Oggi è 02/10/2014, 2:19




Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
inizio nuovo lavoro come coltivatore diretto o Iap? 
Autore Messaggio
Avatar utente

Iscritto il: 15/04/2013, 9:41
Messaggi: 5
Località: Villanova del Battista
Formazione: Ragioneria
Messaggio inizio nuovo lavoro come coltivatore diretto o Iap?
Salve a tutti, come da titolo ho assolutamente bisogno da qualche persona reale si informazioni precise e quantomeno dirette.
Quest'anno per me sarà decisivo circa rimanere in Italia o meno. Per rimanere qui l'unica speranza che ho è iniziare un'attività di conduzione di terreni di proprietà di famiglia.
Sono circa 5 o 6 giorni che cerco soluzioni su internet.
In poche parole il mio progetto è questo:
dispongo di circa 9.000mq di mio padre adibiti già in parte a uliveto, mi potrebbe girare come comodato di uso gratuito.
da parte di mio zio idem per il contratto con circa 10.000mq e poi mia nonna con circa 15.000mq.
I terreni sono tutti ricoperti da pochi alberi da frutto, un pò di vigneto, e colture stagionali per il fabbisogno di conserve di famiglia. Ma libero ne è davvero tanto.

Avevo pensato di iniziare diverse piantagioni ortofrutticole: quali zucchine, melanzane, peperoni, pomodori, carote forse, patate, e tante altre che già mettiamo per noi.
Una parte del terreno a settembre la vorrei predisporre per elicicoltura in terrari in legno, quindi non a terra per poter preparare il terreno meglio, e lontano da talpe e cinghiali che mi distruggerebbero tutto.
La lombricoltura è una cosa anche molto affascinante.
vorrei predisporre alcuni terrazzamenti nella vallata verso i confini del mio terreno poichè franoso, creando così anche delle "grotte" da adibire a fungaia.
Inoltre lungo le terrazze disseminare piante da frutto, quali pesche, albicocche, pere, mele tra cui la qualità "Annurca" che non so se conoscete ma qui in alcuni paesi è diventata DOP, e altri frutti come fichi, nespole, prugne.
Infine asparagi coltivati, e più in la apicoltura.
Gran parte delle cose fin qui scritte, in passato sono state trattate da mio nonno, soprattutto apicoltura quindi dispongo già di diversa attrezzatura specifica per la lavorazione del prodotto.

Come attività collaterale voglio inserire la fattoria didattica poichè siamo stati sempre presenti in tale tema anche con la Proloco del paese mio visitando aziende agricole nei paraggi, Attività di affittacamere presso casa mia sempre nei paraggi del terreno, affitto "multimediale" on line di terreni per persone lontane per la coltivazione di pezzetti di terreno, e a lungo andare attività ricreative quali biciturismo e agricampeggio (magari sotto gli ulivi).

La nostra abitazione è posta al centro di tutti i terreni sopracitati, sulla punta di questa collinetta semicircolare con il terreno in pendenza lieve tutta intorno. Allego immagine.


Ora... le mie domande sono:
-come posso partire per iniziare a lavorare per bene, senza spendere soldi inutili in tasse e cercando di fare la prova di colture in un anno senza troppi obblighi fiscali?
-Ho letto che il coltivatore diretto deve fare minimo 104gg lavorative, così paga i contributi inps/inail in base alla rendita catastale del terreno, oppure sbaglio qualcosa? se è così come faccio a determinarmi più o meno i contributi?
-non dispongo di alcun soldo, ma solo di tanta tanta tanta voglia di lavorare, oltre alla possibilità di richiedere sicuramente dei finanziamenti o agevolazioni in un futuro prossimo.
-ho tutto il terreno a disposizione e anche per lunghi periodi.
-dove posso reperire sementi, o piantine per iniziare la produzione?
per diventare Iap posso inizialmente essere CD e poi fare il passaggio? ci vogliono corsi? io sono ragioniere cosa posso fare secondo voi?

Grazie a tutti voi che risponderete e quanti hanno letto tutto il post. Vi aspetto.


Allegati:
Commento file: Foto indicativa del terreno a disposizione.
terra2.png
terra2.png [ 195.51 KiB | Osservato 699 volte ]
13/01/2014, 19:17
Profilo E-mail
Avatar utente

Iscritto il: 24/06/2013, 19:13
Messaggi: 82
Località: prov.Venezia
Formazione: Perito agrario, Enotecnico
Messaggio Re: inizio nuovo lavoro come coltivatore diretto o Iap?
Se ho ben capito vorresti fare:

-svariate orticole
-elicicoltura
-lombricoltura
-fungaia
-frutteti vari
-apicoltura
-oliveto
-fattoria didattica
-affittacamere
-affitta terreni
-biciturismo
-agricampeggio
...

Sinceramente, non ti sembrano un pò troppe cose per iniziare? Se poi aggiungi il fatto che non hai un soldo direi che questi sono proprio sogni! magari bastasse la voglia di lavorare!! :( Io ti consiglierei di concentrarti solo su poche cose, anche di nicchia purchè riesci ad individuare un segmento di mercato che nella tua zona possa andare. Per quanto riguarda le giornate minime di lavoro io non mi preoccuperei con tutte le attività che hai elencato :D , in ogni caso ho pubblicato una tabella nella sezione "fisco in agricoltura".
Per quanto riguarda gli adempimenti fiscali ti consiglio di rivolgerti alla sede più vicina di coldiretti o CIA, loro sapranno spiegarti al meglio quello che devi fare per metterti in regola.
Una cosa utile che potresti fare (sei ragioniere no?) è un business plan, anche non troppo dettagliato ma che sicuramente ti può aiutare a capire come e cosa effettivamente ti conviene fare fra tutte queste attività, e magari ti può essere utile nel caso cercassi un finanziamento; in ogni caso secondo me partire senza un capitale e un piano di businness è pura follia, a meno che non fai agricoltura di sussistenza...

Buona fortuna


13/01/2014, 20:43
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 15/04/2013, 9:41
Messaggi: 5
Località: Villanova del Battista
Formazione: Ragioneria
Messaggio Re: inizio nuovo lavoro come coltivatore diretto o Iap?
Grazie Alyon della sincerità!! ahahhah in effetti si è da pazzi, ma io non intendo avviare tutto insieme. questo è il mio progetto. Il BusinessPlan lo sto iniziando in questi giorni e anche grazie a voi volevo qualche info per concentrarmi su qualcosa in particolare. Domani se riesco vado alla coldiretti anche se non ho molta fiducia di loro leggendo sul forum le altre esperienze. Poi vi farò sapere cosa mi dicono..Infine per le attività descritte mi farò aiutare in casa e da amici, prima o poi faremo cooperativa ma per partire adesso come potrei fare? cosa fareste voi?

e poi le mie domande sono anche: posso iniziare a coltivare il terreno in qualche modo e forma senza dover per forza pagare contributi? il fatto che non ho un soldo era riferito più che altro a questo..voglio dire i soldi per iniziare a comprare quanto meno semi e attrezzatura ci sono, ma non per tasse e via dicendo dato che non so come andrà a finire!! insomma non so se sono chiaro...!!


13/01/2014, 21:08
Profilo E-mail
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group.
Forum style by ST Software for PTF.
Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO