Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 19/02/2017, 22:56




Rispondi all’argomento  [ 52 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo
Notizie curiose e forse utili 
Autore Messaggio
Sez. Suini
Sez. Suini
Avatar utente

Iscritto il: 23/09/2009, 16:47
Messaggi: 6650
Località: LODI (Lombardia), vicino al PO
Formazione: laurea umanistica, esperienza in allevamento, in particolare sala parto suini
Rispondi citando
Fantastico il biscottone! I semi di lino erano usati anche in passato per il loro effetto antinfiammatorio.
Ma al 6° giorno dopo il parto non avranno un rifiuto della solita razione di mangime dopo 10 giorni di biscotti appetitosi?

_________________
L'esperto è una persona che ha fatto in un campo molto ristretto tutti i possibili errori.(Niels Bohr)

Mors et vita duello conflixere mirando: dux vitae mortuus, regnat vivus.


14/10/2016, 8:02
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Il prodotto in questione non lo conosco, ho letto da poco l'articolo, conoscendo gli allevatori credo che sarà tagliato con il proprio mangime, i componenti che contiene, specialmente il lino precotto, è un ottimo prodotto, io preferisco utilizzarlo sia in gestazione che lattazione ovviamente a percentuali diverse proprio per il motivo dell'equilibrio omega 3 e omega 6, molte diete moderne portano ad un eccesso di omega 6 compromettendo i benefici, il resto oli essenziali ed altro, opportunamente utilizzati possono aiutare in determinate situazioni, sempre più l'industria mangimistica sta valutando queste nuove frontiere, che proprio nuove non sono ma che erano in disparte a scapito di prodotti più comodi o più economici da utilizzare.


14/10/2016, 19:17
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
IN ARRIVO NOVITA' DAL MONDO SUINO

Il prossimo mese si svolgerà la più importante fiera europea dei suini, sono presenti alcune novità interessanti, se masticate un pò di inglese, o vi fate aiutare dal traduttore questo articolo le presenta:

Una nuova allattatrice automatica.
Sistemi di ingrasso o alloggi scrofe all'aperto.
Un sistema di pesatura automatico per scrofette durante l'alimentazione.
Un prodotto a base di zinco innovativo.
Un prodotto di prebiosi a base di estratti naturali.
Una pasta di ferro per suinetti (no iniezione).
Un fermentatore per l'alimentazione a broda dei suini.
Un sostitutivo del latte.
Un prodotto a base di colza fermentata e alghe, contro i patogeni.
Una gabbia parto/svezzamento no stress.
Un sistema di pesatura maiali con tablet o smartphone.

La scelta è varia collegatevi a:

http://www.pigprogress.net/Sows/Article ... -2895781W/" target="_blank


14/10/2016, 20:42
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
4° MEETING Nazionale Allevatori Suini di Razza MORA ROMAGNOLA
Brisighella 23/10/2016

http://www.anas.it/giornale/201600031.PDF


14/10/2016, 21:19
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Italia: nasce il "Suino della Marca"...

Sabato, 15 ottobre 2016/Italia.http://www.ilrestodelcarlino.it/


E' stato presentato durante il "Salone del Gusto" di Torino, il nuovo consorzio di tutela e sviluppo del suino della Marca.

Il consorzio avrà il compito di stimolare gli allevatori marchigiani ad allevare la loro razza autoctona ed unirli per il conseguimento della Dop in modo di sostenere maggiormente il prosciutto di Carpegna che ora viene prodotto con suini di altre regioni.

Questa tipologia di suino era completamente scomparsa, in passato la razza era caratterizzata per l'uso al tartufo, di taglia ridotta, mantello nero e “carne assai saporita”. Da questi presupposti storici parte il progetto di ricerca genetica per selezionare il “Suino della Marca”: progetto finanziato dalla Regione e affidato all’Agenzia per lo Sviluppo del Settore Agroalimentare, l’Università di Camerino, l’Università Politecnica delle Marche per il suo sviluppo.

Tutto questo con l'obiettivo che il Salume di Fabriano, il Ciauscolo, il Prosciutto di Carpegna possano avere una materia prima autoctona da filiera agricola locale.


21/10/2016, 21:32
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
PRIMO MANGIME COMMERCIALE PER SUINETTI ALL'OLIO DI INSETTI.

Una società olandese di alimentazione è la prima a mettere un prodotto alimentare sul mercato con l'olio di insetti. Il mangime per suinetti con l'ingrediente insetto ha un grande potenziale per ridurre i batteri, prevenire la diarrea e migliorare l'assunzione di cibo;
Coppens Mangimi e Protix sono molto orgogliosi del fatto che la loro cooperazione ha portato ad un ottimo risultato: una formulazione di alimentazione con olio di insetto, adatto per i suini in svezzamento. Protix è produttore di olio di insetti e proteine ​​degli insetti e fornisce l'ingrediente a Coppens, che elabora ulteriormente a un mangime pellettato commerciale nel loro mangimificio a Helmond, Paesi Bassi.

I 'vecchi' ingredienti'

Per Coppens, la sostenibilità, l'economia circolare e innovazione sono valori importanti, da qui l'interesse per nuovi ingredienti dei mangimi come l'olio di insetti. Ad Kemps, è la responsabile del progetto presso Coppens ci spiega: "Argomenti come la riduzione di antibiotici, le questioni ambientali (ad esempio, ri-utilizzando flussi di rifiuti alimentari) e il benessere degli animali fanno parte della catena alimentare e il settore dell'alimentazione degli animali ha bisogno di agire su questi importanti problemi. Per quanto riguarda l'alimentazione animale, vediamo che gli agricoltori sono molto interessati a 'tornare alla natura', e fornire una dieta che assomiglia in parte ad una dieta primordiale. Cosa gli animali hanno bisogno e quali nuovi ingredienti si possono aggiungere o utilizzare in sostituzione di ingredienti meno sostenibili? Questo è ciò che noi, come Coppens stiamo guardando e abbiamo notato dal feedback da parte degli agricoltori che trovano logico ad alimentare insetti per il bestiame, in quanto questo è un naturale, ed parte primordiale della dieta ".

Olio di insetti contiene livelli elevati di acido laurico


Tarique Arsiwalla, fondatore di Protix spiega: "Abbiamo iniziato la nostra collaborazione con Coppens circa 3 anni fa e questo ha portato con successo nel lancio di un prodotto commerciale sul mercato. Il primo lotto di mangimi per suinetti con l'olio insetto ha lasciato il mangimificio di Coppens all'inizio di quest'anno, e da allora circa 15 allevatori di suini nei Paesi Bassi hanno iniziato ad usarlo per i loro suinetti. L'olio insetto è composto da larve dal Black Soldier Fly (mosca soldato) e Protix ha messo a punto l'arte di allevare, la produzione e la lavorazione di questi insetti fin dalla sua fondazione nel 2009 ". Rispetto ad altre specie di insetti d'allevamento, le mosche soldato nere sono le più difficili da allevare, ma sono molto efficienti nel convertire avanzi organici in valore di proteine ​​e olio. L'olio insetto contiene un'alta percentuale di acido laurico, noto per le sue proprietà antimicrobiche e uno strumento per ottenere batteri gram-negativi (ad esempio Streptococcus o Clostridium) sotto controllo. Inoltre, l'acido laurico , un lento rilascio durante l'intero tratto intestinale.



prove suinetti mostrano maggiore assunzione di cibo

Prima di andare sul mercato, Coppens ha effettuato diverse prove per testare la nuova formulazione di alimentazione con l'olio insetto. Gli agricoltori accolgono l'idea di diete sostenibili per maiali, ma alla fine, sono necessari i fatti che dimostrano che la produzione e la salute possono essere migliorati per vincere i contadini ad acquistare il mangime. IL nutrizionista presso Coppens, Joris van Iersel, è strettamente coinvolta in questi studi e spiega: "I primi risultati dello studio (nella fattoria di un cliente) mostrano che i suinetti sulla dieta olio di insetto ha avuto un 12% in più l'assunzione di cibo, rispetto alla dieta di controllo.
Questa è stata misurata tra l'età dello svezzamento (21 giorni) e 14 giorni dopo lo svezzamento. Van Iersel: "L'ingestione di alimento superiore porta a un più pieno stomaco, quindi, porta ad una migliore salute dell'intestino e minore incidenza di diarrea. Anche se la crescita è stata simile, e quindi anche la conversione alimentare, l'assunzione di cibo più alta è la cosa più importante. Inoltre, siccome lo svezzamento è un periodo sensibile, di grande variazione, la razione alimentare dei suinetti deve essere preparata con ingredienti che sono facili da digerire ". Un altro studio recente che è stato fatto al Coppens Piglet Center Centro di ricerca dove l'olio insetto nella dieta è stata utilizzata per un periodo più lungo (fino a 42 giorni dopo lo svezzamento a 28 giorni).

L'intervista completa con Coppens e Protix può essere letta nel prossimo numero (numero 8) di All About feed!

Emmy Koeleman
Editor: Tutto su Feed & Global Dairy


24/10/2016, 23:25
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
ALTRA NOVITA'

mangiatoia che permette al suino di alimentarsi combinando il naturale modo di grufolare.

http://www.thepigsite.com/swinenews/425 ... g-feeding/


27/10/2016, 22:05
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Rischio di infezioni influenzali in persone che vivono nei pressi di allevamenti di suini

I suini possono albergare il virus dell'influenza, patogeno anche per gli esseri umani. Considerando che studi precedenti ribadiscono la presenza di un maggior rischio di casi di influenza umana tra individui a contatto con suini, sono state condotte ricerche per investigare anche l'associazione spazio-temporale tra le malattie di tipo simil-influenzale (ILI-influenza-like illnesses) ed allevamenti di suini in zone ad alta concentrazione...



I suini possono albergare il virus dell'influenza, patogeno anche per gli esseri umani. Considerando che studi precedenti ribadiscono la presenza di un maggior rischio di casi di influenza umana tra individui a contatto con suini, sono state condotte ricerche per investigare anche l'associazione spazio-temporale tra malattie di tipo simil-influenzale (ILI-influenza-like illnesses) ed allevamenti di suini autorizzati tra il 2008 al 2012 nella Carolina del Nord, il 2° maggior produttore di suini degli Stati Uniti.

Venne determinata la settimana nella quale i casi di ILI raggiungevano il loro punto massimo e venne stimata statisticamente la settimana dell'inizio. Questo venne realizzato in 100 contee della Carolina del Nord durante 4 stagioni di influenza consecutive. Si utilizzarono modelli lineari per correlare il numero di allevamenti di suini per contea con le settimane di inizio ed attività massima delle ILI.

Si osservò che durante le stagioni influenzali 2009-2010 e 2010-2011, entrambe nelle quali circolò il virus pandemico dell'influenza A H1N1 2009, le ILI raggiunsero un picco più precoce nelle contee con il maggior numero di allevamenti di suini autorizzati, mentre questi fatti non si osservarono nelle stagioni 2008-2009 o 2011-2012, periodi per i quali non si osservò alcuna relazione tra la settimana d'inizio delle ILI ed il numero di allevamenti di suini.

I risultati di questo studio suggeriscono che le concentrazioni di allevamenti di suini hanno amplificato la trasmissione dell'influenza durante gli anni nei quali circolava l'H1N1. Questo ha delle implicazioni per le strategie vaccinali dirette ai lavoratori che accudiscono i suini, ma anche per la vigilanza virologica nelle aree con grandi concentrazione di suini.

Lantos PM, Hoffman K, Höhle M, Anderson B, Gray GC. Are people living near modern swine production facilities at increased risk of Influenza virus infection? Clin Infect Dis. 2016 Nov 6. pii: ciw646. [Epub ahead of print] DOI: 10.1093/cid/ciw646


30/11/2016, 21:47
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
Un interessante iniziativa danese



Danimarca: 0,26 ct/kg in più per i suini antibiotic free...vedi metodica d'applicazione...

Il sistema funziona con l'applicazione di una marca auricolare ai suinetti già alla nascita...

Venerdì 16 Dicembre 2016 (2 giorni fa)

L'iniziativa da parte di Danish Crown di premiare i suini allevati senza antibiotici risale con le prime prove ad ottobre 2015. Oggi il progetto si è amplificato a più scrofaie...

Il sistema funziona con l'applicazione di una marca auricolare ai suinetti già alla nascita. In qualsiasi momento che il suinetto abbia bisogno di un trattamento antibiotico in qualsiasi momento della sua vita, la marca auricolare viene rimossa. Il premio stabilito di 0,26 ct/kg si paga se oltre il 35% dei suinetti arrivano alla macellazione con il marchio.

Sono ammessi i trattamenti anticoccidi, il trattamento delle scrofe e l'uso di ossido di zinco nel post-svezzamento. I dati produttivi tendono a calare con l'applicazione del progetto. I suinetti sotto i 900g alla nascita tendono a non essere "targati"....


http://www.fwi.co.uk/livestock/antibiot ... piglet.htm


18/12/2016, 13:25
Profilo
Sez. Suini
Sez. Suini

Iscritto il: 02/02/2009, 19:32
Messaggi: 983
Località: MODENA ITALIA
Formazione: De-perito agrario
Rispondi citando
OLANDA : interessi su nuova attività.

Necessità di allevamento di insetti per le proteine ​​negli alimenti per animali
Pubblicato Lunedi, 12-12-2016
Nei Paesi Bassi, vi è una crescente necessità di proteine ​​per l'alimentazione animale. Questo può essere raggiunto da una crescente interno insetti come alternativa alla soia importato e farina di pesce.
Se solo l'uno per cento delle proteine ​​alimentari per suini, polli e pesci giovani è pieno di proteine ​​di insetti, questo da un mercato del valore di 200-300,000,000, e, infine, diverse centinaia di posti di lavoro. Paesi Bassi offre presente una buona prospettiva per l'alto livello di istruzione e buone infrastrutture. Conclude ABN Amro e BOM (Agenzia per lo sviluppo Brabant) nel rapporto "Allevamento insetti: piccola industria, grandi opportunità", che è stato pubblicato la scorsa settimana.

Piccolo mercato

In Europa si sta sviluppando un mercato interessante per gli allevatori di insetti, principalmente per l'alimentazione animale. Insetti Le proteine sono un buon fonti alternative di proteine come la soia e farina di pesce. Allevatori d'insetti che vogliono beneficiare di questo, dovrebbero crescere il loro volume di produzione. ABN AMRO ritiene che vi siano opportunità soprattutto, mostrando che gli insetti valore aggiunto può influire sulle prestazioni e la salute dei pesci, pollo o maiale.

Il vivaio insetto olandese è ancora piccolo e ci sono circa 25 imprese attive. Si stima che ha prodotto 500 tonnellate di insetti nei Paesi Bassi con un fatturato totale di tra i 3 e i 7 milioni.

In Europa, sarà ora relativamente piccoli volumi di proteine ​​insetto è prodotta ad un prezzo relativamente alto. Un esempio di calcolo mostra che la domanda potenziale 800 tonnellate di insetto proteine ​​ ammonta ad una percentuale del volume totale di mangime olandese per suini di elevata qualità è sostituito da proteine ​​insetti.

Testo: Ruben van Boekel
http://www.pigbusiness.nl/voeding/droog ... iervoeding


18/12/2016, 21:25
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 52 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Prossimo



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy