Messaggi senza risposta | Argomenti attivi Oggi è 20/01/2018, 5:20




Rispondi all’argomento  [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3
Aiuto Rovi e ceppi...come fare? 
Autore Messaggio

Iscritto il: 02/10/2012, 12:16
Messaggi: 2057
Località: abruzzo
Formazione: Maestro di musica
Rispondi citando
Jo3 ha scritto:
Tutte uguali queste multinazionali! :o :D :D

P.S : mi permetto di farti notare che al massimo sarei dipendente Monsanto (maggiore produttore di Gliphosate, nonchè indagato in America)........ non Bayer...... :)


Ma si, tanto..... se non e' zuppa e' pan bagnato (Tutte uguali! è un complotto mondiale) :lol: :lol: :lol: :lol:

So perfettamente tutto...non credere che la Bayer non conti...in Europa quelli che hanno avuto l incarico di determinare se appunto questi prodotti sono cancerogeni sono appunto 2 ricercatori della Bayer....e questo fa ridere quando qualsiasi persona ancora e convinta che non sia tossica perche loro ritengono di no ...la Bayer non e pan bagnato...ma quella che produce tutto....medicine comprese! Informati e vedrai se e pan bagnato e come.te lo fanno ciucciare...bene...penso che a te piace. Saluti

_________________
La tartuficoltura è ancora un'arte e purtroppo o per fortuna, non è una tecnica!!


12/05/2016, 6:55
Profilo

Iscritto il: 28/07/2010, 18:15
Messaggi: 1529
Località: Pordenone, FVG
Formazione: Geometra
Rispondi citando
Tarty81 sei proprio un esempio di coerenza...
10 giorni fa l'unica soluzione era diserbare...ora vuoi farlo erpicare, ma ha detto che fa fatica ad entrare nel terreno con mezzi
Poi economicamente mi sembra più conveniente diserbare piuttosto che chiamare qualcuno che venga ad erpicare ogni due/tre settimane


12/05/2016, 9:48
Profilo

Iscritto il: 02/10/2012, 12:16
Messaggi: 2057
Località: abruzzo
Formazione: Maestro di musica
Rispondi citando
Simo95 ha scritto:
Tarty81 sei proprio un esempio di coerenza...
10 giorni fa l'unica soluzione era diserbare...ora vuoi farlo erpicare, ma ha detto che fa fatica ad entrare nel terreno con mezzi
Poi economicamente mi sembra più conveniente diserbare piuttosto che chiamare qualcuno che venga ad erpicare ogni due/tre settimane

Ciao ti spiego...la coerenza e il mio forte te come stai messo? Io all inizio ho consigliato il glifosate...perché non poteva andarci con i mezzi...visto che sapendo la tossicità ha scelto la ruspa...un altro consiglio e erpicare più volte...siccome l'ho fatto anche io...e in alcuni casi purtroppo ho dovuto usare diserbanti..in special modo quando faccio le recinzioni...sotto le scarpate dei terreni....li non puoi muovere per evitare smottamenti...in altri casi in comodità ho potuto bonificare con le lavorazioni...l una non esclude l altra...ovviamente se si può per sempre BIO !

_________________
La tartuficoltura è ancora un'arte e purtroppo o per fortuna, non è una tecnica!!


12/05/2016, 19:50
Profilo
Sez. Cani
Sez. Cani
Avatar utente

Iscritto il: 02/12/2010, 23:57
Messaggi: 4596
Località: Sassari
Formazione: Universitaria
Rispondi citando
Basta che la ruspa rivolti tutto, se il lavoro viene fatto all'inizio dell'Estate il rovo col caldo ha serie difficoltà, ma ricresce in Autunno. Bisogna passare la ruspa (che elimina anche i vecchi ceppi), per due o tre anni consecutivi. Poi ci vuole un po' di i attenzione e eliminare gli eventuali nuovi ricacci con la normale manutenzione.
Saluti
Pedru

_________________
Su ki iskhit su foghile ki no l'lskhet su Jannile


21/05/2016, 11:08
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 15/02/2011, 21:10
Messaggi: 112
Località: Piedmont
Formazione: Medico
Rispondi citando
Riprendo il mio post.
Ora al posto dei rovi ho un deserto completo. (ho ripulito tutto con un escavatore, nessuna roba chimica :-))
Ora però voglio farci crescere dell'erba. Cosa mi consigliate?
che razza di erba devo seminare? Posso comprare i rotoli già fatti?
Siamo in montagna a 900 m circa e non piove da 9 mesi ed è tutto secco.
Grazie


22/10/2017, 11:21
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/09/2017, 10:18
Messaggi: 261
Località: bassa Valsusa
Formazione: Buoni studi
Rispondi citando
Di che parte montuosa del Piemonte (almeno così mi pare di dedurre) stiamo parlando?
La querelle sul glifosate mi ha fatto perdere di vista la richiesta iniziale per cui non mi è chiaro se la intenzione è di farci un prato ornamentale o semplicemente costituire una superficie erbosa. In tal ultimo caso al tuo posto io mi guarderei in giro per vedere se e che tipo di prati ci sono in zona (probabilmente polifiti permanenti, direi tipo asciutto visto il cambiamento climatico e la mancanza di irrigazione) e mi indirizzerei in tal senso; tra l'altro saresti in linea con gli orientamenti comunitari che intendono promuovere il c.d. greening.

Quanto al diserbante in argomento mi pare che siano stati espressi tutti gli approfondimenti del caso con le dovute citazioni normative e i pareri espressi da EFSA e IARC. Posso solo aggiungere che le recenti revoche di prodotti fitosanitari al glifosate (mi pare non sia stato detto) riguardano solo quelli che contengono come coformulante ammina di sego polietossilata; e che proprio pochi giorni fa i due nostri Ministri interessati al tema del rinnovo dell'autorizzazione, in risposta alle contestazioni di Greenpeace in Roma hanno dichiarato che l'Italia dirà no al prossimo appuntamento europeo (personalmente suppongo sarà probabilmente una posizione di minoranza; in precedenza a esprimere voto negativo al parere EFSA fu solo la Svezia su 28 Stati membri UE).


22/10/2017, 12:38
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 15/02/2011, 21:10
Messaggi: 112
Località: Piedmont
Formazione: Medico
Rispondi citando
grazie per la risposta
La zona è in Prov di Cuneo. C'è una siccità bestiale
Non vorrei fare un giardino ornamentale ma solo avere dei prati attorno.
Di norma sono prati usati per il pascolo di ovini e bovini
Grazie


26/10/2017, 13:44
Profilo
Avatar utente

Iscritto il: 03/09/2017, 10:18
Messaggi: 261
Località: bassa Valsusa
Formazione: Buoni studi
Rispondi citando
Allora la cosa secondo me più adatta è un miscuglio di semi per prato stabile permanente per pascolo senza sfalci (ne esistono in commercio); va bene fino a 1800 slm, è fatto prevalentemente di graminacee a crescita bassa, e dà un prato rustico. Basterà un taglio all'anno per manterenere il prato calpestabile.
Se riesci fai una concimazione di fondo con stallatico (adesso che andiamo incontro all'inverno sarebbe l'ideale) oppure anche con compost (se ne può trovare a prezzi contenuti presso le centrali di riciclaggio rifiuti: io mi fornisco abitualmente da un ecocentro a Pinerolo, venduto a sacchi trasportabili in auto, che è stato testato pure dall'Università di Torino come compost repressivo contro patogeni tellurici).
La semina andrà poi fatta tra fine febbraio e fine aprile (butta poi un occhio alle previsoni meteo a medio termine), preferibilmente trattando prima con uno starter per prati (è un fertilizzante ricco in particolare di fosforo, contente anidride solforica per acidificare e a volte anche un radicante) e irrigando a pioggia per solubilizzare il prodotto. Per la densità di semina è sempre meglio abbondare rispetto alle indicazioni di etichetta.

Quanto alla siccità anche nella mia zona è un disastro: i prati sono irriconoscibili e la terra è diventata polvere; poi in questi giorni volteggiano elicotteri con appeso il bucket dell'acqua perché in Val di Susa sono scoppiati diversi incendi tanto che arriva odore di legno bruciato dove abito (fortunatamente a diversi chilometri di distanza dai focolai).


26/10/2017, 14:37
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 28 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
POWERED_BY
Designed by ST Software.

Traduzione Italiana phpBB.it
phpBB SEO

Informativa Privacy