Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 27/05/2018, 15:30




Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
Ibridi più resistenti delle razze pure? 
Autore Messaggio
Rispondi citando
E' vero il vecchio detto che gli ibridi sono più resistenti delle razze pure?

Una gallina tipo ISA o anche un incrocio tra 2 polli di razza sono più resistenti e "migliori" dei miei Spagnola faccia bianca (per esempio)?

Grazie a tutti quelli che risponderanno :)


22/01/2012, 13:09
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 53125
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
Cosa intendi per "più resistenti"?
Sicuramente sono estremamenti produttivi, in quanto selezionati appunto per valorizzare al massimo la trasformazione di mangimi in uova e carne. Però hanno tutti lo stesso patrimonio genetico ...
Marco

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


22/01/2012, 17:02
Profilo WWW
Rispondi citando
Ciao Marco, intendo resistenza di tipo fisico allo stress, ai cambiamenti, alle malattie, ad un alimentazione inadeguata ecc...


22/01/2012, 19:39
Sez. Polli
Sez. Polli
Avatar utente

Iscritto il: 05/05/2008, 12:36
Messaggi: 3626
Rispondi citando
L'incrocio porta ad un effetto non sempre manifesto detto lussureggiamento dei caratteri . Questo è evidente in modo molto accentuato nel così detto F1 che si presenta uniforme e generalmente resistente e produttivo.
Naturalmente per creare questo effetto è condizione determinante possedere sempre linee pure per poter ogni volta replicare questo effetto.
Le linee pure sono poi nella pratica le razze pure mantenute in consanguineità .

Quindi l'effetto resistenza si spegne nell'F1 e va ogni volta ricercato con i giusti accoppiamenti tra linee pure.
Da ciò deriva che non è affatto detto che cambiando ogni anno il gallo si crea una popolazione migliore o più resistente .
Anzi si rischia:
1) Introdurre un patogeno nuovo tramite il riproduttore che può essere un portatore sano.
2) Regredire nell'uniformità dei caratteri se lavoro su una razza
3)Creare un disordine genetico nella mia popolazione se abbino il gallo sbagliato ai miei riproduttori.


In pratica questo terzo effetto si vede raramente poichè nella generalità dei casi i polli reperibili sul mercato come ibridi sono comunque molto uniformi nei progenitori e abbastanza stabili.

Per avere un idea di questo disordine genetico è sufficiente accoppiare uno dei nostri ibridi rurali con uno dei polletti nani ibridi che si trovano in campagna.

Di colpo si otterranno svariate taglie, ciuffi, creste di diversa forma , tarsi più o meno calzati ecc ecc


In pratica viene liberata la variabilità morfologica che esplode in mille forme e colori , latenti nei nostri animali.

_________________
Dobbiamo avere più coraggio di guardare la realtà, così ci farà meno paura. Alessio Z.

Immagine


27/01/2012, 11:46
Profilo
Rispondi citando
Ti sei spiegato alla prefezione. Grazie.


27/01/2012, 15:44

Iscritto il: 02/05/2012, 16:19
Messaggi: 5
Rispondi citando
salve, mi sono appena iscritto a questo interessante forum e avrei una domanda su questo argomento, per cui ho trovato molto esauriente la risposta del moderatore.
Ho iniziato da poco con l'allevamento "amatoriale / familiare" di polli da carne e sto per prendere alcune galline ovaiole.
Il concetto è semplicemente questo: ha senso acquistare polli e galline di razza selezionata (ai prezzi che ho sentito in giro) per poi mangiarseli dopo qualche mese? I polletti Kabir e le ovaiole ISA sono certamente in prima generazione più convenienti all'acquisto e più produttivi in carne e uova.

Il problema si pone se poi, come vorrei fare io, decido di tenere un gallo (Kabir) e alcune galline (di razza da definire), incubare le mie uova e provare a produrre i miei polli da solo.

come ha chiaramente esposto il moderatore in tal caso si avrebbe l'esplosione nelle forme più disparate di tutti i caratteri insiti negli ibridi.

Non credo però che sia impossibile la selezione "inversa" (tanto il 90% dei prodotti finiscono comunque arrosto) in modo da ottenere in qualche generazione dei caratteri un pò più stabili e riproducibili, cosa secondo me più che accettabile per il fine che si pone un allevamento familiare da uova e carne.

Chiaramente se si vogliono spendere 40 o 50 Euro per un esemplare di razza si avrà la soddisfazione di allevare in purezza e ammirare la bellezza dei nostri prodotti, ma non è il mio caso.

Quindi la domanda è questa: si riescono a conoscere anche con una certa approssimazione le linee F1 degli incroci commerciali (ad esempio Kabir) e nel caso quale ritenete sia la femmina più adatta per questo gallo? Dalle forme mi sembra che del sangue Amrock o Plymouth Rock dovrebbe esserci.
Un aspetto da non sottovalutare è che in qualunque rivenditore o mercato trovo gli ibridi commerciali e anche le livornesi bianche e nere a buon prezzo, mentre per trovare galline Amrock, Sussex e altre pure si deve cercare un pò più in giro e spendere molto di più.
Spero che qualcuno sappia darmi qualche buon consiglio su quale gallina abbinare a un gallo Kabir.
Forse ho detto delle eresie per i puristi della selezione in purezza, ma voglio concludere ribadendo che il mio obiettivo è quello di avere polli da mangiare e galline che facciano un pò di uova sufficienti alla mia famiglia (tutti allevati all'aperto con mangime biologico autoprodotto)
grazie


03/05/2012, 11:02
Profilo
Sez. Polli
Sez. Polli
Avatar utente

Iscritto il: 05/05/2008, 12:36
Messaggi: 3626
Rispondi citando
Il comportamento che devi seguire è semplice . Scegli galli e galline della forma e della taglia che desideri indipendentemente dalla sigla ibrida o dalla razza .
Accoppia il gallo e le galline prescelte dal tuo gusto. Ogni anno con analogo metodo scegli gallo e galline più belle che hai prodotto e prosegui ogni anno in analogo modo. Ogni due o tre anni procurati un nuovo gallo ibrido per evitare l'eccessiva consanguineità.
In questo modo otterrai i risultati da te attesi di produrre buon pollame da mangiare.
Il pollame ibrido non è di per se adatto a produrre eccellenze qualitative ne se ne raccomanda l'uso quali riproduttori se però lo ritieni valido per i tuoi scopi non vi sono problemi . In ambito rurale non apprezzerai alcuna variazione tangibile nei ritmi di crescita, nei consumi di mangime o nella qualità delle carni . Effettua il normale ciclo e macella animalinon eccessivamente maturi.

_________________
Dobbiamo avere più coraggio di guardare la realtà, così ci farà meno paura. Alessio Z.

Immagine


07/05/2012, 12:53
Profilo

Iscritto il: 02/05/2012, 16:19
Messaggi: 5
Rispondi citando
grazie per la risposta molto chiara e completa.
Se mi ricordo, quando arriveranno i primi prodotti (pulcini da incrocio), metterò qualche foto sul forum.


08/05/2012, 12:27
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 8 messaggi ] 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy