Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 16/06/2024, 22:00




Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Un’alternativa al blocco della covata 
Autore Messaggio
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3917
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Ne abbiamo già parlato da qualche parte della divisione della famiglia, la covata da una parte e le api da un’altra, seguita da un trattamento con ossalico ma qualcuno l'ha messa in pratica su larga scala. Nel numero 8/2011 della rivista L’Apis, Francesco Panella riporta la sua esperienza con questo metodo applicato a quasi 350 alveari tra il 7 e 15 luglio 2011.
Il procedimento consiste nell’asportazione totale della covata, 5/6 favi per alveare, uova incluse, quindi una specie di messa a sciame della famiglia, alla quale sono stati dati poi un po’ di favi costruiti e un po’ di fogli cerei, e stata stretta con il diaframma, trattata con gocciolato entro i due giorni successivi e poi ha ricevuto il melario.
Con la covata asportata sono stati fatti dei nuclei nei cassettini di polistirolo con cinque favi di covata nuda e uno di covata ben coperta di api, che hanno ricevuto nei giorni successivi una cella reale e un trattamento con gocciolato dopo 14/16 giorni dalla formazione.
In pratica si sono ricreate le condizioni post sciamatura, con la famiglia di base diventata lo sciame ed il cui sviluppo “è parso assimilabile alla vivace e magnifica forza vitale dello sciame che in pochi giorni ritesse e rifonda la sua casa …”, mentre i nuclei, che si trovavano nella condizione di una famiglia dopo la sciamatura, hanno presentato una buona percentuale di fecondazione delle regine e uno sviluppo (senza alcuna nutrizione) più che sufficiente per l’invernamento.
Sicuramente, il metodo richiede più materiale (e meno mano d’opera, probabilmente) rispetto al blocco ma ha il vantaggio di non interrompere la deposizione delle regine, una cosa da non sottovalutare, per come la vedo io.

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


11/07/2012, 23:56
Profilo

Iscritto il: 26/11/2011, 18:47
Messaggi: 1945
Località: SouthWest Montana
Rispondi citando
Obombo ha scritto:
... trattata con gocciolato entro i due giorni successivi e poi ha ricevuto il melario.
...
Con la covata asportata sono stati fatti dei nuclei nei cassettini di polistirolo con cinque favi di covata nuda e uno di covata ben coperta di api ...


Hey, Romeo,
ho un paio di domande.
Perche' hanno ricevuto il melario? Pieno?
coperta di api della famiglia da cui provengono o da una famiglia diversa?

Grazie per le informazioni.
Maddmax

_________________
Termopili 480 AC
Poitiers AD 732
Vienna AD 1683


12/07/2012, 0:29
Profilo

Iscritto il: 21/12/2011, 11:24
Messaggi: 41
Località: Gorizia
Formazione: Perito agrario
Rispondi citando
Nella mia zona questa pratica è eseguita anche da chi ha 600 alveari e ha finora dato risultati molto buoni, vi è un risparmio di medicinali ma è necessario avere un numero di arnie o portanuclei doppio ed è piuttosto impegnativo.
quest'anno volevo attuarlo pure io, ma non avendo portanuclei pensavo di sistemare le mie famiglie per un mesetto all'interno di un doppio melario (mi è stato assicurato che è un metodo usato con successo anche da altri).
Se però nella stessa batteria (5 casse in fila) io decidessi di eseguirlo solo ad alcune, secondo voi è possibile che ci sia un effetto deriva delle api verso le casse vicine dotate di regina?


12/07/2012, 9:34
Profilo
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3917
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Maddmax1 ha scritto:
Perche' hanno ricevuto il melario? Pieno?
coperta di api della famiglia da cui provengono o da una famiglia diversa?
Il melario ovviamente vuoto e con la speranza che le api raccolgano qualcosa, e alcune lo hanno fatto, ma questo dipende anche dalle fioriture di fine estate-autunno. Per quanto riguarda i nuclei, presumo con api provenienti dalla stessa famiglia, anche per motivi logistici, ma in definitiva cambia poco.
Homomellifica ha scritto:
Se però nella stessa batteria (5 casse in fila) io decidessi di eseguirlo solo ad alcune, secondo voi è possibile che ci sia un effetto deriva delle api verso le casse vicine dotate di regina?
Il metodo, cosi come descritto da Francesco Panella, prevede la messa a sciame della famiglia nella stessa cassa, quindi non ci saranno alveari senza regina ma soltanto nuclei senza regina e per questi bisogna trovare una nuova postazione.

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


12/07/2012, 23:11
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 19/08/2009, 10:40
Messaggi: 585
Località: Torella del Sannio (CB)
Formazione: Scienze e Tecnologie Alimentari
Rispondi citando
Obombo ha scritto:
Con la covata asportata sono stati fatti dei nuclei nei cassettini di polistirolo con cinque favi di covata nuda e uno di covata ben coperta di api, che hanno ricevuto nei giorni successivi una cella reale e un trattamento con gocciolato dopo 14/16 giorni dalla formazione.


Grazie Romeo, molto interessante.
5 favi di covata nel cassettino, ma le api coprono soltanto un favo!
E se le temperature dovessero scendere troppo?!! Non ce la farebbero a tenere caldi tutti i 6 favi!!

Perché aggiungere cella reale? soltanto per guadagnare tempo? In caso di mancanza, facciamo fare tutto a loro?!!!
E perché il trattamento dopo 14/16 giorni? non conviene aspettare che sia sfarfallata tutta la covata? Quindi 24 giorni?


Ringrazio tutti per i chiarimenti
a presto
Michele


16/07/2012, 23:29
Profilo
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3917
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Ciao Michele,
i favi nel polistirolo sono sei, di qui solo uno coperto, ma le api continuano a sfarfallare e in pochi giorni l'arnietta si riempie. Per la temperatura non ci sono problemi di questi tempi, forse una parte della covata soffrirà ma non sono tanto sicuro. L'anno scorso, da un favo con uova e larve piccole, abbandonato per un giorno da solo in un polistirolo le api hanno tirato su celle reali.
Per quanto riguarda le regine, penso sia stata scelta questa soluzione per avere la certezza della qualità di queste. Facendo cosi è ovvio che la prima covata opercolata della nuova regina si sovrapporrà al'ultima della vecchia, quindi il trattamento non avrà un'efficienza di 100%.

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


17/07/2012, 0:31
Profilo
Sez. Tartufi
Sez. Tartufi
Avatar utente

Iscritto il: 16/01/2008, 1:19
Messaggi: 6070
Località: Sesto F.no (FI)
Formazione: Perito agrario e Dott. in Tut. e Gest. delle Ris. Faunistiche
Rispondi citando
E se il procedimento fosse svolto a settembre? Sarebbe ugualmente valido?
E se fosse, sarebbe opportuno anche un trattamento tampone estivo?
Grazie,

_________________
Saluti,
Flavio.


19/07/2012, 8:54
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 19/08/2009, 10:40
Messaggi: 585
Località: Torella del Sannio (CB)
Formazione: Scienze e Tecnologie Alimentari
Rispondi citando
Obombo ha scritto:
Per quanto riguarda le regine, penso sia stata scelta questa soluzione per avere la certezza della qualità di queste. Facendo cosi è ovvio che la prima covata opercolata della nuova regina si sovrapporrà al'ultima della vecchia, quindi il trattamento non avrà un'efficienza di 100%.

Grazie per la risposta, Romeo.
Però, se si decide di far allevare celle reali, anzicché acquistarle, forse passerà abbastanza tempo per ottenere buoni risultati al trattamento!!

Flavio ha scritto:
E se il procedimento fosse svolto a settembre? Sarebbe ugualmente valido?
E se fosse, sarebbe opportuno anche un trattamento tampone estivo?
Grazie,


ciao Flavio, secondo me a settembre dovresti inserire una regina già fecondata (non so se in quel periodo se ne troveranno in giro!), altrimenti rischi di far cominciare l'inverno in compagnia di una regina sterile!! E se aggiungi una regina fecondata non avrai blocco di covata!!

ciao
Michele


19/07/2012, 17:11
Profilo

Iscritto il: 17/04/2010, 20:01
Messaggi: 2236
Formazione: perito industriale
Rispondi citando
Ciao Flavio,
puoi fare nuclei che allevano nuove regine , teoricamente quando vuoi,
il nucleo ha bisogno di 25-30 gg per allevare una regina ,
ci devono essere fuchi in abbondanza,
ci deve essere un buon apporto di nettare e polline nel periodo di allevamento regina,
Il clima nel periodo di accoppiamento non deve essere molto caldo o molto freddo,
il nucleo deve avere un buon numero di api giovani SANE durante la ripresa della deposizione,
le api devono poter bottinare secondo il fabbisogno crescente della popolazione, flora in
abbondanza e tempo buono per circa 2 mesi dalla deposizione.
In alcune regioni questo è possibile in altre non lo sò.
Ninno


19/07/2012, 22:40
Profilo
Sez. Tartufi
Sez. Tartufi
Avatar utente

Iscritto il: 16/01/2008, 1:19
Messaggi: 6070
Località: Sesto F.no (FI)
Formazione: Perito agrario e Dott. in Tut. e Gest. delle Ris. Faunistiche
Rispondi citando
Ciao, grazie per le risposte.
Nella mia zona fare nuovi nuclei a settembre sembra sia possibile, ho sentito diversi che lo fanno...

_________________
Saluti,
Flavio.


23/07/2012, 23:06
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy