Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 17/04/2021, 16:54




Rispondi all’argomento  [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
SEMI DI LINO 
Autore Messaggio

Iscritto il: 18/02/2015, 0:06
Messaggi: 7
Rispondi citando
Buonasera a tutti,

ho letto su di un opuscolo di un importante venditore di mangimi e granaglie per polli, che i semi di lino contengono in gran quantita' omega 3.

Dando loro dei semi di lino interi , puo' fare bene ai nostri amici?
Oltre ad eventualmente rendere piu' pregiate uova e carni, i polli ne avrebbero beneficio?
domani vedro' se apprezzano, come fanno con il riso....

Si tratta di piccole quantita' di riso che do loro fuori dal pollaio o dentro, alcuni polli me lo prendono anche dalla mano, così "socializzo".... vorrei integrare con i semi di lino se nessuno me lo sconsiglia.

Oltre ad un importante e preziosissimo pascolo nel prato e sotto alberi, per alcuni polli tutti i giorni per altri ogni due o tre giorni (per non fare che i galli combatttano, o che le galline vengano fecondate dal gallo sbagliato....) il pasto che do è composto da:

40per cento di mangime di qualita' per ovaiole oppure II periodo sempre di qualita'
30 per cento di granaglie miste
30 per cento di frumento intero.

per una alimentazione, un pochino piu' "sana e naturale", avrei intenzione di passare a mangime no ogm.

Grazie mille e buoni polli a tutti

Fabio


18/02/2015, 1:00
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 26/12/2013, 18:54
Messaggi: 775
Località: Bergamo
Formazione: Universitaria
Rispondi citando
Biofa68 ha scritto:
40per cento di mangime di qualita' per ovaiole oppure II periodo sempre di qualita'
30 per cento di granaglie miste
30 per cento di frumento intero.


Il mangime per ovaiole conterrà almeno il 10% di frumento o derivati, il misto granaglie conterrà almeno il 20% di frumento infine tu pure ci metti un'altro 30% Tot = 60% di frumento se non di più.

Mi sembrerebbe già tanto anche la metà (30% ) .

Se vuoi "diluire"così tanto il mangime parti almeno da un nucleo che andrai a mischiare con il misto granaglie. Se proprio vuoi aggiungerci altro come detto sopra i semi di lino vanno bene (< 10% ) , ma non aggiungere altro frumento .

_________________
UNA GALLINA SANA DEPONE QUASI TUTTI I GIORNI; SE NON DEPONE: O NON È SANA ,O NON È ALIMENTATA IN MODO CORRETTO.... oppure è un gallo
PROVA A LEGGERE QUESTO SE CI RIESCI


18/02/2015, 11:41
Profilo

Iscritto il: 18/02/2015, 0:06
Messaggi: 7
Rispondi citando
Ciao Angeluzzo,
grazie per la sollecita risposta.

ti ringrazio, mi sono convinto che il frumento è troppo, non penso faccia male (o si?) ma sicuramente non serve per "diversificare", anzi....

ho letto stasera il post di kembol sui fattori antinutrizionali.... i semi di lino interi potrebbero averli?

Cmq, oltre al pascolo, al momento nel pollaio ho deciso per :

45% di mangime di qualita' per ovaiole o II periodo
30 % granaglie miste
10 % frumento intero
10 % granoturco spezzato integrale
5 % semi di lino interi

il nucleo non mi attira....

Mi sembra di aver aggiustato un po' il tiro anche se probabilmente mi tirerai ancora le orecchie.

Buona serata


22/02/2015, 0:14
Profilo

Iscritto il: 11/03/2015, 19:52
Messaggi: 259
Località: Isola del Liri (FR)
Rispondi citando
Riprendo questa vecchia discussione per vedere se qualcuno ha qualcosa da aggiungere.

Anche io vorrei aggiungere semi di lino al mangime biologico di ottima qualità che fornisco alle ovaiole: infatti i semi di lino contengono molti omega 3, e la principale differenza tra le uova di animali allevati all'aperto liberi di beccare in ampi spazi e quelli allevati in gabbia come sono costretto a fare anche io (anche se alimentati con cose di ottima qualità), consiste appunto nella minor quantità di omega 3 contenuti nelle uova degli animali allevati in gabbia.

So benissimo che oggi mangiamo troppo pochi omega 3 e troppi omega 6 (gli animali di allevamento sono sbilanciati a favore degli omega 6 e così la maggior parte degli olii vegetali che usiamo), ma questo non va assolutamente bene per la salute, ed ecco perché si consiglia di mangiare almeno 3 volte a settimana pesce (ma quello ricco di omega 3 come alici, ecc.). Pertanto ho deciso di integrare il mangime con questi semi di lino: il veterinario del mangimificio dove mi rifornisco mi ha detto che posso aggiungere il 5% di semi di lino al mangime suddetto biologico che uso, poi se non ci sono problemi (ma non dovrei averne) posso arrivare anche al 10% (ed io ho intenzione di arrivare al 10%, anche perché il seme di lino è un seme dalle tante proprietà: inoltre se ne metto di meno alla fine i semi di lino mi si fanno vecchi, visto che sono costretto ad acquistarne 25 kili minimo); però il veterinario mi ha raccomandato di far cuocere i semi di lino prima di somministrarli, in quanto crudi contengono sostanze tossiche che la cottura elimina.

Però per me stare a cuocere in continuazione i semi di lino è troppo scomodo, allora ho visto in rete che vanno bene anche i semi di lino estrusi, in quanto l'estrusione non danneggia gli omega 3, però elimina le sostanze tossiche. L'unico problema è che in rete ho trovato molti studi seri sul fatto che integrando coi semi di lino i mangimi per mucche e pecore, il latte ed i formaggi sono migliori, con più omega 3, ecc: invece per quanto riguarda le ovaiole, oltre ad affermazioni generiche, non trovo studi seri come quelli per le mucche; comunque da quel che leggo l'effetto omega 3 dovrei averlo anche con le uova (che tra l'altro piacciono ai miei bambini, a differenze del pesce...).

Cosa dite di tutto ciò??


24/07/2015, 14:21
Profilo

Iscritto il: 11/03/2015, 19:52
Messaggi: 259
Località: Isola del Liri (FR)
Rispondi citando
Ho trovato (vedi link qui sotto) uno studio interessante sugli effetti (molto positivi) derivanti dalla somministrazione di semi di lino estrusi ai polli da carne (ed agli ovini, ma a noi qui non interessa): purtroppo non trovo studi sugli effetti dei semi di lino estrusi sulle uova, ma credo che migliori di molto anche le uova (io allevo quaglie ovaiole, che fanno già uova di ottima qualità: i semi di lino estrusi vorrei darli a loro, nella percentuale massima del 10%).

https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q= ... nw&cad=rja

Ringrazio in anticipo chi vorrà intervenire e ringrazio in particolar modo chi dirà proprie esperienze o citerà studi o altro a proposito della somministrazione di semi di lino estrusi (o non estrusi) alle galline o alle quaglie ovaiole.


20/11/2015, 17:51
Profilo

Iscritto il: 11/03/2015, 19:52
Messaggi: 259
Località: Isola del Liri (FR)
Rispondi citando
Uno studio che ho trovato ha confrontato la composizione di acidi grassi di vari tipi di uova.
Le uova arricchite di Omega 3 come i semi di lino avevano il 39% in meno di acido arachidonico, un Omega 6 antiinfiammatorio di cui le persone spesso abusano.
Le uova arricchite di Omega 3 avevano 5 volte più Omega 3 delle uova normali (ricordo che la nostra alimentazione è molto carente di omega 3 e questo crea problemi alla salute col tempo: la storia che gli omega 3 stanno nel pesce è vera, ma se il pesce non è di allevamento, senza contare che se le galline sono ben alimentate anche le uova contengono omega 3).

Purtroppo lo studio è in inglese, qui sopra ho messo una breve sintesi:
http://www.sciencedirect.com/science/ar ... 4609003513" target="_blank

Per chi alleva le galline all'aperto con ampi spazi a disposizione e molta vegetazione (mi fanno ridere quelli che dicono che allevano le galline all'aperto quando le stesse hanno a dispozione all'aperto solo terra "desertica" e cemento...), non c'è molto il problema di integrare con semi di lino, ma per chi alleva in gabbia (come io che allevo in gabbia le quaglie ovaiole per autoconsumo), se si vuole mangiare uova veramente di qualità, diventa importante integrare mangimi e granaglie con lino o altro, altrimenti (soprattutto se forniamo anche un'alimentazione limitata e mangimi scadenti) è preferibile acquistare le uova al supermercato.

Un ultima cosa, gli antiossidanti. Le uova di galline allevate all'aperto contengono più antiossidanti di quelle in gabbia: lessi,mi pare, che dando semi di lino aumentava la quantità di antiossidanti nelle uova, ma non ricordo bene.
Ora cerco di trovare qualcosa anche su questo tema, se sapete qualcosa, aiutatemi. Io tra l'altro ho anche i figli che non amano il pesce, ma amano le uova, quindi per dare loro gli omega 3 (importanti per il cervello, anche) vorrei appunto arricchire le uova.


20/11/2015, 21:20
Profilo

Iscritto il: 11/03/2015, 19:52
Messaggi: 259
Località: Isola del Liri (FR)
Rispondi citando
Veramente ci sarebbero anche i semi di canapa per gli omega 3, ma non trovo molte informazioni (inoltre la canapa va data così come è o macinata?? Credo macinata... Inoltre non è facile reperirla): http://www.canapaindustriale.it/2013/10 ... i-omega-3/


20/11/2015, 21:47
Profilo

Iscritto il: 11/03/2015, 19:52
Messaggi: 259
Località: Isola del Liri (FR)
Rispondi citando
La canapa sembra proprio un seme ottimo da dare, simile al lino, non solo per gli omega 3: http://luovoelacanapa.com/uova/

Però non so dove trovarla e poi non so se è sufficiente darla macinata alle mie quaglie (il lino per esempio va dato estruso, come detto).


20/11/2015, 22:00
Profilo
Sez. Fasianidi
Sez. Fasianidi
Avatar utente

Iscritto il: 11/07/2013, 19:53
Messaggi: 2070
Località: Perugia
Formazione: Appassionato Allevatore
Rispondi citando
Per le quaglie cosi come per galline si puo dare intero senza problemi. Devi stare attento solo di non sbilanciare molto il mangime base.

_________________
http://www.forumdiagraria.org/announces/un-piccolo-aiuto-per-la-rivista-terramica-t115552.html


20/11/2015, 23:30
Profilo YIM WWW

Iscritto il: 11/03/2015, 19:52
Messaggi: 259
Località: Isola del Liri (FR)
Rispondi citando
"Il rapporto omega-6/omega-3 delle uova di galline ruspanti è di 1,5:1, mentre quello delle galline stabulate è di 20:1 (1). In alcuni studi (1), si è visto che la concentrazione di omega-3 delle uova di gallina ruspante può aumentare anche del 400 %. Il libero accesso a erbe, germogli e insetti fa la differenza. Particolarmente ricca di acido alfa-linolenico è la portulaca, un’erba selvatica comune e apparentemente insignificante. Si calcola che per avere un uovo dalle qualità superiori, le galline dovrebbero consumare questi alimenti per almeno il 30% del loro bisogno nutrizionale. Le galline di allevamenti intensivi invece sono nutrite esclusivamente con mangimi a base di cereali e legumi e le loro uova hanno un pericoloso eccesso di omega-6."


22/11/2015, 22:50
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 13 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy