Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 15/12/2019, 4:53




Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Meteorologia, a Trento la prima laurea italiana 
Autore Messaggio
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 57616
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
«Chiunque ne abbia voglia può una mattina aprire un suo sito e diffondere le previsioni del tempo che gli vengono in mente. Non importa quale preparazione abbia, anzi più le spara grosse più magari ha seguito e guadagna di più con la pubblicità», dice Dino Zardi dell'Università di Trento, responsabile scientifico del primo Festivalmeteorologia che si terrà il 16 e 17 ottobre a Rovereto (www.festivalmeteorologia.it). La situazione in Italia è infatti questa: la professione di meteorologo di fatto non esiste, a differenza di quanto avviene nella maggior parte dei paesi del Nord Europa.

Eppure le ricadute di questa disciplina sono decisamente importanti in parecchi campi, dal commercio all'agricoltura, dal turismo alla produzione di energia: solo chi conosce a fondo i meccanismi che regolano il clima può aiutare in maniera sostanziale a decidere dove piazzare dei pannelli solari, oppure capire con che correnti si muove l'inquinamento, o ancora circoscrivere quali zone a frutto vanno o meno protette. Solo per fare qualche esempio molto basilare.

Ma nel giro di un paio d'anni il panorama muterà completamente perché all'Università di Trento partirà la prima laurea magistrale in Meteorologia, la prima in assoluto in Italia. Afferirà al Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica, in stretta relazione con Fisica dell'atmosfera e vi si accederà al termine di un percorso di laurea breve in una disciplina di tipo scientifico. «Verrà organizzata - spiega il rettore dell'Università di Trento Paolo Collini - in collaborazione con l'Università di Innsbruck, dove esiste da circa 125 anni».

Il corso prevederà un primo anno a Trento e un secondo anno con un semestre in Austria ed un secondo semestre a scelta tra l'Italia o l'estero, magari con un programma Erasmus, ma che comunque prevede tirocini e lavoro sul campo. «Le difficoltà - spiega ancora il rettore - sono soprattutto normative e di vincoli amministrativi, con l'approvazione del Miur che limita l'offerta didattica per evitare il proliferare di diplomi inutili. Ma l'idea è di andare avanti perché a questo punto è diventato ineludibile richiedere questo percorso di laurea».
http://www.ladige.it/popular/ambiente/2 ... a-italiana

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


19/09/2015, 12:07
Profilo WWW
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 57616
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
"Chiunque ne abbia voglia può una mattina aprire un suo sito e diffondere le previsioni del tempo che gli vengono in mente..."
Forse qui ci sarebbe bisogno di una normativa precisa. Anche per i danni economici che possono provocare previsioni strampalate.

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


21/09/2015, 13:58
Profilo WWW
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 2 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy