Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 26/05/2020, 19:56




Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Diventare coltivatore diretto 
Autore Messaggio

Iscritto il: 22/11/2017, 16:28
Messaggi: 5
Località: Torre Pellice (TO)
Rispondi citando
Buongiorno a tutti,

mi piacerebbe col mio compagno acquistare un piccolo terreno ad ulivi per iniziare a fare un po' di esperienza sulla produzione e vendita d'olio, accompagnata magari da qualche altro prodotto agricolo e perchè no alcune galline, visto che il panorama che leggo per l'olio non è affatto allettante...
Lavoriamo in modo occasionale e chissà che pian pianino la terra non possa offrirci i mezzi per vivere. Nella peggiore delle ipotesi un po' di terra potrà soddisfare l'uso personale!
Ciò che vorrei capire è quali sono i primi passi da fare per diventare un coltivatore diretto. Il campo da seguire deve avere una grandezza minima o richiedere un certo numero di ore di lavoro?
Ci sono dei costi da sostenere a prescindere dal se si guadagna qualcosa o meno?
Il fatto di essere coltivatori diretti offre anche automaticamente la possibilità di vendere i propri prodotti o è necessario aprire un codice di attività specifico per la vendita?
Si possono vendere anche prodotti lavorati che parzialmente contengano alcuni prodotti della propria terra? Occorre avere degli spazi adeguati a norma immagino... Può essere anche la cucina di casa?

Vi ringrazio per tutte le vostre delucidazioni!


22/05/2020, 19:30
Profilo
Sez. Tartufi
Sez. Tartufi
Avatar utente

Iscritto il: 16/01/2008, 1:19
Messaggi: 5723
Località: Sesto F.no (FI)
Formazione: Perito agrario e Dott. in Tut. e Gest. delle Ris. Faunistiche
Rispondi citando
Ciao il discorso è un pò lungo e abbastanza ampio... ad ogni modo per diventare coltivatore diretto devi avere un minimo di coltivazioni e quindi un numero minimo di h di lavoro annuo; anche il reddito deve essere prevalente rispetto a quello di altre eventuali attività. È simile anche il percorso dell'imprenditore agricolo, con alcune differenze.

Ovviamente per trasformare i prodotti devi avere dei locali che rispettino le normative igienico sanitarie e tutti i permessi/abilitazioni in mano.

_________________
Saluti,
Flavio.


E' uscito il numero 12 di "TerrAmica", la Rivista dell'Associazione di Agraria.org!
Sfoglialo subito, è gratis! >>


23/05/2020, 22:15
Profilo
Sez. Sviluppo Rurale
Sez. Sviluppo Rurale

Iscritto il: 22/03/2012, 17:33
Messaggi: 715
Località: Teramo
Rispondi citando
rvecchie ha scritto:
Buongiorno a tutti,

mi piacerebbe col mio compagno acquistare un piccolo terreno ad ulivi per iniziare a fare un po' di esperienza sulla produzione e vendita d'olio, accompagnata magari da qualche altro prodotto agricolo e perchè no alcune galline, visto che il panorama che leggo per l'olio non è affatto allettante...
Lavoriamo in modo occasionale e chissà che pian pianino la terra non possa offrirci i mezzi per vivere. Nella peggiore delle ipotesi un po' di terra potrà soddisfare l'uso personale!
Ciò che vorrei capire è quali sono i primi passi da fare per diventare un coltivatore diretto. Il campo da seguire deve avere una grandezza minima o richiedere un certo numero di ore di lavoro?
Ci sono dei costi da sostenere a prescindere dal se si guadagna qualcosa o meno?
Il fatto di essere coltivatori diretti offre anche automaticamente la possibilità di vendere i propri prodotti o è necessario aprire un codice di attività specifico per la vendita?
Si possono vendere anche prodotti lavorati che parzialmente contengano alcuni prodotti della propria terra? Occorre avere degli spazi adeguati a norma immagino... Può essere anche la cucina di casa?

Vi ringrazio per tutte le vostre delucidazioni!


Visto che siete all'inizio vi consiglio di prendere la partita iva in esonero, è una tipologia di partita iva che non comporta oneri di versamenti INPS camera di commercio e altro e vi permette di vendere i vostri prodotti tale e quali o trasformati senza particolari problemi ma rimanendo entro i 7.000€ di fatturato per ogni anno. Per la trasformazione dei prodotti in questo caso la normativa vi viene incontro poiché qualora si lavorano modiche quantità di prodotti, non si è obbligati ad avere un laboratorio artigianale ma le lavorazioni possono avvenire nella cucina di casa, ovviamente si deve sempre fare il manuale haccp e i singoli pezzi prodotti devono riportare tutte le indicazioni minime previste per legge per i prodotti agroalimentari

_________________
L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione. (O. Wilde)
https://stores.streetlib.com/it/agr-francesco-zenobi/nozioni-di-marketing-per-le-aziende-agrituristiche


24/05/2020, 10:38
Profilo
Sez. Tartufi
Sez. Tartufi
Avatar utente

Iscritto il: 16/01/2008, 1:19
Messaggi: 5723
Località: Sesto F.no (FI)
Formazione: Perito agrario e Dott. in Tut. e Gest. delle Ris. Faunistiche
Rispondi citando
studiozenobi ha scritto:
....
Per la trasformazione dei prodotti in questo caso la normativa vi viene incontro poiché qualora si lavorano modiche quantità di prodotti, non si è obbligati ad avere un laboratorio artigianale ma le lavorazioni possono avvenire nella cucina di casa, ovviamente si deve sempre fare il manuale haccp
...


Ciao, ma per l'utilizzo della cucina di casa non c'erano specifiche deroghe regionali? O vale per tutta Italia?

_________________
Saluti,
Flavio.


E' uscito il numero 12 di "TerrAmica", la Rivista dell'Associazione di Agraria.org!
Sfoglialo subito, è gratis! >>


24/05/2020, 21:46
Profilo
Sez. Sviluppo Rurale
Sez. Sviluppo Rurale

Iscritto il: 22/03/2012, 17:33
Messaggi: 715
Località: Teramo
Rispondi citando
Flavio ha scritto:
studiozenobi ha scritto:
....
Per la trasformazione dei prodotti in questo caso la normativa vi viene incontro poiché qualora si lavorano modiche quantità di prodotti, non si è obbligati ad avere un laboratorio artigianale ma le lavorazioni possono avvenire nella cucina di casa, ovviamente si deve sempre fare il manuale haccp
...


Ciao, ma per l'utilizzo della cucina di casa non c'erano specifiche deroghe regionali? O vale per tutta Italia?


si, ma fa capo a due direttive europee che ora non sotto mano ma che presto condividerò presto

_________________
L'esperienza è il tipo di insegnante più difficile. Prima ti fa l'esame, poi ti spiega la lezione. (O. Wilde)
https://stores.streetlib.com/it/agr-francesco-zenobi/nozioni-di-marketing-per-le-aziende-agrituristiche


oggi, 17:22
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 5 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy