Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 13/08/2020, 18:15




Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
B401 - bacillus turingensis 
Autore Messaggio

Iscritto il: 25/04/2020, 6:15
Messaggi: 5
Località: cesenatico
Rispondi citando
Buongiorno a tutti,
dovrei fare il trattamento ai telaini, volevo evitare di usare lo zolfo e su internet mi hanno consigliato il B401 che, purtroppo, pare essere fuori produzione da 3 anni.

Su Amazon ho trovato vari prodotti a base di bacillus turingensis, ma nessuno che parla di prodotto per l'apicoltura.
Qualcuno di voi ha qualche consiglio su cosa utilizzare?


29/07/2020, 15:46
Profilo
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 59479
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
Il Bacillus thuringensis viene utilizzata in lotta biologica per combattere le larve di numerosi lepidotteri (es. cavolaia, ecc.).

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


29/07/2020, 19:05
Profilo WWW
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3833
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Il B401 è un ceppo specifico per l'apicoltura, in quanto innocuo per le api. Non so come si comportano gli altri ceppi presenti sul mercato. Nel dubbio, eviterei.

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


29/07/2020, 21:12
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/09/2017, 10:18
Messaggi: 1700
Località: bassa Valsusa
Formazione: Buoni studi
Rispondi citando
Anch'io sono del parere di evitare, se non altro perché non credo siano efficaci contro quel parassita.

Sul link http://www.apicolturaonline.it/vita-italia/" target="_blank ho trovato scritto che gli altri ceppi sarebbero dannosi per le api e per l'uomo (???) ma non mi sembra attendibile e dubito che il sito sia ancora attivo; i ceppi di B.t. in commercio come Prodotti Fitosanitari sono etichettati per varie larve e bruchi, ma non per le tarme della cera d'api.

Del B401 non ho trovato notizie in rete se o quando sia stato ritirato (era ancora indicato come Presidio medico-chirurgico); su Amazon esce la scritta 'non disponibile', mentre su un sito italiano ma con spiegazioni in lingua romena ho provato a cliccare il nome commerciale e me lo dava sul carrello della spesa...misteri del web...


29/07/2020, 23:42
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/09/2017, 10:18
Messaggi: 1700
Località: bassa Valsusa
Formazione: Buoni studi
Rispondi citando
Poiché mi interesso di fitoiatria ho fatto qualche altra ricerca.
Il prodotto denominato B 401 viene dato come sierotipo H (dovrebbe essere il ceppo ABTS 1857; ho trovato tale corrispondenza sulla scheda di sicurezza di B 402, sempre per apicoltura): ora, l'attività insetticida del B.t dipende da una particolare proteina, detta Cry, che il batterio rilascia una volta ingerito dalla larva bersaglio, e di Cry esistono dei sottotipi per specifici recettori presenti nell'intestino della larva, i quali variano a seconda della specie dell'insetto. Qui sta il tema: il ceppo sunnominato produce diverse proteine Cry e dunque ha un range di azione molto ampio (vd. illustrazione).
Orbene sul repertorio dei PF ho trovato un prodotto ABTS 1857 pure come PFnPE (cioè per uso non professionale): ovviamente è etichettato solo per insetti dannosi all'agricoltura. Non ti dico di cosa si tratta per coscienza e cmq sconsiglierei esperimenti (se non altro per via dei dosaggi), semplicemente ho inteso condividere le informazioni che ho reperito.
Sul sito di Amazon ho pure trovato una domanda se tale PF andava bene anche per Galleria mellonella: c'è risposta ma non è una fonte ufficiale.


Allegati:
B.t. ABTS 1857.png
B.t. ABTS 1857.png [ 105.58 KiB | Osservato 95 volte ]
30/07/2020, 1:00
Profilo

Iscritto il: 25/04/2020, 6:15
Messaggi: 5
Località: cesenatico
Rispondi citando
Alessandro1944 ha scritto:
Anch'io sono del parere di evitare, se non altro perché non credo siano efficaci contro quel parassita.

Sul link http://www.apicolturaonline.it/vita-italia/" target="_blank" target="_blank ho trovato scritto che gli altri ceppi sarebbero dannosi per le api e per l'uomo (???) ma non mi sembra attendibile e dubito che il sito sia ancora attivo; i ceppi di B.t. in commercio come Prodotti Fitosanitari sono etichettati per varie larve e bruchi, ma non per le tarme della cera d'api.

Del B401 non ho trovato notizie in rete se o quando sia stato ritirato (era ancora indicato come Presidio medico-chirurgico); su Amazon esce la scritta 'non disponibile', mentre su un sito italiano ma con spiegazioni in lingua romena ho provato a cliccare il nome commerciale e me lo dava sul carrello della spesa...misteri del web...




La notizia del fatto che il B401 è fuori commercio da 3 anni me lo ha data l'agraria ughetto, negozio on line dove di tanto in tanto acquisto semenze.
Di fatto non si riesce a trovare da nessuna parte se non su ***** ad un prezzo molto alto.


A consigliarmelo invece fu un'articolo su vitaminabee, il blog che immagino conoscerete tutti.


Per il resto grazie delle info, a questo punto mi attrezzerò per il trattamento con zolfo.


30/07/2020, 9:20
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/09/2017, 10:18
Messaggi: 1700
Località: bassa Valsusa
Formazione: Buoni studi
Rispondi citando
Dopo qualche altra ricerca ho capito.
Il B 401 è stato ritirato per questioni di compatibilità con il nuov quadro normativo, e un comunicato del produttore del 2019 dice che in sua sostituzione verrà posto in commercio in USA e UK il B 402 (quello di cui ho parlato, che è sempre un B.t. aizawai ABTS 1857).
In un sito di apicoltura in lingua inglese c'è una lunga discussione in proposito e alcuni nell'attesa hanno impiegato quello commerciato come PF (secondo me oltre ai dosaggi bisognerebbe avere dettagliate informazioni sui coadiuvanti e coformulanti).


30/07/2020, 12:37
Profilo
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 59479
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
Per l'uomo non è dannoso, basta rispettare il periodi di latenza prima di consumare i prodotti.

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


02/08/2020, 13:49
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 8 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy