Oggi è 17/09/2014, 9:30




Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 
macerato di ortiche come insetticida 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 12/03/2009, 11:03
Messaggi: 530
Località: Pozzuoli (na)
Formazione: pedagogista
Messaggio macerato di ortiche come insetticida
oggi studiando un pò su internet ho letto che la preparazione dello spinosad utilizzato per contrastare la tignola del pomodoro, è stata casuale. infatti in una distilleria si è scoperto un batterio che poi fermentando da origine al principio attivo alla base di spinosad.

e se usassi il macerato di ortiche contro la tuta absoluta?


aspetto opinioni


grazie

marilena


07/06/2010, 20:41
Profilo E-mail
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 36429
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Messaggio Re: macerato di ortiche come insetticida
Qui si parla del macerato di ortiche per la lotta agli afidi:
orticoltura-f42/macerato-di-ortiche-per-afidi-t3051.html
Ciao,
Marco

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


07/06/2010, 21:19
Profilo E-mail WWW
Avatar utente

Iscritto il: 12/03/2009, 11:03
Messaggi: 530
Località: Pozzuoli (na)
Formazione: pedagogista
Messaggio Re: macerato di ortiche come insetticida
diciamo che mi riferirei particolarmente alla tignola del pomodoro. era interessante sapere se qualcuno ha sperimentato...


07/06/2010, 22:29
Profilo E-mail
Sez. Orticoltura
Sez. Orticoltura
Avatar utente

Iscritto il: 09/08/2008, 9:24
Messaggi: 9571
Località: San Giorgio a Cremano, il paese di Massimo Troisi
Messaggio Re: macerato di ortiche come insetticida
Sul pomodoro, Tuta absoluta infesta germogli, foglie, fiori e frutti con perdite di produzione che possono raggiungere anche il 100% se non controllata in tempo.
La femmina di Tuta absoluta depone circa 250 uova, prevalentemente sulla pagina superiore delle foglie apicali, che impiegano da 4 a 5 giorni per schiudere.
Le larvette iniziano subito l’attività trofica introducendosi nel mesofillo fogliare senza intaccare le due epidermidi e producendo delle mine a chiazze irregolari.
Gli stadi successivi delle larve sono in grado di penetrare nel fusto a livello dell’ascella delle foglie e nei frutti immaturi dalla zona dei sepali. Se l’attacco è forte si arriva al totale disseccamento della pianta.

Le larvette iniziano l’attività trofica introducendosi nel mesofillo fogliare
senza intaccare le due epidermidi
e producendo delle mine a chiazze irregolari

La lotta contro questo insetto si presenta piuttosto difficoltosa ed impegnativa a causa del suo elevato potenziale riproduttivo, per la sua capacità di adattamento ai nostri climi e per la sua notevole attitudine a sviluppare resistenza agli insetticidi per cui il criterio più valido è quello di attuare una strategia di difesa integrata che preveda l’impiego di trappole feromoniche per il monitoraggio e/o la cattura massale dei maschi, la protezione delle serre con reti anti insetto, la distruzione dei residui colturali infestati, la selezione di varietà con maggiore tolleranza e l’utilizzo di antagonisti naturali come il Nesidiocoris tenuis e il Macrolophus caliginosus, miridi predatori di uova di Tuta absoluta.

Riguardo gli agrofarmaci, i formulati a base di Bacillus thuringiensis ed azadiractina, anche se di efficacia non eccezionale, sono importanti nei periodi di minore pericolosità dell’insetto essendo selettivi nei confronti dei predatori naturali e dei bombi.
Nel periodo di massima pressione dell’insetto vengono impiegati invece prodotti a base di spinosad, indoxacarb e metaflumizone che, alternati, riescono a fronteggiare la Tuta in modo sufficiente soprattutto se vengono miscelati con oli vegetali in grado di migliorare la performance dell’agrofarmaco.

Anche l’oxamil, prodotto con effetto nematostatico, dato nelle prime fasi di vita del pomodoro, sembra riesca a contenere abbastanza bene l’insetto.

Siamo, inoltre, in attesa della registrazione sulle solanacee, di due nuovi principi attivi, l’emamectina benzoato e il chlorantraniliprole che sfruttando meccanismi d’azione innovativi potranno aiutarci nel contenimento della Tuta absoluta.

A cura di Antonio Altieri - socio di Antesia

_________________
Il bambino che nn gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé(P.Neruda)
Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile(W.Allen)


08/06/2010, 0:23
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento  [ 4 messaggi ] 



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Forum style by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO