Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 28/05/2020, 18:21




Rispondi all’argomento  [ 32 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo
"Fermentato di succhi di uva" non Vitis Vinifera. 
Autore Messaggio

Iscritto il: 15/10/2016, 13:34
Messaggi: 269
Rispondi citando
Ciao a tutti. Riceverò a breve una pianta da uva che è un ibrido un po' particolare. Nel paese d'origine il "fermentato" che se ne ottiene viene definito "Vino" e come tale ha vinto nel tempo numerosi premi di importanza planetaria (non parliamo cioè del famigerato e poco apprezzato "fragolino"). Secondo la legislazione italiana, mi risulta, che non possa essere venduto come vino nessun fermentato che non derivi dalla vinifera e che non sia iscritto al registro nazionale delle varietà di vite. Ora vorrei chiedere a chi se ne intende: se io lo chiamo genericamente "fermentato di [sottospecie vegetale]" o più semplicemente "Zio Vincenzino" (cioè con un nome commerciale), posso venderlo senza incorrere in sanzioni? Grazie a chi vorrà intervenire!


04/01/2020, 0:52
Profilo
Sez. Miscellanea
Sez. Miscellanea
Avatar utente

Iscritto il: 27/07/2011, 13:09
Messaggi: 27390
Località: Camporosso
Rispondi citando
Chiaramente no, stai commettendo una frode alimentare se non ne è permessa la vinificazione e il commercio.

Ciao

_________________
Nella vita non esistono sfide, ma solo una sfida, quella con te stesso...
“Crisi è quel momento in cui il vecchio muore ed il nuovo stenta a nascere.” Antonio Gramsci


04/01/2020, 2:27
Profilo

Iscritto il: 15/10/2016, 13:34
Messaggi: 269
Rispondi citando
Ciao Jean e grazie della risposta. Mi rendo conto che venderlo come "vino" sarebbe una frode, ma se specifico in etichetta che si tratta di "fermentato di .........", magari indicando anche "ibrido interspecifico" la frode dove sta? Se io mi metto a commercializzare del fermentato di pesca senza chiamarlo "vino" ma chiamandolo appunto "fermentato di tabacchiere", la frode dove sta? In quest'epoca in cui sono stati inseriti nel registro nazionale diversi vitigni piwi, premesso di non volerlo spacciare per "vino", qual è l'atteggiamento del legislatore in un caso del genere?


04/01/2020, 11:31
Profilo

Iscritto il: 15/10/2016, 13:34
Messaggi: 269
Rispondi citando
Trovato dei riferimenti legislativi (non cito alla lettera per via del regolamento del forum):

- Si può produrre del fermentato di uva non vinifera purché non lo si chiami vino.
- Tale fermentato però in Italia non si può commercializzare (si tratta delle regole più rigide del mondo).
- La situazione è completamente diversa nel resto d'Europa dove è ammessa la commercializzazione dei fermentati derivanti da ibridi produttori diretti.

Ergo, se lo produco in Italia questo fermentato e limito la vendita al resto d'Europa, magari con un piccolo negozio online, credo che la cosa si possa fare.
Qualcuno degli esperti ha appunti a questo ragionamento? :)


04/01/2020, 14:40
Profilo
Sez. Miscellanea
Sez. Miscellanea
Avatar utente

Iscritto il: 27/07/2011, 13:09
Messaggi: 27390
Località: Camporosso
Rispondi citando
Scusa, ma di che pianta ibrido stiamo parlando? Sai cosa sono gli ibridi produttore diretto?

Ciao

_________________
Nella vita non esistono sfide, ma solo una sfida, quella con te stesso...
“Crisi è quel momento in cui il vecchio muore ed il nuovo stenta a nascere.” Antonio Gramsci


04/01/2020, 19:09
Profilo

Iscritto il: 15/10/2016, 13:34
Messaggi: 269
Rispondi citando
mi risulta che siano incroci tra le varietà americane e vitis vinifera. La vite di cui parlo è una aestivalisxvinifera, quindi immagino che si possa definire ibrido produttore diretto... giusto?


04/01/2020, 19:22
Profilo
Sez. Miscellanea
Sez. Miscellanea
Avatar utente

Iscritto il: 27/07/2011, 13:09
Messaggi: 27390
Località: Camporosso
Rispondi citando
Non è un ibrido produttore diretto, a questo punto bisognerebbe approfondire, perchè potrebbe essere commercializzato come vino.

https://it.wikipedia.org/wiki/Vitis_aestivalis

Ciao

_________________
Nella vita non esistono sfide, ma solo una sfida, quella con te stesso...
“Crisi è quel momento in cui il vecchio muore ed il nuovo stenta a nascere.” Antonio Gramsci


05/01/2020, 0:13
Profilo

Iscritto il: 15/10/2016, 13:34
Messaggi: 269
Rispondi citando
Grazie della pazienza... io sapevo che vinifera x vinifera genera un incrocio (inteso come sottospecie x sottospecie) , se invece sono in ballo specie diverse si chiamano ibridi. Aestivalis x Vinifera sono appunto due specie diverse... possibile che questo veto della legge italiana si applichi solo agli incroci labrusca x vinifera? Se così fosse, perché non si può vinificare (così almeno mi risulta) ad esempio la Bacò (che è vinifera X riparia) e che, pur non essendo molto raffinata, non è affatto foxy? Dove si potrebbe approfondire l'argomento degli ibridi commerciabili e definibili "vino"? Grazie ancora dell'interesse!


05/01/2020, 0:32
Profilo
Sez. Miscellanea
Sez. Miscellanea
Avatar utente

Iscritto il: 27/07/2011, 13:09
Messaggi: 27390
Località: Camporosso
Rispondi citando
Dovresti provare a chiedere in comune, oppure alla forestale se sanno darti qualche risposta oppure
darti indicazioni di chi potrebbe risponderti.

Ciao

_________________
Nella vita non esistono sfide, ma solo una sfida, quella con te stesso...
“Crisi è quel momento in cui il vecchio muore ed il nuovo stenta a nascere.” Antonio Gramsci


06/01/2020, 21:04
Profilo

Iscritto il: 15/10/2016, 13:34
Messaggi: 269
Rispondi citando
Ciao,
ho mandato una mail all'ufficio relazioni con il pubblico del mipaaf. Ma, aldilà del fatto che sono stati giorni di festa, secondo me non risponderà nessuno. Nella mail ho specificato la varietà che vorrei innestare, in modo da avere delle indicazioni più precise. Credo che se non risponderanno entro un paio di settimane, una buona possibilità potrebbe essere chiedere a un qualche avvocato cosa dicono le leggi attualmente in vigore (magari con qualche riferimento europeo...). Mi rendo conto che che anche i più vivi entusiasmi devono prima o poi fare i conti con la/le burocrazie. Perché mi parli del comune? Ha una qualche competenza (e conoscenza) al riguardo? Pensi che potrei ottenere una qualche consulenza?


06/01/2020, 21:29
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 32 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3, 4  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy