Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 24/02/2020, 1:09




Rispondi all’argomento  [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
CANESTRATO DI MOLITERNO. 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
Oggi vi posto il procedimento per eseguire la lavorazione del “canestrato di Moliterno”, tipico e famoso formaggio lucano che viene prodotto con latte proveniente da alcune fattorie presenti anche nel mio piccolo paese di origine che si trova a soli 45 chilometri di distanza dallo stesso.
Le sue origini risalgono alla fine del 1600 e la sua produzione è stata sempre un crescendo; veniva e viene consumata non solo sul territorio nazionale ma soprattutto negli Stati Uniti Di America.
La particolarità di questo formaggio unico, è che da disciplinare, prevede la stagionatura esclusiva nei cosiddetti “Fondachi”, vere e proprie grotte/cantine, che devono avere rigorosamente caratteristiche ben precise; devono avere due aperture per far circolare l’aria, devono avere muri spessi almeno 40 centimetri in pietra o tufo, devono essere dislocati al altitudine maggiore ai 700 metri sul livello del mare, almeno due muri perimetrali devono essere interrati.
E’ un formaggio a latte misto ovino/caprino; la percentuale del latte ovino, va da un minimo del 70% ad un massimo del 90%, mentre quello caprino va da un minimo da un minimo del 10% ad un massimo del 30%. Il latte deve essere intero e crudo.
Le forme vengono conservate per i primi 30/40 giorni, direttamente dal produttore, che le gira tutti i giorni e le conserva in luoghi con temperature comprese fra i 6 e i 12 gradi ed umidità del 75/80%; dopo questo periodo le forme vengono trasferite nei fondachi, i quali grazie alle caratteristiche precedentemente elencate, hanno al loro interno un clima molto fresco ed asciutto con umidità che arrivano al massimo al 70/75% e temperature che nei periodi invernali arrivano anche a 2/3 gradi.
Infatti studiosi dell’università di Bari e Napoli, sostengono che questo particolare clima e umidità, conferiscono delle caratteristiche organolettiche uniche a questo tipo di formaggio.
Quando le forme vengono trasportate nei fondachi, è obbligatorio trattare la crosta o con olio di oliva, o con una emulsione di olio di oliva e aceto di vino oppure, trattarla con acqua fatta bollire per 30 minuti e all’interno della quale, viene disciolto e diluito il nero fumo raschiato dai camini in cui si fa ardere legna. Tutto ciò per preservare al massimo la superficie del formaggio da attacchi esterni e da crepe profonde.
Vi illustro il processo di produzione.
Prendo 5 litri di latte di pecora e lo miscelo con 2 litri di latte di capra all’interno della pentola, dopo averlo filtrato con cura.
Riscaldo velocemente a 38 gradi ed inoculo 140 grammi di yogurt (Fermenti termofili) pari al 2%, mescolo ed attendo 25 minuti affinchè il fermento agisca. Nel frattempo mi preparo il caglio in pasta di capretto (4 grammi), diluendolo e sciogliendolo in 20 grammi di acqua minerale naturale.
Riporto la temperatura a 38 gradi ed aggiungo il caglio, mescolo ed aspetto.
Dopo 20 minuti la cagliata è bella soda ed inizio il primo ed unico taglio che eseguo con un bastone in legno, alla grandezza di chicco di riso. Questa operazione va eseguita con molta delicatezza e calma per non perdere molta materia grassa, gli ho dedicato 5 minuti.
A questo punto lascio sotto siero per 10 minuti.
Dal momento in cui si aggiunge il caglio, al momento in cui bisogna estrarre la cagliata, devono trascorrere al massimo 35 minuti.
A questo punto, prelevo manualmente la cagliata ben depositata sul fondo della pentola, e trasferisco in fuscella per canestrato; esercito molta pressione sulla pasta per far fuoriuscire più siero possibile. Questa operazione dura quasi 15 minuti durante i quali rivolto la forma tre volte; quando ho finito l’operazione di infuscellamento, lascia a temperatura ambiente e nel frattempo con il siero rimasto e raccolto anche in fase di pressatura, faccio la ricotta.
A fine lavorazione della ricotta, riscaldo la scotta a 90 gradi ed immergo la forma compresa la fuscella al suo interno ed effettuo questa cottura sotto siero per un tempo massimo di tre minuti.
Ciò equivale ad una vera e propria stufatura e permette un ottimo spurgo di siero e la formazione ottimale della crosta.
A questo punto, lascio freddare a temperatura ambiente e dopo trasferisco in frigo a 8 gradi ed umidità 78%.
La salatura inizierà domani e durerà per 6 giorni (nelle forme più grandi arriva anche a dieci giorni) nell’ordine del 3%.
Lo terrò in queste condizioni per 30 giorni, dopodiché eseguirò il trattamento in crosta e lo stagionerò in un locale un po’ simile ad un fondaco ma non uguale.
Questo formaggio lo si può consumare “primitivo” o “stagionato” oppure “extra” sia come formaggio da tavola che da grattugia.
Se si stagiona fino a 6 mesi viene definito primitivo;
Da 6 a 12 mesi si definisce stagionato;
Oltre i 12 mesi si definisce extra.
Le mie intenzioni, sono quelle di produrre almeno 6/7 forme e stagionarle almeno fino a Maggio per poterle consumare come formaggio da grattugia. Una o due forme forse le aprirò prima.
La forma dopo il raffreddamento a seguito della cottura sotto scotta, pesa 1.5 Kg.
Vi terrò aggiornati sull’evoluzione di questo formaggio.
A presto. ;)


Allegati:
Commento file: Cinque litri di latte di pecora più due di capra.
Listener.jpg
Listener.jpg [ 9.81 KiB | Osservato 8342 volte ]
Commento file: Filtraggio latte.
Listener (1).jpg
Listener (1).jpg [ 9.09 KiB | Osservato 8342 volte ]
Commento file: Riscaldamento a 38 gradi.
Listener (2).jpg
Listener (2).jpg [ 6.27 KiB | Osservato 8342 volte ]
Commento file: Inoculo yogurt (2%)
Listener (3).jpg
Listener (3).jpg [ 8.13 KiB | Osservato 8342 volte ]

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"
30/11/2013, 21:54
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
................Continua Canestrato di Moliterno.................


Allegati:
Commento file: Mescolatura latte e yogurt.
Listener (4).jpg
Listener (4).jpg [ 7.61 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Preparazione caglio in pasta di capretto.
Listener (5).jpg
Listener (5).jpg [ 7.04 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Aggiunta caglio al latte.
Listener (6).jpg
Listener (6).jpg [ 6.59 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Mescolatura latte e caglio.
Listener (7).jpg
Listener (7).jpg [ 6.97 KiB | Osservato 8341 volte ]

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"
30/11/2013, 21:56
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
..............Continua canestrato di moliterno...................


Allegati:
Commento file: Cagliata pronta e soda dopo 20 minuti.
Listener (8).jpg
Listener (8).jpg [ 7.55 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Rottura a chicco di riso della cagliata con bastone in legno non trattato.
Listener (9).jpg
Listener (9).jpg [ 7.87 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Ultimazione rottura cagliata.
Listener (10).jpg
Listener (10).jpg [ 6.37 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Cagliata depositata sul fondo della pentola.
Listener (11).jpg
Listener (11).jpg [ 6.58 KiB | Osservato 8341 volte ]

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"
30/11/2013, 21:59
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
...............Continua canestrato di moliterno...................


Allegati:
Commento file: Messa in fuscella e pressatura manuale.
Listener (13).jpg
Listener (13).jpg [ 10.89 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Messa in fuscella e pressatura ultimata.
Listener (14).jpg
Listener (14).jpg [ 9.98 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Riscaldamento della scotta a 90 gradi.
Listener (15).jpg
Listener (15).jpg [ 6.71 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Cottura forma canestrato sotto scotta per 3 minuti.
Listener (16).jpg
Listener (16).jpg [ 5.91 KiB | Osservato 8341 volte ]

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"
30/11/2013, 22:03
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
....................Continua canestrato di moliterno...................


Allegati:
Commento file: Forma sotto scotta.
Listener (17).jpg
Listener (17).jpg [ 8.34 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Forma canestrato a fine cottura sotto scotta e in fase di asciugatura.
Listener (18).jpg
Listener (18).jpg [ 8.12 KiB | Osservato 8341 volte ]
Commento file: Forma canestrato di moliterno a fine asciugatura pesa 1,5 kg.
Listener (19).jpg
Listener (19).jpg [ 7.36 KiB | Osservato 8341 volte ]

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"
30/11/2013, 22:06
Profilo WWW

Iscritto il: 31/03/2009, 19:55
Messaggi: 217
Località: provincia di Novara
Formazione: perito meccanico
Rispondi citando
Uno dei formaggi più buoni che abbia mai mangiato


30/11/2013, 22:34
Profilo
Sez. Industria Lattiero-Casearia
Sez. Industria Lattiero-Casearia
Avatar utente

Iscritto il: 30/12/2009, 22:14
Messaggi: 7523
Località: Auckland NZ
Formazione: Tecnico Caseario
Rispondi citando
Bello!!Interessante come lavorazione. Gilipedia non si smentisce mai!!! :D

_________________
"Ragazzi, ricordatevi che il rugby è un gioco di squadra. Quindi, per cortesia, passate tutti e 14 la palla a Jonah".


02/12/2013, 9:46
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
tsunaseth ha scritto:
Bello!!Interessante come lavorazione. Gilipedia non si smentisce mai!!! :D



Mi fa piacere che le mie lavorazioni vi incuriosiscano ;) . Questo formaggio è il fiore all'occhiello della Basilicata, insieme a casiello e caciocavallo podolico........ ne vado fiero.

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"


02/12/2013, 19:10
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
Piccolo aggiornamento sul canestrato, ieri ho finito con le operazione di salatura a secco (durata 6 giorni), ho utilizzato 48 grammi di sale,cos' suddivisi:
1° giorno salatura primo piatto 7 grammi;
2° giorno salatura secondo piatto 7 grammi;
3° giorno salatura scalzo 10 grammi;
4° giorno salatura primo piatto 7 grammi;
5° giorno salatura secondo piatto 7 grammi;
6° giorno salatura scalzo 10 grammi.

Adesso continuerà la stagionatura in frigo per poi subire un trattamento in crosta e proseguire nella sua maturazione.
Ciao a tutti.

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"


08/12/2013, 12:39
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 25/01/2013, 14:55
Messaggi: 4327
Località: Siena.
Formazione: Diploma,geometra.
Rispondi citando
Vi allego qualche foto dei miei formaggini canestrati.
Uno è canestrato in tutti i sensi, gli altri, sono stati fatti nella fuscella da caciotta, per consentirmi di avere forme più grandi, ma la lavorazione è quella pura del canestrato.
Le prime foto, riguardano una forma prodotta ieri, mentre le altre foto, riguardano forme prodotte nei mesi scorsi.
Quella canestrata ha circa 6 mesi, quella a sinistra quasi 5 mesi e quella a destra 4 mesi.
Profumo impressionante :D .


Allegati:
Listener (2).jpg
Listener (2).jpg [ 11.45 KiB | Osservato 6535 volte ]
Listener (3).jpg
Listener (3).jpg [ 11.63 KiB | Osservato 6535 volte ]
Listener (4).jpg
Listener (4).jpg [ 7.72 KiB | Osservato 6535 volte ]
Listener (5).jpg
Listener (5).jpg [ 11.97 KiB | Osservato 6535 volte ]

_________________
"Ancora una volta in lotta, nell'ultima battaglia che conti, di cui ho mai saputo, vivere e morire in questo giorno...vivere...e morire...in questo giorno…"
18/05/2014, 20:28
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 27 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy