Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 13/07/2024, 2:19




Rispondi all’argomento  [ 14 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
TARTUFAIA 
Autore Messaggio
Sez. Olivo
Sez. Olivo

Iscritto il: 03/05/2018, 16:05
Messaggi: 332
Località: Lucito, Molise;
Formazione: Formazione Tecnica
Rispondi citando
Salve a tutti.
Leggendo in internet ho imparato che esistono tre tipi di tartufaia e cioè quella NATURALE, CONTROLLATA e COLTIVATA. Il terreno per poterla impiantare deve avere delle caratteristiche come ad esempio un certo tipo di PH. Accertati tutti questi dati, quali sono le azioni preliminari da fare per poterne impiantare una? Le PIANTE da mettere a dimora quali sono?
Grazie in anticipo

_________________
Flavio Pettinicchi

Skype: flavio.pettinicchi@yahoo.it


02/02/2019, 22:31
Profilo
Sez. Ovini
Sez. Ovini

Iscritto il: 16/07/2010, 15:13
Messaggi: 2613
Località: Ferentino (FR)
Rispondi citando
Una volta analizzato il terreno, se ha le caratteristiche idonee, si procede con la fase di progettazione.
Le varietà di piante dipende dalla varietà di tartufo idonea per il tipo di terreno.
In generale, la pianta più utilizzata è la Roverella (Quercia comune), poi Leccio, Carpino, Pioppo, Nocciolo, Tiglio, Cerro, Farnia ed altre.


03/02/2019, 11:41
Profilo

Iscritto il: 07/11/2016, 13:54
Messaggi: 419
Rispondi citando
I passaggi sono questi, a parte possedere della terra.
Uno fare le analisi del terreno ( pH , calcare e tessitura sono le condizioni principali ).
Due esposizione al sole ( nord, sud ).
Tre dati pluviometrici / possibilità irrigare.
Quattro presenza di
tartufaie naturali in zona e che tipo di tartufi.
Se i dati sono buoni chiama un tecnico per un sopralluogo


03/02/2019, 11:47
Profilo

Iscritto il: 02/10/2012, 12:16
Messaggi: 3385
Località: abruzzo
Formazione: Maestro di musica
Rispondi citando
FlavioPet ha scritto:
Salve a tutti.
Leggendo in internet ho imparato che esistono tre tipi di tartufaia e cioè quella NATURALE, CONTROLLATA e COLTIVATA. Il terreno per poterla impiantare deve avere delle caratteristiche come ad esempio un certo tipo di PH. Accertati tutti questi dati, quali sono le azioni preliminari da fare per poterne impiantare una? Le PIANTE da mettere a dimora quali sono?
Grazie in anticipo

I tipi di tartufaie devi saperlo ma a te non interessano perché devi procedere ex novo... Le altre due sono per leggi divieti e cartellazioni. Dopo le analisi fisico/chimiche si passa alla specie tartufo di conseguenza in base l esposizione si passa al sesto d impianto e poi al tipo di pianta. Tesserino alla raccolta è una cosa, la tartuficoltura è altra, ovviamente una non esclude l altra... Ma non fare confusione. Saluti

_________________
Azienda Agricola MicoVivai
Produzione piante da tartufo certificate.
www.micovivai.it
@micovivai


03/02/2019, 12:53
Profilo
Sez. Olivo
Sez. Olivo

Iscritto il: 03/05/2018, 16:05
Messaggi: 332
Località: Lucito, Molise;
Formazione: Formazione Tecnica
Rispondi citando
Ok grazie a tutti, in ogni caso mi piacerebbe trovare compatibilità di terreno con la pianta del TIGLIO. So che è una pianta di interesse apistico, pensando magari ad un progetto più ampio. Che ne dite?

_________________
Flavio Pettinicchi

Skype: flavio.pettinicchi@yahoo.it


03/02/2019, 14:42
Profilo
Sez. Olivo
Sez. Olivo

Iscritto il: 03/05/2018, 16:05
Messaggi: 332
Località: Lucito, Molise;
Formazione: Formazione Tecnica
Rispondi citando
masulse ha scritto:
I passaggi sono questi, a parte possedere della terra.
Uno fare le analisi del terreno ( pH , calcare e tessitura sono le condizioni principali ).
Due esposizione al sole ( nord, sud ).
Tre dati pluviometrici / possibilità irrigare.
Quattro presenza di
tartufaie naturali in zona e che tipo di tartufi.
Se i dati sono buoni chiama un tecnico per un sopralluogo


Quindi è consigliabile mantenere la stessa linea di tartufo presente in un'eventuale tartufaia naturale? La possibilità di irrigare c'è, quindi credo di esserci da quel punto di vista, così come con una buona esposizione al sole. Sono da vedere assolutamente la consistenza del PH e presenza di tartufaie.

_________________
Flavio Pettinicchi

Skype: flavio.pettinicchi@yahoo.it


03/02/2019, 14:48
Profilo

Iscritto il: 02/10/2012, 12:16
Messaggi: 3385
Località: abruzzo
Formazione: Maestro di musica
Rispondi citando
FlavioPet ha scritto:
Ok grazie a tutti, in ogni caso mi piacerebbe trovare compatibilità di terreno con la pianta del TIGLIO. So che è una pianta di interesse apistico, pensando magari ad un progetto più ampio. Che ne dite?

Non è sempre possibile scegliere la simbionte per avere altro indirizzo, nulla toglie che potrebbe accadere conta che preferisce terreni freschi, umidi e profondi. Io sto lavorando ad esempio per un apicoltore... Mi ha richiesto dei noccioli... Fioritura precoce quindi se va bene a lui penso che potrebbe funzionare anche a te... Potresti tenerla presente. Se ambedue non sono vocati lascia perdere il miele e concentrati sul prodotto tartufo. Una ottima pianta tartufigena messa in areale non consono non produrrà tartufi. Ciaooo

_________________
Azienda Agricola MicoVivai
Produzione piante da tartufo certificate.
www.micovivai.it
@micovivai


03/02/2019, 17:41
Profilo

Iscritto il: 02/10/2012, 12:16
Messaggi: 3385
Località: abruzzo
Formazione: Maestro di musica
Rispondi citando
FlavioPet ha scritto:
masulse ha scritto:
I passaggi sono questi, a parte possedere della terra.
Uno fare le analisi del terreno ( pH , calcare e tessitura sono le condizioni principali ).
Due esposizione al sole ( nord, sud ).
Tre dati pluviometrici / possibilità irrigare.
Quattro presenza di
tartufaie naturali in zona e che tipo di tartufi.
Se i dati sono buoni chiama un tecnico per un sopralluogo


Quindi è consigliabile mantenere la stessa linea di tartufo presente in un'eventuale tartufaia naturale? La possibilità di irrigare c'è, quindi credo di esserci da quel punto di vista, così come con una buona esposizione al sole. Sono da vedere assolutamente la consistenza del PH e presenza di tartufaie.

Tutto corretto!

_________________
Azienda Agricola MicoVivai
Produzione piante da tartufo certificate.
www.micovivai.it
@micovivai


03/02/2019, 21:12
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 10/04/2012, 23:20
Messaggi: 2664
Località: valle sabbia
Rispondi citando
FlavioPet ha scritto:
Ok grazie a tutti, in ogni caso mi piacerebbe trovare compatibilità di terreno con la pianta del TIGLIO. So che è una pianta di interesse apistico, pensando magari ad un progetto più ampio. Che ne dite?

Ottimo il tiglio, difficile da trovare visto che sono pochi a farli, ma ottimi produttori.


03/02/2019, 23:30
Profilo

Iscritto il: 15/05/2016, 21:06
Messaggi: 477
Località: Udine
Rispondi citando
Se tutto dovesse essere a posto per tentare la strada della tartuficoltura e il tiglio dovesse dimostrarsi la pianta migliore per la tua realtà , conviene accordarsi con qualche vivaio .
Solitamente viene prodotto su richiesta e al massimo si trova qualche decina di piante di avanzo di altri lotti.
Comunque tieni presente che in natura il tiglio è sì un ottimo produttore di varie specie di tartufo , ma in tartuficoltura è di difficile gestione , diventa grande e tenerlo sotto controllo potrebbe essere decisamente impegnativo.


03/02/2019, 23:48
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 14 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy