Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 29/05/2017, 21:03




Rispondi all’argomento  [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Notizie curiose e forse utili 
Autore Messaggio
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 1020
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Notizia curiosa porcina:
http://www.lastampa.it/2016/12/09/socie ... agina.html


18/12/2016, 21:54
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 1020
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Progetto Regione Lombardia: "The Ethical Pig Farm", coinvolti allevamenti di 4 province per un sistema innovativo di allevare suini...

L'attività prevede anche il coinvolgimento diretto di 6 aziende agricole, oltre all’azienda proponente, attive nel settore suinicolo in diverse province lombarde (Brescia, Mantova, Milano e Lodi)...

Mercoledì 28 Dicembre 2016 (oggi)

The Ethical Pig Farm – Schema volontario di qualità basato su un elevato standard di benessere animale per l’allevamento suinicolo.

Il progetto biennale con fondi europei (PSR 2014-2020) nasce con la collaborazione del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell'Università di Milano e la Fondazione CRPA Studi Ricerche di Reggio Emilia.

L'attività prevede anche il coinvolgimento diretto di 6 aziende agricole, oltre all’azienda proponente, attive nel settore suinicolo in diverse province lombarde (Brescia, Mantova, Milano e Lodi).

Il progetto si propone di promuovere la diffusione di pratiche zootecniche più rispettose del benessere animale, favorendo le opportunità di vendita mediante l’accesso a nuovi mercati, più attenti alla componente etica del prodotto e al rispetto degli animali allevati attraverso:

- la realizzazione di uno schema volontario di qualità basato su elevati standard di benessere animale,
- la verifica della sostenibilità tecnico-economica degli investimenti e il possibile valore aggiunto della filiera animal friendly,
- la sensibilizzazione del consumatore nella scelta di prodotti provenienti da allevamenti con elevati standard di benessere animale.

Si affronteranno tematiche innovative, quali l’eliminazione del confinamento delle scrofe e delle mutilazioni (taglio della coda e castrazione), che ora rappresentano le aspettative del consumatore e diventeranno presumibilmente oggetto delle future politiche comunitarie.


La diffusione dello schema volontario di qualità definito dal progetto potrà portare a un aumento di redditività aziendale e valore aggiunto del prodotto, aumentando le opportunità di vendita mediante l’accesso a nuovi mercati.
Il progetto si articola nelle seguenti azioni principali:

- studi preliminari alla realizzazione del piano, quali identificazione e applicabilità di disciplinari commerciali esistenti basati sul benessere animale negli allevamenti partecipanti al progetto e indagine di mercato e dei canali di vendita di prodotti animal friendly;
- applicabilità dei disciplinari identificati nelle aziende pilota e definizione degli interventi strutturali e gestionali da eseguire nelle aziende;
- verifica della fattibilità degli interventi nelle aziende pilota con esecuzione degli adeguamenti strutturali e gestionali, raccolta dati in allevamento (per il confronto fra i gruppi di suini allevati secondo pratiche più rispettose del benessere animale e gruppi analoghi di animali allevati in maniera convenzionale nella medesima azienda) e al macello (con verifica dei parametri produttivi);
- analisi tecnico-economica che consentirà di calcolare l’incidenza reale sulla redditività aziendale, tenendo conto dei possibili costi aggiuntivi d’investimento e gestione legati all’adozione di pratiche di allevamento per raggiungere alti standard di benessere animale.



Newsletter CRPA - dicembre 2016


28/12/2016, 20:08
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 1020
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
A tutti i possessori di scrofe consiglio questo articolo di un noto sito italiano di suinicoltura:
https://www.3tre3.it/trucchi/carta-in-s ... etti_6294/" target="_blank


17/01/2017, 21:44
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 1020
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Diffusione delle malattie:



ITALIA - I ricercatori hanno dimostrato che guardando i movimenti degli operatori e dei veicoli tra le aziende agricole nello stesso modo in cui guardiamo i contatti nei social network possono spiegare la diffusione delle malattie infettive pericolose di bestiame, come l'afta epizootica e l'influenza aviaria.
Questa ricerca, pubblicata nel PLoS Computational Biology , può contribuire allo sviluppo di strumenti più precisi per prevedere la diffusione di malattie del bestiame e può contribuire ad attuare misure di biosicurezza più efficaci nelle aziende agricole.
Lo studio, realizzato dal dottor Gianluigi Rossi dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna e colleghi, hanno dimostrato che la rete di contatti originata da visite in azienda da parte di veterinari in allevamenti del Nord Italia mostra caratteristiche nascoste che non possono essere rilevate semplicemente guardando la frequenza delle visite e svela dei modelli di infezione altrimenti inspiegabile.
Gli autori hanno scoperto che i movimenti dei veterinari producono un numero inaspettatamente elevato di contatti potenzialmente infettivi tra le aziende agricole che possono diffondersi rapidamente malattie del bestiame pericolose.
La ricerca, resa possibile dalla disponibilità di dati ad alta risoluzione nello spazio e nel tempo sui movimenti veterinari nell'area di studio, messo in luce l'importanza reale di movimenti dell'operatore in diffusione della malattia, argomenti ancora poco conosciuti a causa della varia e complesso la natura di tali movimenti e alle questioni di privacy nella raccolta dei dati.
I ricercatori hanno confrontato il ruolo dei movimenti veterinario sulle malattie diffuse con quelli dello scambio di animali tra aziende agricole, che è riconosciuto come la via di trasmissione più efficace per le malattie infettive del bestiame. Essi hanno scoperto che la co-presenza di movimenti dell'operatore e degli scambi di animali è sinergica, in gran parte amplificando il potenziale per la propagazione della malattia. Lo studio mostra come l'analisi della rete multistrato migliora notevolmente la diffusione di malattie modo in cui può essere descritto, contribuendo così al loro controllo.

ulteriori letture http://journals.plos.org/ploscompbiol/a ... .1005301ri" target="_blank


03/02/2017, 21:36
Profilo

Iscritto il: 27/11/2015, 13:11
Messaggi: 446
Località: Canna (cs)
Formazione: tecnico della gestione aziendale
Rispondi citando
Interessante Marco62
Ho visto veterinari che da un allevamento all'altro si presentano con gli stivali pieni di letame ... usando la stessa tuta per ogni allevamento.
Per gli allevatori di una certa età mio padre compreso è dura comprendere che in questi casi i patogeni vanno a nozze
Ci vuole un ricambio generazionale culturale al primo posto ... veterinari compresi (oppure a quest'ultimo interessano di più gli animali ammalati)


03/02/2017, 21:49
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 1020
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Pensa che io all'estero per visitare degli allevamenti dovevo presentarmi 2 gg. prima e passare 24 ore senza avere contatti con animali o allevamento, per poter entrare, ed a tutti i dipendenti di un determinato allevamento era proibito di detenere qualsiasi animale a casa loro, quindi c'è un sacco di strada da fare per la biosicurezza.


03/02/2017, 22:07
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini
Avatar utente

Iscritto il: 23/09/2009, 16:47
Messaggi: 6731
Località: LODI (Lombardia), vicino al PO
Formazione: laurea umanistica, esperienza in allevamento, in particolare sala parto suini
Rispondi citando
Ai veterinari bisogna imporre stivali puliti e , sopra quelli, calzari di plastica usa e getta.
È il minimo.
Per sicurezza è meglio averli in casa propria una confezione di calzari.

_________________
L'esperto è una persona che ha fatto in un campo molto ristretto tutti i possibili errori.(Niels Bohr)

Mors et vita duello conflixere mirando: dux vitae mortuus, regnat vivus.


03/02/2017, 23:02
Profilo

Iscritto il: 27/11/2015, 13:11
Messaggi: 446
Località: Canna (cs)
Formazione: tecnico della gestione aziendale
Rispondi citando
Eh purtroppo si ... è una questione culturale ... in primo luogo per il resto ognuno fa la sua parte


03/02/2017, 23:05
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini
Avatar utente

Iscritto il: 23/09/2009, 16:47
Messaggi: 6731
Località: LODI (Lombardia), vicino al PO
Formazione: laurea umanistica, esperienza in allevamento, in particolare sala parto suini
Rispondi citando
Non è una questione culturale, ti rifornisci e la prossima volta che arriva qualcuno da fuori gli porgi i calzari e glieli fai indossare. Puoi dire che è una cortesia per tenere pulite le scarpe.

_________________
L'esperto è una persona che ha fatto in un campo molto ristretto tutti i possibili errori.(Niels Bohr)

Mors et vita duello conflixere mirando: dux vitae mortuus, regnat vivus.


03/02/2017, 23:11
Profilo

Iscritto il: 27/11/2015, 13:11
Messaggi: 446
Località: Canna (cs)
Formazione: tecnico della gestione aziendale
Rispondi citando
Infatti sono delle regole che si devono rispettare per entrare in un allevamento ... siamo noi che ci dobbiamo tutelare


04/02/2017, 10:14
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 57 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy