Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 18/08/2017, 16:29




Rispondi all’argomento  [ 8 messaggi ] 
Impianto biomassa 100kw 
Autore Messaggio

Iscritto il: 17/05/2017, 18:26
Messaggi: 3
Rispondi citando
Buonasera, gli impianti di biomasse per la produzione di biogas, alimentati prevalentemente con scarti zootecnici e agricoli, sono davvero così convenienti come viene detto sul web? Inoltre ho un altra serie di quesiti:
-quanta "materia prima" serve giornalmente?
-una volta finiti i contributi cosa si fa?

Sono un neofita di biomasse e mi piacerebbe molto avere approfondimenti in materia, magari anche di gestori/possessori, in modo da valutare una possibile futura idea di business.
Grazie.


06/06/2017, 0:19
Profilo
Sez. Supporto Didattico
Sez. Supporto Didattico
Avatar utente

Iscritto il: 13/03/2008, 19:23
Messaggi: 50681
Località: Pinzolo (TN) - Firenze
Formazione: Laurea in Scienze agrarie
Rispondi citando
Credo che l'importante sia trovare chi ti acquisti l'acqua calda prodotta altrimenti è difficile che si sostenga economicamente.

_________________
Segui Agraria.org anche su Facebook Immagine e Twitter Immagine!

Sei già iscritto all' Associazione di Agraria.org? ;)


06/06/2017, 6:57
Profilo WWW
Avatar utente

Iscritto il: 20/10/2011, 22:00
Messaggi: 147
Località: Bergamo
Formazione: Dott. in Scienze biologiche molecolari e Dott. in Scienze agrarie
Rispondi citando
Ciao Dracci,

leggo con interesse il tuo quesito. Innanzitutto ti dico si, gli impianti di biogas con potenza elettrica di 100 KW sono convenienti. Per far si però che lo siano davvero, deve essere soddisfatto soprattutto un requisito, cioè:

- utilizzo di biomasse a costo "zero", quindi reflui o sottoprodotti, con l'utilizzo al massimo, di poche colture dedicate (es. silomais)(come prevede la legge).

L'acqua calda prodotta col sistema di raffreddamento del cogeneratore servirà in parte per tenere "in caldo" il digestore e il resto può essere utilizzato come teleriscaldamento (tieni conto però che non sarà molta vista la modesta dimensione dell'impianto).

A cose normali un impianto da 100 KW che richiede un investimento iniziale di circa 600.000,00 euro, si ripaga nei primi 8-10 anni. I successivi sono tutti ricavi utili. La durate della tariffa è di 20 anni.

La quantità di biomassa richiesta varia a seconda del tipo di biomassa che si utilizza e delle sue caratteristiche chimico-fisiche. Molta differenza c'è, per esempio tra letame e liquame, addirittura anche a livello di tipologia impiantistica richiesta.

Un saluto Roberto


07/06/2017, 10:18
Profilo

Iscritto il: 17/05/2017, 18:26
Messaggi: 3
Rispondi citando
Grazie per la risposta Roberto, vista la tua preparazione ti faccio subito altre domande.

Prendiamo in considerazione il solito impianto da 100 kw, alimentato: letame, nocciolino di oliva, residui di potatura di olivo e altre piante. Supponiamo che l'input principale sia il letame di pecora (vivo nelle campagne del grossetano, qua ci sono molti allevamenti), più o meno, quanto ne servirebbe per far fronte al fabbisogno giornaliero?

Secondo quesito: per i contributi statali cambia qualcosa se l'impianto è da 100 kw, 150 kw o 200 kw?

Saluti Dario.


07/06/2017, 10:46
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 20/10/2011, 22:00
Messaggi: 147
Località: Bergamo
Formazione: Dott. in Scienze biologiche molecolari e Dott. in Scienze agrarie
Rispondi citando
Ciao Dario,

quando la tipologia di biomassa è così varia, è difficile fare un conteggio a spanne. Dobbiamo metterci a tavolino e fare dei calcoli precisi. Ti posso però fare questo esempio:

- per alimentare un impianto di biogas di 100 KWe, solo con letame bovino, è necessario un quantitativo che si aggira intorno alle 5000 tonnellate all'anno (molto spannometricamente).

Per le potenze da te citate la tariffa è la medesima, ciò che cambia è l'iter burocratico. Infatti gli impianti fino a 100 KW accedono direttamente al registro ai sensi del DM del 23 Giugno 2016 (art. 4 comma 3). Quindi hanno un iter più agevolato.

Un saluto, Roberto


07/06/2017, 11:20
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 20/10/2009, 18:36
Messaggi: 5394
Località: Airuno (Lecco)
Rispondi citando
tenete conto della manutenzione... nessuno ne parla.
molti impianti, più grossi chiaro, alla prima rottura sono dolori. quello che gira, che produce corrente è sempre un motore termico e necessita di costosa manutenzione.

_________________
Immagine @Orto_di_Mauro


09/06/2017, 8:16
Profilo

Iscritto il: 17/05/2017, 18:26
Messaggi: 3
Rispondi citando
Ti ringrazio molto Roberto, sei stato molto preciso ed esaudiente.

A proposito di costi, chiaramente cambierà da impianto a impianto, ma con che cadenza vengono fatte le manutenzioni e a che costo(medio) soprattutto?
Per quanto riguarda i costi di esercizio, a quanto ammontano complessivamente all'incirca. Inoltre sarebbe utile conoscere anche le principali componenti dei costi di esercizio. L'impianto si può gestire da soli oppure è necessario assumere un addetto che se ne occupi a tempo pieno?

Saluti Dario.


09/06/2017, 9:58
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 20/10/2011, 22:00
Messaggi: 147
Località: Bergamo
Formazione: Dott. in Scienze biologiche molecolari e Dott. in Scienze agrarie
Rispondi citando
Nella maggior parte dei casi la manutenzione ordinaria viene prevista all'interno di un contratto stipulato con il costruttore, nel quale è contenmplata anche quella del cogeneratore. I costi sono molto variabili però puoi pensare che su un impianto da 100 kg, l'utile netto annuo è di circa 40-50.000,00 euro ( sempre a patto che si utilizzi biomassa a costo zero con qualche coltura). Il resto dei ricavi sono costi di gestione, manutenzione e il mutuo.

Un impianto così piccolo lo mandi avanti benissimo da solo.


09/06/2017, 10:42
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 8 messaggi ] 



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy