Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 20/10/2018, 1:12




Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Qualifica di cd. 
Autore Messaggio

Iscritto il: 16/08/2018, 7:33
Messaggi: 7
Rispondi citando
Salve a tutti.
Mi chiamo Andrea e scrivo dal basso Lazio.
Ho una domanda che a quanto pare -magari per colpa mia- non trova risposta nelle altre discussioni.
A fini della prelazione agricola,la qualifica di cd è definita dal n. 590 del 1965 o dal art 2083 cc?
Perché da quello che pare di aver capito,sembra che in italia tutti i confinanti di terreni agricoli siano coltivatori diretti.
Grazie in anticipo.


16/08/2018, 7:44
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 12/02/2013, 19:05
Messaggi: 2632
Località: Friuli V.G.
Formazione: Diploma tecnico
Rispondi citando
http://www.consorzioverdecampania.coldi ... ype=Detail" target="_blank

Guarda un pò questo link

_________________
Carissimi saluti Giuseppe

E' stata creata dopo la donna...... per evitare interferenze durante la creazione dell'uomo. (N.M.)


16/08/2018, 15:49
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 12/02/2013, 19:05
Messaggi: 2632
Località: Friuli V.G.
Formazione: Diploma tecnico
Rispondi citando
http://www.tcnotiziario.it/Articolo/Ind ... tZdzBhNi8=

_________________
Carissimi saluti Giuseppe

E' stata creata dopo la donna...... per evitare interferenze durante la creazione dell'uomo. (N.M.)


16/08/2018, 15:50
Profilo

Iscritto il: 16/08/2018, 7:33
Messaggi: 7
Rispondi citando
Grazie per la risposta.MA dall'alto della mia ignoranza sono più confuso di prima.
A questo punto,mi chiedo,si può essere cd se non hai famiglia e sei vedevo.
Perché la frase che trovo ricorrente è..."Purché la forza lavoro del coltivatore diretto e della sua famiglia costituisca almeno un terzo di quella occorrente per le normali necessità di coltivazione del fondo” (Cass. n. 5673/2003)".


16/08/2018, 17:44
Profilo

Iscritto il: 24/03/2017, 23:24
Messaggi: 64
Località: Provincia di Bari
Formazione: AGROTECNICO
Rispondi citando
si, perchè la forza "familiare" potrebbe anche essere la tua stessa forza.


16/08/2018, 17:54
Profilo

Iscritto il: 16/08/2018, 7:33
Messaggi: 7
Rispondi citando
Quindi,da quello che ho capito,la prelazione esiste quasi sempre,basta essere confinanti.Bel casino.


16/08/2018, 18:07
Profilo

Iscritto il: 04/03/2015, 13:56
Messaggi: 823
Località: Palmi (RC)
Formazione: Geometra
Rispondi citando
Come già detto, per esercitare il diritto di prelazione non basta essere confinanti ma è necessario il possesso di determinati e prestabiliti "requisiti".
Non è altrettanto scontato che il confinante sia C.D. in quanto per essere qualificato tale si devono possedere altrettanti precisi e specifici requisiti.
Quindi il dare per scontato non ha alcuna validità, ogni caso va visto nello specifico: può anche darsi, per assurdo, che "quasi tutti" abbiano il diritto di prelazione sul terreno confinante ma quell'uno che non lo ha sia proprio quello che riguarda il caso in oggetto.
Quello che bisogna fare è accertarsi e verificare, con il supporto di norme e giurisprudenza, il caso e gli interessati nello specifico.

Saluti, Gianni


20/08/2018, 8:25
Profilo

Iscritto il: 16/08/2018, 7:33
Messaggi: 7
Rispondi citando
Ringrazio tutti per aver partecipato e aggiungo un altro quesito.Nel caso in cui non ci sia piano regolatarore e dal cerificato urbanisitico il terreno non sia dichiarato spiecificatamente agricolo,me bensi !zona bianca! con indice di edificabilità,il diritto di prelazione può essere ancora esercitato?


01/09/2018, 23:58
Profilo

Iscritto il: 16/08/2018, 7:33
Messaggi: 7
Rispondi citando
Faccio un up della discussione,sperando che qualcuno possa ripondere.
Grazie


18/09/2018, 20:08
Profilo

Iscritto il: 04/03/2015, 13:56
Messaggi: 823
Località: Palmi (RC)
Formazione: Geometra
Rispondi citando
Buongiorno,
l'istituto della prelazione vige solo in caso di terreni con "destinazione agricola".
E' esclusa l'applicabilità nel caso in cui i terreni, in base a piani regolatori anche non ancora approvati, siano destinati ad utilizzazione edilizia, industriale o turistica (Cass. 13-05-2003 n. 7287 e Cass. Civ. 3717/2015).
Lo stesso vale per qualsiasi tipo di strumento urbanistico adottato che è in grado di imprimere a determinate aree una disciplina diversa da quella agricola.
Per le zone bianche i vincoli e limiti hanno carattere provvisorio e decadono alla mancata attuazione del provvedimento in un determinato lasso di tempo (es. vincolo decaduto per mancata attuazione del P.R.G. nel quinquennio).

Saluti, Gianni


20/09/2018, 11:50
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy