Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 23/06/2021, 19:50




Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Candito a caldo 
Autore Messaggio

Iscritto il: 23/03/2019, 10:52
Messaggi: 141
Località: Sardegna
Rispondi citando
Ho provato a fare del candito a caldo, più per curiosità che per altro. Ho usato una ricetta trovata sul forum:
10 parti di zucchero per 3 parti di acqua, senza miele.
Ho aggiunto anche del succo di limone e probabilmente sta qui la stupidaggine fatta.
L'ho messo a riposare sui nutritori, non è solido ma è come uno sciroppo molto ma molto denso dopo 24 ore, come una glassa. Che ne faccio?


29/01/2021, 13:08
Profilo
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3898
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Ciao Andrea, forse c'era qualcosa che non andava in quella ricetta, perché le proporzioni sono sbagliate, se si usa l'acqua. Sono giuste, invece, se si mischia zucchero a velo e miele, cioè il classico candito a freddo. Ovviamente, devi tener conto anche di altri eventuali liquidi aggiunti.
Per quanto riguarda il succo di limone, al contrario delle nostre convinzioni fino a pochi anni fa, il suo utilizzo nella nutrizione non porta benefici alle api, anzi.

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


30/01/2021, 19:01
Profilo

Iscritto il: 23/03/2019, 10:52
Messaggi: 141
Località: Sardegna
Rispondi citando
Quindi non serve a scomporre lo zucchero? Mi è stato consigliato anche aceto di vino, non mi sono fidato di questa cosa però, non l'ho letto da nessuna parte.
Quindi praticamente è diventato uno sciroppo 3:1, che ne faccio? Lo do lo stesso alle api? Ha messo 22 gradi per la settimana prossima


30/01/2021, 21:32
Profilo
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3898
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Il succo di limone serve per l'inversione del saccarosio, come anche l'aceto o un altro acido ma c'è una ricerca abbastanza recente che dimostra come le api nutrite con siroppo invertito con succo di limone vivono meno rispetto a quelle nutrite con sciroppo fatto con solo acqua e zucchero. Non so se vale anche per altri accidi ma immagino di sì e non so se la ricerca sia stata confermata da ulteriori studi ma nel dubbio eviterei di usarlo. Tra l'altro c'è anche un vecchio studio che forse ho condiviso sul forum qualche anno fa, secondo il quale le api nutrite con sciroppo di acqua e zucchero vivono di più rispetto a quelle nutrite con miele.
Il tuo sciroppo denso puoi darlo tranquillamente alle api, però potrebbe cristallizzare.

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


31/01/2021, 0:28
Profilo

Iscritto il: 23/03/2019, 10:52
Messaggi: 141
Località: Sardegna
Rispondi citando
Ok, non lo avevo letto, allora d'ora in poi farò sciroppo con semplice zucchero e acqua, mi viene pure meglio, sarà un processo più veloce per i nuclei.
Martedì, appena torna il bel tempo, li darò questo sciroppo che ho fatto


31/01/2021, 9:22
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 21/04/2018, 14:53
Messaggi: 43
Rispondi citando
Obombo ha scritto:
Il succo di limone serve per l'inversione del saccarosio, ............................................................................................ dimostra come le api nutrite con siroppo invertito con succo di limone vivono meno rispetto a quelle nutrite con sciroppo fatto con solo acqua e zucchero. ..........................................................................................................................


La discussione sul tema è interessante ma sottace la questione più importante almeno secondo il mio punto di vista. Cioè che ormai è pressochè assodato che la pratica di alimentazione delle famiglie è normale e quasi irrinunciabile. Secondo me invece deve essere solo di soccorso e praticata con notevole parsimonia. Quindi occorre rinunciare a una parte del raccolto di miele per lasciare le colonie "sempre" con sufficienti scorte almeno per le situazioni di normalità.


31/01/2021, 21:28
Profilo

Iscritto il: 23/03/2019, 10:52
Messaggi: 141
Località: Sardegna
Rispondi citando
Io sono dell'idea che le api non vadano nutrite in primavera ma invernate bene, e poi fanno da sole. Perché i danni alle api li fa l'uomo, bisogna lasciarle fare, loro sanno meglio di noi come comportarsi in determinate situazioni.
Detto questo, ho voluto provare a fare questo candito più per curiosità personale che per necessità.
Siccome ora mi ritrovo dai 3 ai 6 telai di covata, e non vorrei che un improvviso ritorno di freddo e cattivo tempo lasci le api senza scorte, volevo imparare a farlo per evitare spiacevoli situazioni


01/02/2021, 11:27
Profilo
Sez. Api
Sez. Api
Avatar utente

Iscritto il: 07/04/2010, 20:30
Messaggi: 3898
Località: Cisterna di Latina
Rispondi citando
Quando ti ritrovi ad aprile a dover nutrire invece di mettere i melari, c'è poco da discutere e questo è uno scenario che si ripete sempre più spesso, tanto da diventare quasi la normalità, poi, è anche vero che ultimamente la nutrizione a casaccio è diventata una moda. Mettere il candito d'inverno, a prescindere, è pratica comune: "tanto, male non fa".

_________________
http://www.agraria.org/apicoltura.htm - Atlante di Apicoltura

Il Grande Fratello non ci osserva. Il Grande Fratello canta e balla. Tira fuori conigli dal cappello... (Chuck Palahniuk)


02/02/2021, 0:42
Profilo

Iscritto il: 23/03/2019, 10:52
Messaggi: 141
Località: Sardegna
Rispondi citando
Eh qui credo che i melari dovranno essere messi a momenti, i mandorli stanno fiorendo e qui ha messo più dibuna settimana di sole, rischiano di intasare il nido di scorte


02/02/2021, 8:30
Profilo

Iscritto il: 11/01/2021, 11:47
Messaggi: 38
Località: Brescia
Rispondi citando
Bhè, "un candito in più, tanto male non fa" è un opinione condivisibile, meglio spender qualche euro e salvare le famiglie..

tuttavia sarebbe utile arrivare a capire come e quando nutrire.. e perchè.. ;)

metter canditi o sciroppo "a prescindere" quello magari no.. :) ovviamente da qualche parte bisogna iniziare e ci si affida a chi, presumibilmente, ne sa di più..

odiernamente la nutrizione si effettua su famiglie con scarsità di scorte, purtroppo episodi d "emergenza" son all ordine giorno oramai, non è solo colpa degli apicoltori.. è tutto il sistema che gira male..

le ricette vanno e vengono, come si può notare, così come per altre teorie "nutrizioniste", ma la base resta la medesima.. se non nutri le api all occorrenza, esse muoiono la maggior parte delle volte.. ;)


03/02/2021, 12:56
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 12 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy