rischia di reifestare tutto l’apiario? Mi dispiacerebbe distruggere tutte quelle api che hanno avuto la colpa solo di nascere nel momento sbagliato.
Thx


13/06/2021, 21:21
Profilo
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3899
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Non ho idea di cosa sia il telaino Inter, immagino un altro modo per confinare la regina. In questo caso, la covata di questo telaino concentrerà buona parte della varroa presente nell'alveare, quindi avrà dei grossi problemi al momento della nascita. Se vuoi provare a recuperarla, dovresti portare il nucleo lontano dal tuo apiario (ma anche lontano da altri apicoltori), per evitare la reinfestazione. Credo ci siano poche possibilità che il nucleo si possa sviluppare.

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


15/06/2021, 0:35
Profilo

Iscritto il: 06/09/2018, 15:50
Messaggi: 143
Rispondi citando
Oppure provare a fare qualcosa di abbastanza complesso da realizzare...
Un "coso" dove mettere tutti i telai infestati, e portarlo a 42° (precisi, nè uno in più, nè uno in meno) per qualche ora!
La varroa dovrebbe schiattare, e al contempo permettere lo sfarfallamento delle api, che saranno comunque in gran parte compromesse, visto che come giustamente dice @Obombo quel telaio avrà attirato un gran numero di varroa.

E una volta fatto questo "trattamento", fare due nuclei da 3 e da 4 telai, e inserire due regine.


15/06/2021, 7:36
Profilo

Iscritto il: 21/05/2021, 20:14
Messaggi: 6
Località: Brianza
Formazione: Ing. dei Materiali
Rispondi citando
Non so da dove mi è saltato fuori “telaino Inter”, comunque intendevo telaino da nido completamente ingabbiato.
In effetti non avevo pensato che le api potrebbero essere compromesse.
Quello che mi domando è, durante il blocco di covata le varroe nelle celle sono in % maggiori rispetto al caso analogo dove non si procedesse col blocco?
In pratica considerando per esempio 2000 varroe su 5000 celle di covata si avrebbero il 40% di api nate infestate, se durante il blocco la percentuale rimanesse costante 40% si potrebbe ipotizzare di utilizzare timolo sulle famiglie 15-20 giorni prima del blocco (abbattimento medio dell’75% si avrebbero un calo al 20% delle celle infestate) che non credo siano siano sufficienti per compromettere in maniera catastrofica le capacità delle nuove api che verrebbero in ogni caso poi trattate con amitraz (nel nucleo realizzato con i telaini di blocco) per 60-70 giorni. E già che ci siamo ci mettiamo anche un blocco nel nucleo da telaini di blocco :lol: dopo aver inserito da una decina di giorni nova regina (in questo caso il telaio per lo si butta del tutto :mrgreen: )


15/06/2021, 23:05
Profilo

Iscritto il: 30/09/2011, 7:30
Messaggi: 59
Località: genova
Rispondi citando
ciao,ti posso raccontare la mia esperienza,
qualche anno fà ho voluto anche io provare a recuperare i telaini utilizzati nel blocco di covata, io faccio il blocco estivo con telaino orizzontale sotto il coprifavo
(visto che sono genovese, per risparmiare i soldi delle gabbie :D ), mi trovo molto bene con questo metodo,
era la prima volta che lo utilizzavo e mi dispiaceva eliminare circa 30 favi belli pieni di covata e corona di miele di scorta.
Dopo aver rimesso le regine nel nido ho creato 6 nuclei da 5 favi lasciando quasi tutte le api che c'erano sopra, quindi erano dei nuclei belli forti, con tante api, scorta e covata.
Li ho portati in un bosco isolato di mia proprietà ed ho fatto immediatamente un primo trattamento con acido formico, era agosto e le temperature erano ottimali.
Non ho inserito nessuna regina ed ho lasciato che se la facessero loro, forse mio primo errore perchè invece di avere una regina subito deponente hanno ritardato la nuova covata per ulteriori
circa 20 giorni.
Una volta sfarfallata tutta la covata ho eseguito trattamento con acido ossalico gocciolato, considera che siamo ormai a settembre, veramente tardi, qualche cella era ancora opercolata ma speravo nell'acido formico.
A questo punto le api hanno subito due massicci trattamenti antivarroa e anche abbastanza in ritardo rispetto alle altre mie api che devono terminare tutti i trattamenti entro ferragosto.
Quindi le famiglie partono già in ritardo, svantaggiate e sopratutto le api che devono accudire la covata delle api che passeranno l'inverno hanno subito il trattamento (no buono).
Di queste sei, tre famiglie non hanno mai sviluppato la regina e sono sempre parse molto deboli e poco attive, dovevo nutrirle parecchio perchè non facevano raccolto, quindi ho unito i telaini con api
alle altre rimaste mettendole in casse di legno da 10 telaini, i telaini avanzati li ho congelati.
Alle tre famiglie rimaste ho effettuato il blocco di covata (in gabbietta) da novembre a dicembre e poi ho trattato con ossalico sublimato.
A febbraio era scomparsa una regina ed ho dovuto distribuire le api alle altre famiglie, durante la primavera le covate si sviluppavano poco e male, le ho rinforzate con api di altre famiglie,
sull'acacia non hanno prodotto (fu annata buona), mi hanno fatto un pò di castagno.
Successivamente ho portato altre famiglie in quell'apiario e l'hanno successivo hanno cominciato a produrre (o non produrre in base all'annata) come le altre, ma sono cambiate api, regine ed è
passato del tempo.
Morale, per me non vale la pena provarci, forse se lo fai prima di agosto, forse se metti subito delle nuove regine già deponenti, ci sono troppi se e troppo tempo per accudirle senza la sicurezza di
ottenere dei risultati.
Il mio sospetto è che le api fossero piene di virosi e quindi molto deboli, che comunque un pò di varroa sia sopravvissuta e quindi abbia continuato la sua opera di devastazione, o forse i trattamenti in ritardo.
Due anni fà ho voluto tenere un telaino con api nascenti da parte in cantina per vedere cosa usciva fuori, c'era più varroa che api che camminavano sopra il favo, una cosa incredibile!!
Ora per il blocco orizzontale uso solo favi vecchi che andrebbero comunque sciolti.
Ora magari per passione uno ci prova, ma fai soffrire inutilmente un sacco di api, io ci ripenserei.
PS non sono amante dell'amitraz, lascia residui nella cera e nel miele per lungo tempo.
Ciao


21/07/2021, 9:09
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 5 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy